Tribunale di Trani
Tribunale di Trani
Cronaca

Pietro Bassi, braccio destro di Anacondia, tenta il suicidio in carcere

"Bobby Solo" prova a togliersi la vita poco prima dell'assoluzione

Aveva rinunciato a comparire all'udienza dibattimentale fissata per i primi giorni di aprile e così, lo scorso 25 marzo, ha tentato di togliersi la vita in carcere, impiccandosi con le lenzuola legate alla grata della finestra. A distanza di anni dalla maxi operazione "Dolmen", l'ex latitante Pietro Bassi torna, in un modo o nell'altro, a far scalpore.

Il 57enne tranese, noto come "Bobby Solo", è tra i pochi reduci dell'organizzazione mafiosa capeggiata da Salvatore Anacondia, storico boss della mafia del Nord barese, di cui Bassi era uno dei più fedeli collaboratori. Accusato di duplice omicidio e associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droga, era stato condannato a 30 anni di carcere, pena confermata sia in Appello che in Cassazione, ma a dicembre del 2008 era svanito nel nulla. Rintracciato dai Carabinieri, in collaborazione con la Quick Unit Response del Police Department di Amsterdam, era stato arrestato in Olanda mentre passeggiava con due tranesi. Dopo un lungo periodo di detenzione nella Casa Circondariale di Bellizzi Irpino, era stato da poco trasferito nel Carcere di Frosinone.

Probabilmente a causa del nuovo ed imminente processo penale, Pietro Bassi era caduto in uno stato di profonda depressione e, approfittando dell'ora d'aria degli altri detenuti, ha tentato il suicidio. "Bobby Solo" ha penzolato per circa una quarantina di secondi, fino a quando gli insoliti rumori hanno scatenato l'immediato intervento degli agenti di Polizia penitenziaria. È stato trasportato in gravissime condizioni nell'ospedale di Frosinone, dove tutt'ora si trova in stato di coma.

Per uno strano scherzo del destino, di lì a poco, l'avvocato del detenuto, Rolando Iorio, avrebbe comunicato al Bassi l'esito del processo, celebratosi dinanzi al Tribunale di Trani. "Bobby Solo" è stato assolto con formula piena, perchè il fatto non sussiste, ma questo lui ancora non lo sa.
  • Polizia Penitenziaria
Altri contenuti a tema
Carcere di Trani, mezzo chilo di stupefacenti nascosti vicino la recinzione Carcere di Trani, mezzo chilo di stupefacenti nascosti vicino la recinzione Scoperto dalla Penitenziaria il tentativo di introdurre cocaina e hascisc, oltre ad un telefono cellulare
Polizia penitenziaria, a Trani i pensionati da tutta Italia per il sesto raduno nazionale Polizia penitenziaria, a Trani i pensionati da tutta Italia per il sesto raduno nazionale Cerimonia in villa comunale e Piazza Quercia con autorità e forze dell'ordine
Al lavoro con la droga, arrestato un agente di Polizia Penitenziaria Al lavoro con la droga, arrestato un agente di Polizia Penitenziaria Tranese in servizio a Foggia, sorpreso dai cani con 250 gr di hashish
Idoneo ad un concorso ma non può lavorare, la storia di Giovanni Paradiso Idoneo ad un concorso ma non può lavorare, la storia di Giovanni Paradiso A bloccarlo una precedente domanda per entrare nell'Arma dei Carabinieri
Carcere: Pastore difende la "vigilanza dinamica" Carcere: Pastore difende la "vigilanza dinamica" Il consigliere regionale: «Gli errori di uno non inficino un intero provvedimento»
Aggressione in Carcere, feriti due agenti della penitenziaria Aggressione in Carcere, feriti due agenti della penitenziaria Erano intervenuti per difendere personale medico, la denuncia della Cosp
Sorpreso con la droga al rientro in carcere, tutto merito di Vera il cane tranese Sorpreso con la droga al rientro in carcere, tutto merito di Vera il cane tranese Operazione della Polizia Penitenziaria a Turi, un detenuto con hashish ed eroina
Detenuto evade dalla semilibertà: riacciuffato dopo poche ore Detenuto evade dalla semilibertà: riacciuffato dopo poche ore Il 34enne era impiegato nelle pulizie del cimitero di Trani
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.