Claudia Gerini
Claudia Gerini
Cronaca

Prima udienza al Tribunale di Trani per Claudia Gerini: e non è un film

L'attrice è accusata del furto di un cellulare a un paparazzo

Sicuramente erano esasperati dal paparazzo che li avrebbe seguiti appositamente da Roma per fotografarli nella loro trasferta a Bisceglie in occasione dello spettacolo teatrale che l'attrice romana portava in scena in quel periodo, "Storie di Claudia".

Ma un furto resta un furto anche quando si è esasperati e essere tallonati dai giornalisti si sa, è il prezzo da pagare alla celebrità. Dove stia il limite al rispetto della privacy non sta a noi dirlo. Di fatto talvolta l'insistenza è un troppo che stroppia è la vicenda di lady Diana dovrebbe far riflettere. Nel caso della Gerini e del suo ex compagno, Andrea prete, pare che il fotografo Maurizio Sorge, non si fosse arreso di fronte ai decisi richiami della coppia a essere lasciata in pace nei propri momenti di privacy.

L'insistenza eccessiva del fotografo è tutta nella dichiarazione messa a verbale resa ai carabinieri e messa a verbale all'epoca dei fatti:

"La conoscevo come una persona piuttosto intollerante verso i paparazzi e così avevo azionato il mio Samsung in modalità video per registrare eventuale sue reazioni o comportamenti scorretti". E in effetti, dopo diversi richiami da parte della Gerini al fotografo che dal lungomare di Bisceglie dove facevano jogging erano stati inseguiti anche in albergo, i richiami si sono trasformati in una lite furibonda tra la coppia e Sorge, baruffa che da quel telefonino era stata ripresa completamente.

E qui il furto: quando Claudia Gerini e il suo fidanzato si sono resi conto della avvenuta ripresa si sarebbero impadroniti - materialmente sarebbe stato Andrea Prete che poi lo avrebbe consegnato alla fidanzata - del cellulare, scrigno delle immagini e dei video che i due non volevano venissero divulgati.

Nella denuncia, Sorge ha lamentato in un primo momento il danneggiamento della sua auto (una Lancia Delta) con un oggetto appuntito, forse una chiave, anche se l'oggetto della causa non comprenderà questo passaggio, stralciato in seguito agli accertamenti compiuti dalle forze dell'ordine.

L'attrice, successivamente, ha sporto a sua volta denuncia nei confronti di Sorge che si è costituito parte civile davanti al giudice Pizzicoli mentre il legale di Gerini ha preannunciato la richiesta di rito abbreviato. Prossima udienza in primavera.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Colpito a un occhio nel 2010 negli scontri allo stadio "Poli" di Molfetta: Alessandro Di Ronzo vince la battaglia legale Colpito a un occhio nel 2010 negli scontri allo stadio "Poli" di Molfetta: Alessandro Di Ronzo vince la battaglia legale Il Tribunale di Trani ha condannato il Comune di Molfetta e la società di calcio, con una sentenza storica
Richiesta di rinvio a giudizio per la questione "Le Lampare" Richiesta di rinvio a giudizio per la questione "Le Lampare" Udienza fissata per lunedì 25 ottobre davanti al Gip
26 Sì è spento l'avvocato Friggione, Toga di Platino del Foro di Trani Sì è spento l'avvocato Friggione, Toga di Platino del Foro di Trani Aveva 92 anni: una vita tra professione, famiglia ma anche impegno politico
Processo disastro ferroviario Andria-Corato: ascoltato l'ex assessore regionale Giannini Processo disastro ferroviario Andria-Corato: ascoltato l'ex assessore regionale Giannini Prossima udienza il 28 ottobre nell'Auditorium della chiesa di S. Magno
Assolta in Appello l'avv. Giuseppina Chiarello: "Il fatto non costituisce reato" Assolta in Appello l'avv. Giuseppina Chiarello: "Il fatto non costituisce reato" Ribaltata la sentenza di Primo Grado del Tribunale di Trani
Condanna a trent'anni  per Patrizio Lomolino, riconosciuto colpevole di omicidio Condanna a trent'anni per Patrizio Lomolino, riconosciuto colpevole di omicidio La decisione del tribunale di Trani per l'omicidio del trans Aldomiro Gomes nel 2007
Giustizia svenduta, Nardi torna in libertà Giustizia svenduta, Nardi torna in libertà Cessate le esigenze cautelari
Morte di Raffaele Casale, papà Felice: «Verità e giustizia per mio figlio» Morte di Raffaele Casale, papà Felice: «Verità e giustizia per mio figlio» E il caso finisce anche su “Chi l’ha visto” in attesa che il Gip accolga o meno la richiesta di archiviazione
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.