Gennaro Palmieri
Gennaro Palmieri
Vita di città

Stp, Palmieri (Uildm) controreplica: «Mi sarei aspettato le scuse dal presidente»

E lancia un appello a Bottaro: «Non lasci che si svenda un'azienda che lei ha contribuito a creare»

Con immensa sorpresa e piacere ho potuto leggere l'immediata risposta del Presidente Stp ad un articolo scritto dal sottoscritto in qualità di rappresentante dell'UILDM Sez di Trani, evidentemente per meritare tanta attenzione abbiamo colpito nel segno.

Non voglio alimentare sterili polemiche ma alcune considerazioni vanno inevitabilmente avanzate di fronte alla risposta al Presidente la cui professionalità ed esperienza non è in discussione ma evidentemente aver lavorato in grandi aziende gli hanno fatto perdere tutti i passaggi della storia recente e passata della Stp.

Innanzitutto Lui ci conferma che gli uffici di Trani vengono chiusi solo ed esclusivamente in occasione della festa del Santo Patrono di Bari e quindi per motivi organizzativi da tempo si è adottata questa decisione in virtù di una prassi sindacale allo scopo di evitare disagi sul piano organizzativo tra gli uffici ammnistrativi dislocati nelle due sedi, pensando, egoisticamente, solo di evitare disagi sul piano organizzativo; e dei disagi che potessero derivare da questa bella prassi sindacale alla collettività di Trani ci ha pensato? Certamente no visto quanto accaduto. Quindi, chi ha mancato di rispetto nei confronti della nostra collettività realmente è l'STP. Poi mi hanno insegnato sin da piccolo che "la Legge non ammette ignoranza" ma non ho mai saputo che questo valesse anche per "le prassi sindacali". Quindi non sono tenuto a conoscere, credo come tanti altri utenti, queste prassi e di conseguenza era per me impensabile pensare che gli uffici potessero essere chiusi il giorno della festa patronale di San Nicola di Bari, con tanto di rispetto per il Santo.

Voglio però evidenziare che il sottoscritto si è dovuto recare agli uffici di Trani in quanto è ancora in attesa della telefonata della responsabile che se si fosse degnata di richiamarmi probabilmente avrebbe evitato di recarmi, proprio in quel giorno, nella sede di Trani.

Lui stesso ammette che hanno avuto problemi nell'organizzazione degli uffici di Trani a causa di tre pensionamenti contemporanei che in realtà erano ben noti da tempo e forse meritavano un attenzione maggiore da parte dei vertici aziendali, anche perché a dirla tutta i pensionamenti sono incominciati dall'Ottobre scorso e ne hanno visto almeno uno al mese quindi potevano già da tempo organizzare gli uffici di Trani evitando di lasciare i dipendenti in balia delle onde.

Per tale situazione sono state spostate due risorse in pianta stabile da Bari a Trani, che si stanno impegnando in maniera encomiabile per sostituire lavoratori che da circa 40 anni hanno svolto la loro opera nel Servizio Commerciale, ma non direi che il loro operato possa definirsi encomiabile dal momento che se così fosse, non staremmo qui a parlarne. Ma la mia onestà d'animo mi impone di pensare, e non dubitare, della buona volontà di queste due unità e giustificare la non conoscenza delle pratiche commerciali in così poco tempo. Mi fa piacere e l'ammiro che molto umilmente riconosce che, a causa del Decreto Legge n. 4/2019 si è registrato qualche disservizio presso gli uffici di Trani ma è proprio in queste circostanze di maggior bisogno che un Leader deve tirare fuori il meglio dai suoi collaboratori, riuscendo con le parole giuste a motivarli e a spingerli a fare sempre di più onde compensare positivamente il momento di defaiance che si è presentato a causa di un imprevisto sopraggiunto e non mi si può biasimare e pensare che lo scrivente abbia potuto strumentalizzare tale circostanza solo per un suo tornaconto, come non Le permetto minimamente affermare di essere stato lesivo della Sua dignità e di tutto il Consiglio d'Amministrazione. Io parlo con dati di fatto. Chi è stato toccato doppiamente nella propria dignità, attraverso l'essere stato preso per i fondelli attendendo ancora oggi una telefonata dalla Sua collaboratrice, sono io. Quindi si faccia un serio ed attendo esame di coscienza e veda chi realmente sia stato offeso.

Mi dispiace che ha considerato il mio comunicato come denuncia invece di intenderlo, come segnalazione, anche se un po' forte, perdendo di vista l'oggetto principale della mia denuncia ossia quello di un disservizio in relazione al rilascio di un semplice "Abbonamento" che ad oggi grazie all'operato dei responsabili di Trani il sottoscritto non ha ancora ricevuto.

Invece di accuse strumentali nei riguardi dell'associazione che rappresento mi sarei aspettato innanzitutto le "Scuse" del presidente che ricordo è nominato dal Socio Amet Spa di proprietà dei cittadini di Trani a cui lui deve rispondere per le scelte in quanto ricordo a me stesso che il Presidente non ha vinto un concorso ma è un dipendente dei cittadini tranesi. Le "Scuse" per il semplice fatto che il sottoscritto attende ancora una telefonata da una di quelle dipendenti trasferite da Bari che come Lui stesso dice "stanno facendo un lavoro encomiabile" ma io attendo ancora quella telefonata.

Non ho messo in discussione la professionalità delle stesse ma ho semplicemente raccontato quanto mi è accaduto e tutti i disagi che mi hanno arrecato e sfido chiunque a smentirmi. E allora invece di raccontarci le sue esperienze lavorative, le sue amicizie altolocate e il suo curriculum su cui il sottoscritto non ha di certo obiettato anzi sono onorato di aver un Presidente con tale esperienza ma mi sarei aspettato un atto di Mea Culpa invece di polemizzare con il sottoscritto.

Pregiarsi di aver acquistato 35 autobus dotati di accesso per i diversamente abili non è certamente piacevole visto che oggi tutti i nuovi mezzi sono dotati di tali accessori e sopratutto mi sia consentito che non ci sta facendo un regalo ma è un diritto acquisito per legge. Mi sarei aspettato dal Presidente di Stp visto che si definisce "tollerante e comprensivo" innanzitutto le Scuse e una soluzione al problema dell'accesso dei diversamente abili nella Sede di Trani, mettendo in sicurezza completa la rampa utilizzata dai diversamente abili, invece di rispondermi che si sta provvedendo all'acquisto di una nuovo terreno su Trani per il parcheggio dei bus e aver usato la frase "un attacco così esagerato meritava una reazione a tutela degli interessi della S.T.P", ma poiché sono un po' ignorante, chiedo come devo interpretare il sostantivo REAZIONE? Come un Suo sfogo o come una minaccia? E dovrei persino ringraziaLo dal momento in cui appartiene ad una generazione ancora dotata della tolleranza e della comprensione, doti sempre più rare in questo mondo. Come diceva il grande Paolo Villaggio:"Come è buono Lei". Dalle nostre parti si dice:"Cornuto e Mazziato".

Comprendo che di fronte ho un esperto di Trasporti Pubblici ma che invece di polemizzare con il sottoscritto dovrebbe pensare a difendere la Tranesità della Stp che ricordo a me stesso è nata grazie ai tranesi e ai soldi di Amet Spa (credo 4 Miliardi delle vecchie lire).

Mi piace ricordare che fu proprio durante l'Amministrazione Avantario (con l'attuale Sindaco Bottaro componete di quella Giunta Comunale) che si evitò uno scippo e la distruzione di Amet Trasporti Provinciale e nacque, anche grazie alla lotta dei dipendenti tranesi, la Stp.

La storia di questa azienda non è fatta di terreni da comprare o di sedi vuote ma è fatta di uomini e di politici lungimiranti che hanno creato e difeso negli anni questa azienda. Chiudo qui questa vicenda in attesa che Il Presidente chieda " Scusa" per i disservizi invece di contestare il sottoscritto con l'appello al Sindaco Bottaro: "Lei da Assessore ha contribuito oltre 15 anni fa a creare questa azienda ora da Sindaco non consenta a chi non conosce la storia, le battaglie fatte in passato di rubarci "La Tranesità" della Nostra Stp, non consenta che le scelte del futuro della Stp Trani vengano prese a Bari e che si svenda un azienda che Lei ha contribuito a creare e che altri nel recente passato hanno difeso".

Gennaro Palmieri, UILDM Sez. di Trani
  • Stp
Altri contenuti a tema
Amet impazza (ancora) il totonomi per la presidenza Amet impazza (ancora) il totonomi per la presidenza E intanto per Stp si profila la tempesta perfetta
Stp, la replica del presidente Fortunato dopo la denuncia di Uildm: «Conclusioni strumentali ed offensive» Stp, la replica del presidente Fortunato dopo la denuncia di Uildm: «Conclusioni strumentali ed offensive» E annuncia: «Acquisito su Trani un immobile da adibire a deposito degli autobus»
Autobus Stp, il presidente Fortunato garantisce mezzi più puliti Autobus Stp, il presidente Fortunato garantisce mezzi più puliti Ed il dottor Di Candido precisa che alla riunione in Regione non c'era
Studenti arrabbiati con Stp: autobus (vecchi) ancora in circolazione e fatiscenti Studenti arrabbiati con Stp: autobus (vecchi) ancora in circolazione e fatiscenti Mazza e panella di Giovanni Ronco
Malcontento Stp, si dimette il presidente Fortunato Malcontento Stp, si dimette il presidente Fortunato Atto di forza o motivi personali? L’allarme potrebbe tuttavia rientrare
Autobus in panne, traffico in tilt in corso Imbriani Autobus in panne, traffico in tilt in corso Imbriani Il mezzo fermo per un guasto al motore. Sul posto i vigili urbani
1 Stp, è scontro tra Gargiuolo e Fortunato. L'ex presidente «L'acquisto pensato e voluto da me» Stp, è scontro tra Gargiuolo e Fortunato. L'ex presidente «L'acquisto pensato e voluto da me» La replica: «Non mi si risulta che se ne sia mai occupato, non ne aveva alcun titolo»
Nuovi autobus, il sindaco Bottaro: «Trasformiamo la Stp in una grande azienda pubblica» Nuovi autobus, il sindaco Bottaro: «Trasformiamo la Stp in una grande azienda pubblica» E il presidente Fortunato annuncia: «Stiamo riorganizzando la forza lavoro»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.