Carabinieri
Carabinieri
Cronaca

Tenta due volte di uccidere il suo titolare, agguato sul porto di Trani

Ferito ad un braccio un pescatore 46enne, arrestato un 40enne

Ieri mattina si è presentato presso la Caserma dei Carabinieri di Trani un pescatore 46enne del luogo per denunciare un suo ex dipendente 40enne, in quanto, poco prima, quest'ultimo avrebbe tentato di ucciderlo, mirando alla sua persona e sparando 2 colpi di pistola. A prova di ciò, il denunciante portava con sé uno dei bossoli e lo poneva all'attenzione dei militari che lo sottoponevano a sequestro, riferendo che il movente era probabilmente legato a motivi di lavoro.

La cosa che inizialmente lasciava perplessi i Carabinieri era che il pescatore si era presentato in Caserma senza esternare particolare agitazione per il pericolo scampato, nonostante uno dei colpi lo avesse attinto al braccio destro, procurandogli, fortunatamente, solo un lieve graffio. Dal racconto dei fatti, i militari, venivano così a conoscenza che l'attentato era avvenuto tra le 6.30 e le 7.00 presso la banchina del molo Santa Lucia, pertanto mettevano subito in atto tutte quelle attività finalizzate all'acquisizione delle prove e alla ricerca del responsabile. Alcuni militari si recavano quindi sul luogo del delitto, individuando la presenza di un impianto di video sorveglianza, che consentiva l'estrapolazione di immagini che attestavano la veridicità dei fatti. Dall'esame delle stesse emergeva anche la premeditazione, dal momento che l'attentatore è stato ripreso mentre aspettava sul posto di lavoro l'arrivo della vittima.

Il malfattore, infatti, appostato nelle vicinanze, nel vederlo sopraggiungere, si poneva alla guida del proprio ciclomotore e a distanza ravvicinata, con fare fulmineo e passando inosservato, esplodeva all'indirizzo del pescatore il primo il colpo, ma, accortosi di non averlo attinto, si rigirava e faceva nuovamente fuoco, fortunatamente non ferendo nessun altro. Contestualmente a tali verifiche, altri militari, impegnati nelle ricerche del 40enne presso l'abitazione e nei luoghi di abituale frequentazione, ottenevano al momento scarsi risultati. Tuttavia, dopo alcune ore, il 40enne, probabilmente vistosi alle strette dalle pressioni dei Carabinieri, si presentava con il proprio difensore di fiducia presso la locale Caserma, negando il suo coinvolgimento nei fatti in argomento, ma le prove, ormai acquisite rendevano l'arresto inevitabile e, dopo le formalità di rito, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, il 40enne è stato tradotto presso la locale casa circondariale, con l'accusa di tentato omicidio, porto illegale di armi da fuoco e altro.
  • Carabinieri
  • Arresto
Altri contenuti a tema
Ciclomotore rubato a Trani, ritrovato a Cerignola dai Carabinieri Ciclomotore rubato a Trani, ritrovato a Cerignola dai Carabinieri Responsabile del furto un 19enne incensurato
Inseguimento sulla 16bis, arrestato 22enne cerignolano a bordo di un Suv rubato Inseguimento sulla 16bis, arrestato 22enne cerignolano a bordo di un Suv rubato L'episodio questa notte all'altezza dell'uscita sant'Angelo
Sgomberato immobile occupato abusivamente in via Amedeo Sgomberato immobile occupato abusivamente in via Amedeo Questa mattina intervento dei Carabinieri
2 Coppia di anziani truffata a Trani, in manette un avvocato e un maresciallo dei Carabinieri Coppia di anziani truffata a Trani, in manette un avvocato e un maresciallo dei Carabinieri Per entrambi disposti gli arresti domiciliari
Furto alla stazione, arrestato tranese a Trinitapoli Furto alla stazione, arrestato tranese a Trinitapoli Il complice è riuscito a dileguarsi
Rubano 175 litri di olio da una villa in zona Capirro, due arresti Rubano 175 litri di olio da una villa in zona Capirro, due arresti L'operazione dei Carabinieri di Trani all'esito di una perquisizione in zona Castello
Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un dehor: illeso il conducente Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un dehor: illeso il conducente È successo in corso Vittorio Emanuele. Danni alla struttura ma nessun ferito
Operazione "Gran Bazar" del 2016, eseguiti dai Carabinieri 13 ordini di carcerazione Operazione "Gran Bazar" del 2016, eseguiti dai Carabinieri 13 ordini di carcerazione La banda criminale era dedita al traffico di sostanza stupefacenti o psicotrope
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.