Scuola di scherma
Scuola di scherma
Vita di città

Teodorico D'Avella: "Sono tornato a Trani con la mia palestra di scherma tra le macerie infinite di un marciapiede"

Il giovane maestro, che ha scelto di investire nella sua città natale, assiste ogni giorno a lavori annunciati e mai iniziati

E' tornato a Trani per coltivare il sogno di diffondere lo sport del quale è maestro e di cui sta cercando di diffonderne il senso e il valore, ma dopo aver avuto rassicurazioni che il marciapiede, (che da tanti anni sembra essere stato devastato da un bulldozer), davanti al locale scelto per la palestra era lì lì per essere ripristinato, quest'ultimo è stato solo transennato, coprendo oltretutto buona parte della visuale sulle vetrine.

E pensare che tra tanti cervelli e talenti in fuga c'è chi decide di tornare, come Teodorico, che con il suo sorriso dolce e gli occhi celesti pieni di entusiasmo non nasconde però la profonda delusione di trovarsi in questa situazione che assomiglla a periferie degradate più che a una città dallo slancio sociale e turistico evoluto.

Spada, fioretto e sciabola sono le tre discipline della scherma e con un progetto gratuito nella scuola media Giustina Rocca le sta portando tra i giovanissimi che maschere e armi le avevano viste solo in tv, oltretutto con i risultati straordinari che da decenni le squadre italiani femminili e maschili ottengono nelle competizioni olimpiche e nei campionati mondiali.

Teodorico è maestro di scherma con attestati e collaborazioni internazionali di pregio e valore, compresa la abilitazione all'insegnamento della scherma paralimpica ai disabili in carrozzella e non vedenti. Una passione coltivata sin da bambino e che ha vissuto fino a pochi mesi fa nel nord italia, come atleta e come insegnante, fino al momento di scegliere di tornare nella sua città e cercare di contribuire a colmare con una palestra dedicata alla scherma i troppi vuoti nella possibilità di scegliere e praticare uno sport (tra i quali il nuoto, per citarne uno).

La scherma è rigore, rispetto: in una città come Trani in cui fenomeni di vandalismo e bullismo paiono addiruttura in aumento, investire in uno sport come questo sarebbe una delle "armi", è il caso di dire, per combattere questi fenomeni sociali sempre più preoccupanti. Praticare scherma può significare acquisire autostima, fiducia in se stessi, rispetto dell'altro, senso dell' affrontarsi ad armi pari: ma significa anche stimolare la capacità di concentrazione, in un momento in cui la soglia dell'attenzione dura davvero pochi minuti , soprattutto nei giovanissimi (meno di quella di un pesce rosso", riportarono gli studi scientifici di qualche tempo fa. La risposta dei ragazzini nel progetto che Teodorico sta portando nella scuola media tranese è straordinaria, documentata dai questionari nei quali si leggono espressioni semplici ma entusiastiche, a tratti davvero disarmanti per noi adulti che li leggiamo: "Cosa ti è piaciuto di più? Tutto; Cosa ti è piaciuto di meno? Niente, è perfetto", anzi "Che durasse sempre, che diventi l'ora di ginnastica". Perchè no? non potrebbe diventare un buon suggerimento? La scherma non è uno sport economicissimo e dare la possibilità di avvicinarvisi anche a chi non potrebbe permetterselo sarebbe un investimento di crescita per l'intera comunità.

ll locale è grande, arioso, luminoso, conforme a tutti gli standard di sicurezza, predisposto anche all' utilizzo in sicurezza dei disabili, un investimento importante: paradossale che appena varcata la soglia il rischio sia quello di inciampare e cadere su un marciapiede dissestato.

Anche una piccola area relax nel piano inferiore della scuola, dove ci sono gli spogliatoi, i servizi e la palestra per l'attività propedeutica a corpo libero: "Collaboro con la nazionale danese che in ogni club ha una cucina per i cosiddetti campi, per trascorrere la giornata di studio e lavoro insieme; e su quel modello il desiderio, tra i tanti, è quello di creare anche qui da me quella bella realtà di condivisione e raduno che tanto affiatamento crea tra i team delle varie nazioni". Intanto Teodorico, che porta il nome di un imperatore per tanti aspetti illuminato che tra le altre cose si occupò di far restaurare ponti, strade e case, continua a offrire lezioni dimostrative (due settimane di lezione gratuita, vale a dire sei lezioni di due ore ciascuna) e a portare la cultura della scherma nelle scuole. Chissà che quel nome non sia di ispirazione per restauri pure nella nostra Città.
Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /Scherma DAVELLA /
  • Sport
  • Strade
Altri contenuti a tema
Arti marziali: 33 trofei per la Mask Trani Arti marziali: 33 trofei per la Mask Trani Tutto l'elenco dei giovanissimi atleti: le vittorie dedicate alla Città
Il Roma Club ristruttura a proprie spese il campetto di calcio della chiesa di San Francesco Il Roma Club ristruttura a proprie spese il campetto di calcio della chiesa di San Francesco Domenica un momento di sport e solidarietà con i dirigenti dell'Airc
Padwel Club ridà vita all’ex San Marco Sud, storica fabbrica tranese Padwel Club ridà vita all’ex San Marco Sud, storica fabbrica tranese Tutti pieni i 13 campi da padel sul mare per l’apertura
Il Questore della Bat incontra alcuni atleti di Powerchair Football Il Questore della Bat incontra alcuni atleti di Powerchair Football Una giornata speciale quella vissuta Donato Grande, Sergio Alessandro e Vincenzo Apruzzese
Nuova vita all’ex San Marco Sud, apre Padwel Club: imprenditori da Roma a Trani per 13 campi da padel Nuova vita all’ex San Marco Sud, apre Padwel Club: imprenditori da Roma a Trani per 13 campi da padel In programma nei prossimi mesi l’apertura di una palestra, di un’area wellness con piscina e un bistrot
L'Asd Skating Trani è stata premiata con la Stella al merito sportivo L'Asd Skating Trani è stata premiata con la Stella al merito sportivo A ritirare l'onorificenza le allenatrici Marisa Mancini e Jolanda Modugno
L'Asd Mask vola in Albania e fa incetta di medaglie L'Asd Mask vola in Albania e fa incetta di medaglie Ottime prestazione quelle raggiunte dagli atleti a Valona
Kungfu, i tranesi Giulia Bassi e Luigi Scassano vicecampioni d'Europa Kungfu, i tranesi Giulia Bassi e Luigi Scassano vicecampioni d'Europa Un ottimo traguardo raggiunto in Grecia
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.