Trani Governa
Trani Governa
Politica

Trani Governa: «Oltre 4 milioni nel bilancio ma l’Amministrazione dice che non può fare nulla»

La coalizione risponde all’assessore Lignola

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Apprendiamo con sommo stupore da un articolo di stampa, a firma dell'Assessore alle Finanze del Comune di Trani, che l'amministrazione comunale tranese non può far nulla per proprio conto per dare concreto sostegno ai cittadini, quelli che pagano le tasse e, tra le altre cose, anche gli emolumenti suoi e di tutta la Giunta. L'Assessore Lignola, che in quest'occasione fa da schermo al Sindaco per evitargli figuracce pubbliche, attraverso il pilatesco comunicato adopera lo schema del "vorrei, ma non posso" mettendo in chiaro che i cittadini, ancora una volta, dovranno cavarsela da soli.

L'Assessore confessa impunemente, ancora, che il Comune di Trani finora sul sostegno alla cittadinanza in difficoltà non ci ha messo un euro. Elenca una serie d'interventi come il pagamento del fitto casa, avvenuto con mesi di ritardo e con soldi della Regione Puglia; l'erogazione dei buoni spesa, che sono stati elargiti grazie alle devoluzioni dell'Ente nazionale della Protezione Civile per ben 479 mila euro e della Regione Puglia per altri 169 mila (a proposito, molti cittadini esasperati aspettano ancora una risposta da oltre un mese mentre nel bando era prevista in due giorni dalla consegna della domanda!); ed ancora parla della raccolta alimentare, frutto delle donazioni di imprenditori, cittadini privati e da fondi del Governo. Afferma inoltre che le imposte locali non siano ancora state poste in riscossione; e ci mancherebbe visto che il differimento del pagamento dei tributi locali è stato previsto con una Legge dello Stato (Decreto Legge n. 18 del 17 Marzo 2020, cosiddetto "Cura Italia"). Cosa avrebbe voluto fare l'Assessore, non recepire e contravvenire ad una Legge e far pagare i tributi locali ai cittadini tranesi, unici in Italia?!

Il capitolo riduzione Tari per le aziende con obbligo di chiusura sta diventando poi una barzelletta. Si continua ad affermare che la tassa in oggetto serve a coprire i costi del servizio, nulla di più esatto. Ci chiediamo quindi se il servizio non è stato effettuato per oltre un mese quali costi si debbano coprire relativamente al mese che non è stato svolto?! Si vuol far conseguire un indebito arricchimento ad Amiu, in danno ai cittadini?! Se proprio si volessero razionalizzare i costi di Amiu si cominciasse dal rinunciare agli inutili ed esosissimi incarichi esterni, ormai pratica quotidiana delle nostre partecipate, al pari delle assunzioni sui generis e poco opportune soprattutto in periodi come questi.

E' facile amministrare in questa maniera. E' facile voltarsi dall'altra parte rispetto ai bisogni ed alla disperazione. Chi non sarebbe capace di gestire in maniera ordinaria fondi che qualcun altro è in grado di reperire e di accreditare sul conto corrente, senza che il Comune muova un dito, o si prodighi nel minimo sforzo?

Le uniche cose che quest'amministrazione ha saputo fare in questo mese e mezzo sono produrre spot pubblicitari negativi per la comunità cittadina sulle reti nazionali, pubblicare provvedimenti dubbi sull'Albo Pretorio, acquistare piante per oltre cinque mila euro e rimborsare le trasferte a Roma al Sindaco; per quello i soldi si trovano sempre. Questione di priorità.

Noi siamo convinti che la priorità sia il sostegno ai cittadini ed agli imprenditori colpiti dalla crisi dovuta all'emergenza sanitari. Siamo convinti che si possa e si debba fare ognuno la propria parte, compreso il Comune.

Abbiamo reperito ben 4,5 milioni di euro nel bilancio comunale da mettere a disposizione dei cittadini e del tessuto imprenditoriale; abbiamo pregato di essere ascoltati, ma nulla, continuano a mentire ed a lavarsene le mani dicendo che non possono fare nulla.

Rinnoviamo il nostro appello per conto dei cittadini ad intervenire subito, con tutti i mezzi a disposizione e restiamo in attesa, qualora ce ne fosse bisogno ed in spirito di collaborazione per il bene della nostra comunità, di poter mostrare dove reperire le risorse comunali per il sostegno concreto a chi ha davvero bisogno.

La coalizione "Trani Governa"
  • Luca Lignola
Altri contenuti a tema
2 Pagelle ad orologeria e burrata Pagelle ad orologeria e burrata Tutti i voti della settimana di Giovanni Ronco
Aumento delle indennità e variazioni al bilancio: la parola a Luca Lignola Aumento delle indennità e variazioni al bilancio: la parola a Luca Lignola L'assessore: «La Giunta non è una banda di lestofanti»
Tares 2013, Lignola risponde alla denuncia di un contribuente Tares 2013, Lignola risponde alla denuncia di un contribuente L'assessore: «Nessuna evasione, solamente solleciti»
Bilancio, Lignola: «Tasse e problemi della città caleranno insieme» Bilancio, Lignola: «Tasse e problemi della città caleranno insieme» Sul caso Lampara, il nuovo esponente della giunta:«Occorre portare tutti gli immobili nella legalità»
Bottaro presenta i nuovi assessori: «Incarichi fondamentali. Mi ha guidato la fiducia» Bottaro presenta i nuovi assessori: «Incarichi fondamentali. Mi ha guidato la fiducia» La giunta torna a sette con di Gregorio all'Ambiente e Lignola al Bilancio
Giunta, il nuovo assessore al Bilancio è Luca Lignola Giunta, il nuovo assessore al Bilancio è Luca Lignola «Le gestioni degli immobili comunali andranno riportate alla legalità»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.