Diritto civile
Diritto civile
Attualità

Truffe reddito di cittadinanza, le precisazioni dell'avvocato di uno degli indagati

«Il mio assistito non è stato ancora condannato, se non dall'opinione pubblica»

A seguito del servizio andato in onda sulla Rai inerente l'inchiesta sulle truffe da reddito di cittadinanza che vede coinvolti una cinquantina di giovani tranesi e il conseguente articolo pubblicato su Traniviva (leggi qui) giunge in redazione la replica dell'avvocato di uno degli indagati e che riportiamo qui di seguito.

«Subito dopo il montaggio del servizio giornalistico - scrive l'avvocato Angelo Scuderi alla redazione di TraniViva - mandato in onda nella trasmissione "Avanti Popolo" trasmessa sui canali nazionali ed avendo la Vs. pregiata testata giornalistica riportato, giustamente, per intero il contenuto del medesimo servizio giornalistico mi preme evidenziare, quale difensore del soggetto definito sarcasticamente "senza fissa dimora e percettore del r.d.c." che per quanto riguarda il giovane soggetto addirittura ricercato presso l'abitazione dei genitori dall'inviato (sì da apparire riconoscibile ai più), anche verso lo stesso, come nei riguardi di tutti gli indagati e/o imputati, vige il sacrosanto principio di innocenza così come definito dalla giurisprudenza nazionale e sovranazionale.

Allo stato il procedimento penale è addirittura nella fase, seppur conclusiva, delle indagini preliminari ragion per la quale nessun giudice terzo è stato chiamato, almeno fino ad ora, a delibare neanche sommariamente la legittimità o meno dell'eventuale ipotesi accusatoria del P.M. Dispiace, inoltre, che i soggetti coinvolti, e per quello che riguarda il mio assistito, debbano addirittura difendersi da due procedimenti: il primo, sommario e senza contraddittorio, di origine mediatica e poi, eventualmente, innanzi il giudice naturale precostituito per legge.

Si segnala, inoltre, per mero scrupolo di verità che, ad oggi, il procedimento penale al quale il servizio fa riferimento non è sfociato in nessuna richiesta di rinvio a giudizio da parte dello stesso P.M. e che, anche in ragione di tanto, la Vs. redazione che mi risulta essere stata sempre attenta ai diritti dei soggetti coinvolti nei procedimenti penali (dai quali è bene ricordarlo è fisiologico essere anche assolti) pubblichi la presente nota evidenziando che il soggetto coinvolto nella vicenda, reso potenzialmente riconoscibile ai terzi per la pubblicazione del proprio luogo di abitazione, non è stato ancora condannato, se non dall'opinione pubblica, ed anche ad esso va riconosciuto il diritto ad essere ritenuto innocente fino ad un'eventuale sentenza definitiva di condanna».
  • Attualità
Altri contenuti a tema
1 Ritrovata a Molfetta Mariagrazia De Feo scomparsa da Trani il 30 maggio Ritrovata a Molfetta Mariagrazia De Feo scomparsa da Trani il 30 maggio La famiglia: «Grazie a tutti per la collaborazione»
Scomparsa di Mariagrazia De Feo, l'ultima localizzazione a Molfetta Scomparsa di Mariagrazia De Feo, l'ultima localizzazione a Molfetta Da questa mattina il cellulare della giovane risulta spento
Un cerchio perfetto attorno al sole, lo spettacolare fenomeno nel cielo di Trani Un cerchio perfetto attorno al sole, lo spettacolare fenomeno nel cielo di Trani Si tratta dell'alone di 22°, evento naturale basato sulla rifrazione della luce
Caso Del Negro: il figlio Benito riconosciuto "totalmente all'oscuro della scomparsa del genitore" Caso Del Negro: il figlio Benito riconosciuto "totalmente all'oscuro della scomparsa del genitore" Un comunicato degli avvocati Falco e Sasso annuncia la conclusione delle indagini disposte dalla procura di Sulmona
Il Consiglio di Stato torna sulle concessioni balneari e diventa (di nuovo) legislatore Il Consiglio di Stato torna sulle concessioni balneari e diventa (di nuovo) legislatore Il tormento delle imprese e dei lavoratori durante il 1° maggio
Elisabetta de Robertis: "Non si può continuare a morire in carcere" Elisabetta de Robertis: "Non si può continuare a morire in carcere" L'appello del garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Trani
1 Rosa Diaferia di Trani festeggia 100 anni Rosa Diaferia di Trani festeggia 100 anni Grande festa alla presenza dell'assessore Di Lernia
Un Borghese... piccolo piccolo! Ecco la parodia tutta tranese dei 4 Ristoranti su Sky Un Borghese... piccolo piccolo! Ecco la parodia tutta tranese dei 4 Ristoranti su Sky É virale un gioco grafico di Trani Sadness con quattro attività molto popolari in città
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.