Alfonsino
Alfonsino
Vita di città

Food delivery, si ordina anche da Facebook: presto 50 nuove assunzioni a Trani

Trani è la prima città della Puglia ad essere coperta dal servizio. Si chiama "Alfonsino Delivery"

Chi vive in un piccolo centro sa che ordinare online il pranzo o la cena ricevendoli direttamente a casa è un'utopia. I grandi colossi del food delivery molto spesso non coprono le piccole città costringendo gli abitanti di queste realtà ad uscire per recarsi al solito take away sotto casa.

A fornire un servizio di consegne a domicilio ai piccoli centri, è Alfonsino Delivery, che permette di ordinare dai migliori ristoranti, trattorie, sushi bar della città in modo semplice, via chat su Facebook Messenger oppure attraverso la classica App e ricevere il proprio pasto in 30 minuti.

Trani è la prima città in Puglia ad essere coperta dal servizio, ma, a breve si potrà ordinare a domicilio anche ad Trani, Andria e Barletta.

"L'attuale situazione che stiamo vivendo ha fatto scoprire a molti italiani il food delivery, così che anche nei piccoli centri, la voglia di ricevere comodamente a casa il proprio pasto è dilagata. Se per le multinazionali del "delivery" la capillarità sul territorio non è sostenibile, lo è per una realtà come Alfonsino che nasce proprio per offrire questo servizio ai piccoli centri, con un approccio più "umano" e più vicino alle esigenze delle comunità locali. Un Delivery sostenibile sia nelle modalità di coinvolgimento dei rider, che sono regolarmente assunti dall'azienda, sia nel coinvolgimento dei ristoratori all'interno della piattaforma, che hanno a disposizione un coach che li supporta per far in modo che il servizio sia realmente utile per la loro attività." - spiega Domenico Pascarella, co-founder di Alfonsino.


Nato a Caserta nel novembre del 2016, dall'ingegno ed intuizione di Carmine Iodice, Domenico Pascarella e Armando Cipriani, Alfonsino è già attivo in più di 300 comuni italiani, 6 regioni e può contare su oltre 700 ristoratori partner tra cui Burger king, Grom e Old Wild West.

Il nome rammenta un amico di famiglia o di quartiere che ti porta a casa il pranzo o la cena, ed infatti grazie ad Alfonsino pizza, kebab, hamburger, sushi e tanto altro giunge direttamente a domicilio in pochi minuti, prenotando in modo rapido ed immediato in due modi: tramite la chat di Facebook, https://www.facebook.com/alfonsino.delivery/ senza credenziali, grazie al chatbot nativo sviluppato in-house dalla startup; oppure scaricando l'app di Alfonsino disponibile gratuitamente su App Store e Google Play Store bit.ly/spesalf dove si ha tra anche, la possibilità di tracciare in tempo reale il rider che consegnerà il pasto, dalla presa in carico all'assistenza dedicata post consegna.


La particolarità di Alfonsino risiede anche nelle modalità di ingaggio dei rider che vengono assunti direttamente dall'azienda. Per Trani, la startup vuole assumere entro i prossimi mesi una cinquantina di nuovi collaboratori, che consegneranno il cibo a domicilio in scooter o auto, proprio per raggiungere anche le abitazioni più distanti, mantenendo però il raggio di copertura del servizio che è di 4 km e mezzo dal centro.

In un'ottica di sviluppo del servizio, la ricerca di rider sul territorio è sempre attiva. Con Alfonsino il fattorino può scegliere data ed orario di lavoro selezionando il turno direttamente in app. I rider ricevono pagamenti settimanali, driver kit gratuito e guadagnano un fisso per ogni turno preso.

Per candidarsi basta compilare il form sul sito https://alfonsino.delivery/driver.
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Decreto Agosto, le agevolazioni sul lavoro Decreto Agosto, le agevolazioni sul lavoro A cura di Dott. Perrone Vincenzo
Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp) denuncia: «Meno 50 agenti rispetto alle attuali 300 unità» Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp) denuncia: «Meno 50 agenti rispetto alle attuali 300 unità» Il sindacato denuncia la carenza di personale e il sovraffollamento nelle carceri pugliesi
2 Auguri (non) a tutti i lavoratori Auguri (non) a tutti i lavoratori Quella di oggi è una festa meritata da tutti?
1 Lavoratori precari contro virus: un altro capitolo Lavoratori precari contro virus: un altro capitolo Un pensiero a chi ogni giorno lotta sul lavoro contro questo "mostro"
Call center in Puglia: devono limitare la loro attività al servizio di assistenza clienti Call center in Puglia: devono limitare la loro attività al servizio di assistenza clienti I lavoratori in sede hanno l’obbligo di attuare protocolli di sicurezza anti contagio
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
È online il sito internet della Camera del Lavoro di Trani È online il sito internet della Camera del Lavoro di Trani De Mario: «Per noi un nuova sfida e uno strumento per far conoscere le nostre vertenze»
2 Adriano De Masi, storia di un tranese partito da zero: lezione per tanti altri Adriano De Masi, storia di un tranese partito da zero: lezione per tanti altri In Germania per cercare lavoro tra decisioni coraggiose e sacrifici
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.