Computer internet
Computer internet
Territorio

Banda larga, Trani è una delle città interessate dal progetto

148 Comuni pugliesi coperti, 8 sono della Provincia di Barletta-Andria-Trani

Trani è uno dei 148 Comuni pugliesi interessati dal progetto della banda larga che permetterà ai cittadini, alle pubbliche amministrazioni e alle aziende di navigare con una capacità di banda da un minimo di 30 megabit per secondo a un massimo di 100 megabit per secondo. La Puglia è la quarta regione, dopo Campania, Molise e Calabria, ad avviare i lavori per la realizzazione della nuova rete a banda ultralarga.

L'opera, presentata ieri a Bari da Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia, da Giuseppe Recchi, Presidente di Telecom Italia e da Salvatore Lombardo, Amministratore Delegato di Infratel Italia, sarà realizzata da Telecom Italia, vincitrice del "Bando regionale per lo sviluppo della rete a Banda Ultra Larga nella Regione Puglia", emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico, che prevede un finanziamento pubblico di 61,7 milioni di euro, a cui si aggiungono 33,3 milioni di euro di investimento da parte di Telecom Italia. Il progetto, presentato da Telecom Italia prevede, entro il primo semestre 2016, la copertura di 148 nuovi comuni e Telecom Italia adeguerà 192 centrali che permetteranno di abilitare oltre 1,2 milioni di unità immobiliari alla connettività a 30 megabit al secondo e più di 1100 edifici a 100 megabit al secondo. Tra i 148 Comuni interessati, 38 sono nella Provincia di Bari, 17 nella Provincia di Brindisi, 18 nella Provincia di Foggia, 45 nella Provincia di Lecce e 22 nella Provincia di Taranto, 8 nella Provincia di Barletta-Andria-Trani: nella nostra Provincia saranno interessati le città di Bisceglie, Canosa di Puglia, Margherita, Minervino Murge, San Ferdinando, Spinazzola, Trani e Trinitapoli.

Tuttavia, come si legge nel documento "Strategia italiana per la banda larga" prodotto dalla Presidenza del Consiglio, insieme al Ministero dello Sviluppo Economico, all'Agenzia per l'Italia Digitale e all'Agenzia per la Coesione "Il nostro Paese parte da una situazione molto svantaggiata che ci vede sotto la media europea di oltre il 40 punti percentuali nell'accesso a più di 30 Mbps e un ritardo di almeno 3 anni. Secondo i piani industriali degli operatori privati, infatti, solo nel 2016 si arriverà al 60% della popolazione coperta dal servizio a 30 Mbps, senza impegni oltre quella data". L'Italia, infatti, sta sotto i 15, insieme a Paesi balcanici, Grecia e Turchia; gli altri sono tutti più veloci, dalla Bielorussia (tra 15 e 20) a Polonia e Ucraina (20-25) fino ai 45-50 Mbps di Olanda, Svizzera e Lituania e agli oltre 50 Mbps di Romania e Svezia.
  • Provincia Bat
  • Internet
Altri contenuti a tema
Papa Francesco sulle Province: «Un elemento di raccordo per azioni a favore dei bisogni più avvertiti dalle comunità locali» Papa Francesco sulle Province: «Un elemento di raccordo per azioni a favore dei bisogni più avvertiti dalle comunità locali» Il pontefice si rivolge ai presidenti dell’Unione delle Province d’Italia
Caldaie, c'è tempo fino al 31 marzo per la compilazione dei rapporti di controllo di efficienza Caldaie, c'è tempo fino al 31 marzo per la compilazione dei rapporti di controllo di efficienza I dati dovranno essere trasmessi telematicamente dal manutentore all'Ente preposto
Prevenzione dell'occupazione abusiva degli immobili, si riunisce il Comitato provinciale di sicurezza Prevenzione dell'occupazione abusiva degli immobili, si riunisce il Comitato provinciale di sicurezza Fornite ai Comuni linee guida ed un censimento degli occupanti
WiFi pubblico, Trani tra i Comuni vincitori del programma europeo WiFi pubblico, Trani tra i Comuni vincitori del programma europeo Alla città 15mila euro per l'installazione degli apparati
Precipitò nel vuoto a Barcellona, la Bat decide di contribuire alle cure mediche Precipitò nel vuoto a Barcellona, la Bat decide di contribuire alle cure mediche La presidenza sollecita Comuni e scuole per aiutare la giovane Chiara
2 Elezioni provinciali, parla il neoeletto Pasquale de Toma Elezioni provinciali, parla il neoeletto Pasquale de Toma «Questo mio ruolo possa aiutare Trani ad avere una dignità maggiore nel territorio»
1 Ecco gli eletti del nuovo consiglio provinciale: di Trani i consiglieri De Toma e Avantario Ecco gli eletti del nuovo consiglio provinciale: di Trani i consiglieri De Toma e Avantario Nessun intoppo per le operazioni di spoglio. Su 226 aventi diritto al voto hanno partecipato solo 166 elettori
1 In corso le elezioni provinciali di secondo livello In corso le elezioni provinciali di secondo livello Chiamati al voto sindaci e consiglieri dei 10 comuni della Bat
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.