Carcere di Trani
Carcere di Trani
Attualità

Carcere di Trani, Mastrulli (Cosp): «Auspichiamo che non siano disposti trasferimenti da altri istituti»

Intervento del sindacato sull'imminente apertura del nuovo padiglione

La nostra prima originaria protesta, come federazione sindacale Co.s.p., partì in tempi non sospetti già dai primi di settembre: siamo stati lungimiranti sulla vicenda carcere di Trani, dell'apertura del nuovo padiglione, di 200 ulteriori ospiti e contestuale chiusura della sezione blu (ex massima sicurezza), che oggi troverebbe conferma dal vertice del dipartimento con direttiva del 1 ottobre scorso, esecutiva dalla fine della seconda decade di ottobre, con la disposizione dello spostamento dei reclusi dalla ex sezione blu al nuovo padiglione detentivo e la contestuale chiusura dell'intero padiglione blu per ristrutturazione.

Chiaramente al termine dei lavori di ripristino della sezione blu, che auspichiamo non si tratti di una sola imbiancata e spolverata ma di diverso, profondo e totale rinnovamento di edilizia penitenziaria.

Auspichiamo, invero, che non siano disposti trasferimenti in entrata a Trani da altri istituti che risultino in eccedenza rispetto alle proprie dotazioni di posti letto. Questo preoccupa la Fs-Cosp, conoscendo storicamente la nostra centrale e regionale amministrazione sull'utilizzo della solita conosciuta "coperta corta".

La Fs-Cosp apprezza, con cautela dovuta, l'interessamento del dipartimento, delle autorità intermedie e della stessa prefettura della Bat anche intervenuta sulla vicenda "carcere Trani".

Auspichiamo, come segreteria generale nazionale e quella regionale puglia rappresentata da Giuseppe Calefato, un riciclo soprattutto per i noti fatti attuali nel comando del penitenziario, oramai datato nel tempo (9 anni): una permanenza che si ritiene in pieno conflitto con la normativa vigente di avvicendamento nella dirigenza di polizia, che solitamente staziona dai tre ad un massimo 5 anni. Invece, ci troviamo a Trani un comando contestato nella gestione delle risorse umane e materiali da sempre e da quasi tutte le sigle sindacali.

Non ci riteniamo soddisfatti, invece, dell'ampliamento dell'organico che a conti fatti non c'è stato se non l'arrivo di 40 unità assegnate per fisiologico riciclo della mobilità nazionale degli agenti/assistenti. Il numero è servito a rimpiazzare una cronica storica carenza di circa 100 poliziotti, nel tempo andati in quiescenza, riformati o trasferiti ad altra sede. Resta una carenza di almeno 50/60 unità, carenza che neanche la politica di governo, deputati e senatori hanno saputo comprendere. Se manderanno altri detenuti da altre sedi, a danno del nuovo reparto detentivo (che a Trani avrebbe una capienza di circa 600 detenuti rispetto all'attuale di 240), si aggiungerebbe la beffa della vigilanza, sicurezza e traduzioni dei reclusi ampliati nel numero di posti letto senza che altri agenti abbiano rafforzato le dotazioni.

Domenico Mastrulli, Cosp
  • Carcere di Trani
Altri contenuti a tema
Dopo oltre quarant'anni chiude la "sezione blu" del carcere di Trani Dopo oltre quarant'anni chiude la "sezione blu" del carcere di Trani I detenuti trasferiti in un nuovo padiglione
Protesta al Carcere di Trani, i sindacati: «Vogliamo la chiusura della sezione blu» Protesta al Carcere di Trani, i sindacati: «Vogliamo la chiusura della sezione blu» «L'apertura del padiglione deve avvenire nel momento in cui verranno inviati almeno 50 poliziotti»
Carcere di Trani, la senatrice Piarulli chiede la chiusura della vecchia sezione di massima sicurezza Carcere di Trani, la senatrice Piarulli chiede la chiusura della vecchia sezione di massima sicurezza Ed aggiunge: "A seguito l'apertura del nuovo padiglione, disposte 44 unità"
Apertura del nuovo padiglione nel Carcere di Trani, sindacati in protesta Apertura del nuovo padiglione nel Carcere di Trani, sindacati in protesta «Si apre senza personale  e senza chiudere la sezione della vergogna»
Nel carcere di Trani un'ex magistrata rumena, su di lei pendeva un mandato di arresto europeo Nel carcere di Trani un'ex magistrata rumena, su di lei pendeva un mandato di arresto europeo Ora attenderà in Puglia l’esito della richiesta di estradizione
Carcere femminile: il 2 luglio la presentazione della garante dei detenuti Elisabetta De Robertis Carcere femminile: il 2 luglio la presentazione della garante dei detenuti Elisabetta De Robertis La sua elezione nel corso dell'ultimo Consiglio comunale
1 Sette boss scarcerati nel Barese, tra loro il tranese Gaetano Rano Sette boss scarcerati nel Barese, tra loro il tranese Gaetano Rano Domiciliari anche per il presunto estorsore Armando Presta
Entro giugno nuovi reparti detentivi nelle carceri pugliesi, c'è anche Trani Entro giugno nuovi reparti detentivi nelle carceri pugliesi, c'è anche Trani Mastrulli (Cosp): «Situazione che crea ulteriori preoccupazioni nel sindacato per le condizioni di lavoro al limite dei poliziotti»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.