Bambini seduti ai banchi di scuola che scrivono ed imparano
Bambini seduti ai banchi di scuola che scrivono ed imparano
Speciale

Ciao ciao DAD – finalmente si torna a scuola!

La strada verso la normalità è lunga, ma i ragazzi sono felici di tornare in classe

Lo scoppio della pandemia di Covid-19 ha notoriamente impattato sulle nostre vite. A marzo 2020 la situazione era talmente incerta che gli organi competenti hanno preso una decisione che non si prendeva dai tempi del vaiolo: la quarantena obbligatoria per tutti, grandi e piccini.

Indubbiamente queste restrizioni, che ci hanno costretto a restare nelle nostre abitazioni, sono state molto forti e hanno modificato per sempre il nostro modo di concepire le attività quotidiane. Nello specifico, il virus ha obbligato le persone a reinventare completamente le modalità di svolgimento di attività come il lavoro, lo svago, lo sport e la scuola (tra tutte le altre).

Nonostante le restrizioni abbiano colpito più o meno tutti, i piccoli sono stati fortemente penalizzati dal virus: la DAD (ossia la didattica a distanza) ha, infatti, fatto parlare molto di sé, e non per grossi meriti. Sia dal punto di vista degli insegnanti che di quello dei bambini si è trattato di uno smacco notevole: per gli insegnanti è stata dura, pena le scarse competenze tecnologiche di un Paese arretrato sotto questo punto di vista e complice le difficoltà insite nella didattica a distanza stessa; per i ragazzi, invece, è stato un vero calvario, con 1 ragazzo su 3 che afferma di aver perduto un anno di preparazione scolastica e il 38% degli studenti che bocciano ogni singolo aspetto della DAD.

Insomma, pochi punti di merito e tantissime imperfezioni di un sistema che ha fallito sotto molti aspetti.

Finalmente si torna a scuola

La buona notizia di tutta questa storia è che dal 20 settembre 2021 si torna a scuola in presenza! Gli studenti e gli insegnanti sono molto contenti, pur in mezzo a tutte le preoccupazioni di un possibile ritorno in Dad, ma con un pochino di accortezza e di rispetto delle regole sarà possibile scongiurare questa situazione.

Una parvenza di normalità emerge anche dalle pubblicità che tornano in televisione. Astucci, diari, agende, biro, squadre, e tanto altro materiale scolastico torna a fare la sua comparsa sugli schermi. La Dad ci ha mostrato che le possibilità del mondo digitale sono comunque enormi, e di fatti non si fanno attendere: basti pensare alla linea di astucci di Chiara Ferragni, che ha clamorosamente fatto sold out nel giro di pochissimo tempo a discapito del prezzo, giudicato elevato da non pochi genitori; il tutto avvenuto esclusivamente mediante i social media.

E gli altri?

Le indubbie (e ammirevoli) capacità di marketing di Chiara Ferragni nulla tolgono ad altre iniziative di rivenditori da tempo affermati sullo scenario del materiale scolastico. I volantini si riempiono di colori e di immagini, e i cartelloni a bordo delle strade mostrano i nuovi prodotti in offerta. Ma anche il digitale presenta numerose proposte: Lidl, Aldi, Iper e tanti altri marchi mostrano i propri assortimenti scolastici in maniera originale. Ad esempio, nel volantino MD anteprima ed offerte sono mostrate in tempo reale, incontrando le esigenze dei genitori che vogliono fare la spesa e che, già che ci sono, possono anche provvedere al materiale che i figli necessitano per tornare a scuola.

Emerge un quadro speranzoso di ritorno alla normalità dopo un periodo difficile per tutti. I ragazzi sono sicuramente contenti di poter tornare tra i banchi di scuola, e a riguardo possiamo stare tranquilli: essendo stati tra i più colpiti dalle restrizioni, conoscono bene l'importanza di rispettare le norme anti-Covid. Nessuno vuole tornare in Dad, questo è certo.

La strada è ancora lunga

Il ritorno alla normalità è la speranza che tutti si auspicano di poter vedere, un giorno. La strada, tuttavia, è ancora lunga, e va affrontata a piccoli passi, uno dopo l'altro. La campagna vaccinale sta portando i suoi frutti, perciò possiamo aspettarci un notevole miglioramento nella qualità della vita di tutti i giorni, specialmente per i ragazzi che rappresentano il nostro futuro.

I ragazzi hanno dimostrato un profondo senso civico, accorrendo in massa a vaccinarsi. La sensazione di aver perso un anno della propria vita è stata terribile, e non vogliono che ciò accada di nuovo.

"Tempi avversi generano individui forti, e individui forti generano tempi di prosperità". Questa citazione è l'augurio che possiamo dare ai nostri guerrieri del domani.
  • Scuola
Altri contenuti a tema
Al tranese Luca Donatellis il Bronzo nelle Olimpiadi Nazionali di Informatica Al tranese Luca Donatellis il Bronzo nelle Olimpiadi Nazionali di Informatica Lo studente dell'Itis "Jannuzzi" di Andria sul terzo gradino del podio nella gara fra sfidanti di tutta Italia
Consegna documentazione per contribuiti libri di testo, c'è tempo fino al 10 dicembre Consegna documentazione per contribuiti libri di testo, c'è tempo fino al 10 dicembre Prorogata la scadenza. Tutte le info
A Trani un open day sul mondo scuola rivolto a docenti A Trani un open day sul mondo scuola rivolto a docenti Il 27 novembre presso la sede del sindacato Confasi
Vulnerabilità sismica della scuola Palumbo, Di Leo: «Due anni per individuare un ingegnere» Vulnerabilità sismica della scuola Palumbo, Di Leo: «Due anni per individuare un ingegnere» La nota del consigliere comunale della Lega
L'istituto Cosmai partecipa ad "Erasmus +" L'istituto Cosmai partecipa ad "Erasmus +" Il progetto mira a promuovere esperienze all'estero per il miglioramento delle competenze linguistiche e professionali
Educazione motoria nelle elementari, Piarulli (M5s): «Finalmente lo sport torna al centro della crescita dei nostri figli» Educazione motoria nelle elementari, Piarulli (M5s): «Finalmente lo sport torna al centro della crescita dei nostri figli» Nota della senatrice pentastellata
Ministro Bianchi a Trani, l'istituto Cosmai di Bisceglie partecipa al concorso Stupor Mundi Ministro Bianchi a Trani, l'istituto Cosmai di Bisceglie partecipa al concorso Stupor Mundi Il progetto realizzato dagli studenti per evidenziare il territorio pugliese e i suoi castelli
Ministro a Bianchi a Trani: «Il rilancio della scuola parte dalla riduzione dei divari tra Nord e Sud» Ministro a Bianchi a Trani: «Il rilancio della scuola parte dalla riduzione dei divari tra Nord e Sud» Bottaro: «Puntiamo all'ufficio scolastico nella Bat». Emiliano: «A noi piace la scuola in presenza»
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.