Cimitero
Cimitero
Politica

Cimitero, il Tar annulla l'aggiudicazione del project financing e condanna il Comune al pagamento di 10mila euro

Tomasicchio contro tutti: «Il provvedimento fu votato nonostante le illegittimità evidenziate in Consiglio»

Il consigliere Tomasicchio ritorna a puntare il dito contro l'Amministrazione Bottaro. Questa volta oggetto d'indagine è l'appalto del project financing per il cimitero comunale, aggiudicato per 26 milioni di euro a fronte di 10 milioni a base di gara, aggiudicazione poi annullata, nei giorni scorsi, con una sentenza del Tar.

«In data 18 maggio 2016 – dichiara il consigliere indipendente - il sottoscritto aveva presentato una interrogazione all'Amministrazione chiedendo chiarimenti sull'appalto del project financing per il cimitero comunale. Risposte nessuna. Il 17 gennaio 2018, in Consiglio Comunale, il sottoscritto aveva nuovamente posto alcuni altri interrogativi sulla legittimità della procedura di gara, che presentava aspetti particolarmente opachi ed in quella sede aveva anche invitato i consiglieri della maggioranza a riflettere sulle conseguenze che avrebbe prodotto, in danno della città, il loro cieco modo di approvare le delibere. Risposte: nessuna. Eppure, si trattava di un appalto che aveva un importo a base di gara di 10 milioni di euro: come aveva fatto il Comune ad aggiudicarlo per 26 milioni? E se il Disciplinare di gara prevedeva (a pena di esclusione) che si potessero costruire solo 6.000 loculi e 2.000 ossari, come aveva fatto il Comune ad aggiudicarlo, concedendo all'impresa di realizzare ben 9.557 loculi e 6.623 ossari, in aperta violazione del Disciplinare di gara?

E come aveva potuto il Comune (compreso il Consiglio Comunale attuale, che ha ratificato proprio queste violazioni di legge) approvare una variante al Piano Regolatore del Cimitero al solo fine di consentire questa aperta violazione ? Ed è un caso che, proprio in quel periodo, la Giunta avesse approvato una delibera che aumentava il costo dei principali servizi cimiteriali, in modo da aggiungere profitto al profitto?».

Poi, la svolta. «Finalmente, nei giorni scorsi, il Tar Puglia, censurando pesantemente l'operato del Comune di Trani, ha annullato l'aggiudicazione che il Comune stesso aveva disposto in favore di una impresa, condannando anche al pagamento delle spese legali per più di diecimila euro complessivi. Il Tar, nella sentenza n. 1559/2018 della Prima Sezione, ha tra l'altro affermato che il progetto presentato dall'impresa aggiudicataria: "in spregio al già citato art. 9 del Disciplinare, costituiva variante al Piano Regolatore Generale Cimiteriale" ed avrebbe consentito "rilevanti margini di profitto privato ottenibili dalla finanziarizzazione a fini di profitto privato della pubblica esigenza di sepolture della comunità tranese" se la questione non fosse stata portata al giudizio del Tar Puglia.

Sicché, nell'operato del Comune di Trani "si ravvisano macroscopici elementi di illogicità, arbitrarietà, irragionevolezza e travisamento dei fatti". Il Tar, tra le altre cose, ha pesantemente censurato il fatto che, per poter aggiudicare l'appalto all'impresa prescelta, il Comune avesse dovuto addirittura adottare una variante al Piano Regolatore: cosicché questa impresa, invece che essere esclusa dalla gara, si è vista addirittura appositamente approvata una variante ad hoc! Inoltre, il Tar ha persino evidenziato "una inusuale consonanza di sforzi difensivi", nel corso della causa, tra difensore del Comune e difensore dell'impresa aggiudicataria: affermazione particolarmente inquietante ed assolutamente insolita se fatta da un Tribunale Amministrativo in una sua sentenza».

«Questo - conclude Tomasicchio - è il modo di procedere dell'Amministrazione Bottaro e della sua maggioranza, questo è il comportamento irresponsabile anche dei consiglieri comunali che hanno votato siffatto provvedimento, nonostante qualcuno avesse ripetutamente loro sottolineato in Consiglio l'illegittimità dei tanti provvedimenti portati e votati: ma questa non doveva essere l'Amministrazione delle competenze e della trasparenza?».
  • Cimitero di Trani
Altri contenuti a tema
Cimitero, lavori eseguiti per l'apertura di un altro ingresso Cimitero, lavori eseguiti per l'apertura di un altro ingresso Fruibile già da oggi e nei giorni di sabato, domenica e lunedì
Rimossa erba alta e vegetazione incolta del campo nel Cimitero di Trani Rimossa erba alta e vegetazione incolta del campo nel Cimitero di Trani L'intervento dopo la denuncia della consigliera Barresi (Italia in Comune)
Commemorazione dei defunti, oggi la cerimonia in cimitero Commemorazione dei defunti, oggi la cerimonia in cimitero Onore ai caduti e deposizione delle corone. Apertura al pubblico fino alle 17
Cimitero, Trani#ACapo torna a chiedere spiegazioni sulle opere compiute nella cappella di San Michele Arcangelo Cimitero, Trani#ACapo torna a chiedere spiegazioni sulle opere compiute nella cappella di San Michele Arcangelo Richiesti chiarimenti al Procuratore della Repubblica su un esposto presentato nel 2016
Festa di Ognissanti: spazio al sacro e alle tradizioni Festa di Ognissanti: spazio al sacro e alle tradizioni Un fiore sulla tomba dei propri cari. Il cimitero aperto con orario continuato dalle 7 alle 17
Cimitero, le sterpaglie rendono impraticabile il passaggio Cimitero, le sterpaglie rendono impraticabile il passaggio Erba alta e rami accatastati: la denuncia di un cittadino
1 Cimitero, è (di nuovo) allarme degrado Cimitero, è (di nuovo) allarme degrado Più sorveglianza, più ordine, più decoro: queste le richieste dei cittadini
2 Cimitero, da oggi quanto costerà morire? Cimitero, da oggi quanto costerà morire? La consigliera Barresi: «La gestione privata sarà un problema serio e gravoso»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.