Raffigurazione del porto di Trani sul sipario del teatro
Raffigurazione del porto di Trani sul sipario del teatro "San Ferdinado"
Eventi e cultura

Codici del mare, gelo tra Amalfi e Trani

Il Comune campano non riconosce gli Statuti Marittimi

Domani sera nuovo appuntamento per celebrare gli Statuti Marittimi. L'associazione teatrale Marluna organizza in piazza Longobardi (inizio ore 21.00) lo spettacolo "Il figlio del mare". La manifestazione teatrale sarà arricchita dall'allestimento di una mostra di cinquanta tavole di fumetti, sempre sul tema degli Ordinamenta maris, realizzati dagli allievi del corso di fumetti organizzato da Marluna teatro. In caso di pioggia, lo spettacolo sarà realizzato il 23 settembre all'interno del cinema Impero.

Il cartellone (ricchissimo) degli Statuti Marittimi gode di numerosi patrocini, non solo economici ma anche morali, compresi quelli di 3 dei 4 Enti riconducibili alle Repubbliche marinare. L'assessore alla cultura, Salvatore Nardò, aveva chiesto la condivisione della Provincia di Venezia, di Genova e di Pisa e del Comune di Amalfi.

I 3 Enti provinciali non hanno avuto difficoltà a concedere il placet morale alle manifestazioni per il 950mo anniversario degli Ordinamenta Maris, Amalfi invece ha negato la concessione del patrocinio. Nessun diniego formale, ma la decisione di non condividere la celebrazione tranese è stata comunicata per telefono all'assessore Nardò dall'assessore alla cultura del Comune di Amalfi, Daniele Milano. La commissione consiliare comunale della città campana ha espresso più di una perplessità sull'età effettiva del nostro codice che risulta essere anteriore alle Tabulae Amalphitanae, codice marittimo, redatto ad Amalfi intorno all'XI secolo.

Secondo la tradizione gli Ordinamenti Maris sarebbero stati emanate nel 1063 ed in tale prospettiva risulterebbero il più antico codice marittimo della storia. Furono scoperti nell'ottocento dallo studioso francese Pardessus durante una ricerca per un'opera enciclopedica. Nel volume "Statuta Firmanorum" del sedicesimo secolo si faceva espresso riferimento agli Ordinamenta tranesi. Per Amalfi il dubbio sulla nascita resta. Nardò aveva invitato alcuni rappresentanti del Comune di Amalfi in occasione del convegno storico di apertura delle celebrazioni, ma nessun referente amalfitano è riuscito a raggiungere Trani. Nardò è intenzionato a riprovarci. Intanto ad Amalfi è stata spedita una voluminosa documentazione storica.
  • Statuti Marittimi
Altri contenuti a tema
Che fine hanno fatto le tavole di piazza Longobardi? Che fine hanno fatto le tavole di piazza Longobardi? Ecco un altro esempio di spreco di denaro pubblico
Crolla la targa in pietra di palazzo Quercia Crolla la targa in pietra di palazzo Quercia Dopo più di due mesi i resti della targa sono ancora lì
Via le tavole degli Statuti Marittimi da piazza Longobardi Via le tavole degli Statuti Marittimi da piazza Longobardi Parte la polemica tra Riserbato e Tarantini, per l'ex sindaco una "sconfitta per la città"
Statuti Marittimi, nuovi ritrovamenti e ipotesi di ricerca Statuti Marittimi, nuovi ritrovamenti e ipotesi di ricerca Sugli sviluppi degli studi presto una conferenza alla Lega Navale
Il bassorilievo degli Statuti Marittimi danneggiato da vandali Il bassorilievo degli Statuti Marittimi danneggiato da vandali Graffiti colorati hanno rivinato l'opera restaurata nel luglio 2013
Ordinamenta maris... decisamente a terra Ordinamenta maris... decisamente a terra Un allestimento che lascia perplessi nelle sale della biblioteca
Trani e gli Ordinamenta Maris questo pomeriggio su Rai Uno Trani e gli Ordinamenta Maris questo pomeriggio su Rai Uno Puntata di Lineablu dedicata alla Puglia settentrionale
Annullo filatelico speciale per gli Ordinamenta Maris di Trani Annullo filatelico speciale per gli Ordinamenta Maris di Trani Venerdì s'inaugura anche la mostra dei lavori scolastici sul tema degli Statuti
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.