albero
albero
Ambiente

Consulta ambientale, undici associazioni: «Il suo ruolo svilito, occasione persa per dare voce ai cittadini»

«Chiediamo di essere ascoltati e considerati dall'Amministrazione»

Undici associazioni che fanno parte della Consulta Ambientale della Città di Trani hanno deciso di riunirsi e far sentire tutte insieme la loro voce. Vale premettere che la Consulta Ambientale fu costituita nel 2021 con lo scopo di supportare l'amministrazione comunale nelle scelte legate al miglioramento della qualità della vita dei cittadini e alla sostenibilità ambientale.

Alla stessa aderirono diverse associazioni radicate nel territorio e che avevano nello Statuto gli obiettivi richiesti dal ruolo. Quello che, però, doveva essere terreno di confronto con l'Amministrazione, a partire dalla fase embrionale dei progetti, che man mano si intendevano avviare, si è rivelato ben presto solo strumento propagandistico da consultare nelle battute finali dei progetti per ottenere facile e silenzioso consenso su progetti e programmi senza un confronto preliminare.

Così facendo il ruolo della Consulta è stato svilito e con esso si è persa l'occasione di dare voce, attraverso le associazioni, a tutti i cittadini che hanno il diritto di avere un ruolo attivo nelle decisioni che riguardano la propria qualità di vita e il proprio benessere psicofisico. La puntualizzazione riguarda il numero e l'entità dei problemi concernenti il grave stato del verde pubblico, che si registrano quotidianamente.

La caduta degli alberi e le generali condizioni di incuria in cui versa il patrimonio del verde pubblico sono riconducibili a evidenti carenze nella relativa gestione e manutenzione. Così, oggi le sottoscritte associazioni si ritrovano per la prima volta a riflettere sulle perdute esigenze di dialogo con l'Amministrazione comunale, attraverso l'oramai smarrito strumento della Consulta Ambientale. Dimostrazione plastica di questo modus operandi è l'ambiguità dei fatti, così come esposti nell'articolo su "La Gazzetta del Mezzogiorno.it, pubblicato in data 21 giugno 2023, nel quale si racconta di una riunione tenuta in data 14 giugno.

Occorre precisare che la convocazione della stessa fu irrituale e non si raggiunse il numero legale; nonostante la non validità della riunione, gli amministratori presenti vollero illustrare informalmente e sommariamente lo stato del verde della città, soffermandosi più volte sull'esigenza di abbattimento di numerosi alberi, sani e no, che stanno creando situazioni di possibile pericolo per la pubblica incolumità e problemi di sollevamento di pavimentazione di marciapiedi e strade.

Le associazioni presenti espressero la loro netta opposizione, nella consapevolezza che l'attuale disastroso stato del verde cittadino è frutto di negligenza e carenza di manutenzione e che più volte nelle precedenti riunioni si era posto l'accento sulla necessità di adottare tecniche di manutenzione e cura costanti, tecnicamente rigorose e, perché no, innovative e che era ormai necessario il supporto di una figura specializzata in arboricoltura.

I danni causati dalla errata e carente manutenzione e da tecniche obsolete e vietate quali ad esempio la capitozzatura di molti alberi anche secolari, piantumazione di alberi non adatti all'ambiente urbano, o interventi a danno delle radici in occasione di lavori stradali e collocazione di sottoservizi urbani, portano oggi come effetto la necessità di ricorrere ad interventi straordinari e costosi e, peggio ancora, a dover scegliere tra sicurezza dei cittadini e salvaguardia del già esiguo patrimonio arboreo.
Nella ferma convinzione che gli alberi non sono solo arredo urbano ma sono esseri viventi che offrono, unitamente alla riduzione del traffico in città, un'importante mitigazione degli effetti del surriscaldamento globale nelle città, soprattutto in quelle soffocate dal cemento e dal traffico, oltre che garantire il benessere psicofisico di tutti, ma soprattutto delle categorie più fragili - bambini, anziani e diversamente abili - chiediamo oggi a gran voce di essere supportati da tutti i cittadini che hanno a cuore questi temi e di essere finalmente ascoltati e considerati dall'Amministrazione comunale.

Condividendo la necessità di non esporre i cittadini a rischi di incolumità, ma nella certezza che si possono e si devono individuare tecniche e soluzioni idonee a salvaguardare il patrimonio arboreo i rappresentanti delle associazioni ribadiscono ancora una volta richiesta di accesso ai seguenti documenti:
Censimento del verde e relazione del dr. Guerra;
Regolamento del verde cittadino.
Programma di manutenzione del verde;
Contratto di appalto di manutenzione del verde con puntuale cronologia degli interventi previsti;
e in caso di loro assenza che si proceda quanto prima alla loro redazione, avendo come obiettivo finale la pianificazione del verde esistente e a realizzarsi.
Consapevoli dell'importanza di questo strumento di partecipazione che può fare da collante fra i cittadini e le Istituzioni, le undici firmatarie hanno dato vita al coordinamento delle associazioni al momento aderenti e faranno pressioni sull'amministrazione per riportare la Consulta alle finalità per cui era nata.
  • Associazione Cittadinanza Attiva OIKOS – Trani
  • Associazione Esposti amianto e rischi per la salute – BAT
  • Codacons Sede locale – Trani
  • Comitato Bene comune – Trani
  • ETS Città dell'infanzia APS
  • Il colore degli anni - Trani
  • Legambiente – Trani
  • Movimento Civico Articolo 97 – Trani
  • Movimento Turismo Rurale – Trani
  • UILDM Sezione di Trani
  • Università della Terza Età - Trani
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
A Trani la proiezione del docufilm Food for profit con Giulia Innocenzi A Trani la proiezione del docufilm Food for profit con Giulia Innocenzi L'iniziativa di Legambiente sabato 6 aprile
Edifici torre in costruzione a Trani, Oikos mette in guardia: «Problemi in termini di sostenibilità ambientale ed economica» Edifici torre in costruzione a Trani, Oikos mette in guardia: «Problemi in termini di sostenibilità ambientale ed economica» «Non si cada nell’errore di sottovalutare l’enorme impatto anche visivo»
Al via il Laboratorio ecomuseale pubblico a Trani Al via il Laboratorio ecomuseale pubblico a Trani Oggi il primo appuntamento
Al via il Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 Al via il Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 Lanciata la prima call per la presentazione del progetto
Consulta ambientale di Trani: convocazione irrituale e associazioni fantasma Consulta ambientale di Trani: convocazione irrituale e associazioni fantasma E' polemica tra associazioni e amministrazione sull'ultima riunione del 30 novembre e sul ruolo dell'organo consultivo
Zona nord in preda al degrado e ai rifiuti, la denuncia di alcune associazioni cittadine Zona nord in preda al degrado e ai rifiuti, la denuncia di alcune associazioni cittadine «Una vera e propria discarica a cielo aperto»
Verde pubblico e amministrazione trasparente, interviene Oikos Verde pubblico e amministrazione trasparente, interviene Oikos L'associazione torna sulla questione del censimento del verde tranese, denunciando una scarsa trasparenza amministrativa
La Puglia tra “bellavita e malavita”, le sei province fra le peggiori d’Italia in cui vivere La Puglia tra “bellavita e malavita”, le sei province fra le peggiori d’Italia in cui vivere Lavoro, ambiente, sicurezza e sanità alla base della classifica di ItaliaOggi e Università “La Sapienza” di Roma sulla qualità di vita nelle province italiane
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.