Giovanni Di Leo
Giovanni Di Leo
Politica

Di Leo: «Cerchiamo risposte per il degrado della città tra verde pubblico, sporcizia e delinquenza»

Il consigliere leghista lancia accuse pesanti riguardo lo stato in cui versa Trani

Non le manda a dire il consigliere di Leo e tra accuse e amarezza solleva la situazione di profonda difficoltà in cui versa la città , in un momento oltretutto in cui dovrebbe costituire un modello di accoglienza, pulizia, sicurezza, bellezza .

Problemi molto gravi di sicurezza , ordine pubblico uniti a inefficienza di gestione del verde pubblico sempre più abbandonato a una sciatta e selvaggia diffusione con una situazione di sporcizia che rende ormai ovunque la città maleodorante e troppo spesso malsana: un elenco pesante e del quale vengono posti interrogativi precisi.

«Il verde cittadino sta messo veramente male. Una nota associazione ambientalista nei giorni scorsi ha affermato pubblicamente che le opere di manutenzione programmate per Giardino Telesio serviranno più a distruggerlo che a conservarlo. Una affermazione gravissima.

Ed ecco la risposta della amministrazione sinistra e ambientalista sui giornali. Cari concittadini dovremmo esultare perché al carrubo di via Duchessa d'Andria è uscito un piccolo tenero germoglio, dopo una (udite, udite) una potatura fatta a gennaio, peraltro a seguito delle pressioni del collega di centrodestra Centrone. In tutta sincerità non so se ridere o piangere. Il diffuso senso di sciatteria di una città maleodorante e sporca (vox populi vox dei), con un verde pubblico trattato in modo approssimativo, certamente non procura una buona immagine della città, a cui si aggiunge il profondo senso di insicurezza della collettività. Furti in ville e appartamenti, pestaggi in pieno centro, risse per accaparrarsi posti per ambulanti (rigorosamente abusivi), tentati furti in farmacie costituiscono ormai notizie giornaliere.

Alcune associazioni di categoria (quelle non omologate al silenzio pro potere) imputano gli eventi ad un clima di eccessiva tolleranza, e indicano Trani come terra di nessuno. Il tema della sicurezza è molto caro alla nostra forza politica e per essa ci batteremo ad oltranza. Sorge quindi la domanda: che fine hanno fatto gli impegni assunti dal sindaco il 6/8/2020 quando ha firmato il protocollo (l'ennesimo...) in Prefettura Bat denominato patto per la sicurezza urbana? E ancora: cosa aspetta il sindaco a richiedere al Prefetto la convocazione del Comitato per l'Ordine Pubblico e la Sicurezza?

Mi sa che l'ultima volta il Comitato è stato convocato il 28/12/2018 a seguito di presunte minacce al sindaco. E poi? E le gente comune? Capisco che le minacce al sindaco debbano avere la precedenza, ma vista la pluralità di eventi delinquenziali (altro che minacce....) che ne dice lo stesso sindaco di far attivare (sarebbe ora....) il Comitato per l'Ordine Pubblico e la Sicurezza per studiare idonee e urgenti iniziative a favore della sicurezza dei normali cittadini?».
  • Consiglio Comunale
Altri contenuti a tema
Questioni Amet e Amiu: il consigliere Loconte propone un  Consiglio Comunale monotematico Questioni Amet e Amiu: il consigliere Loconte propone un Consiglio Comunale monotematico Il regolamento del Consiglio ne prevede la convocazione se lo richieda un quinto dei consiglieri
48 Giovedì torna a riunirsi il Consiglio Comunale Giovedì torna a riunirsi il Consiglio Comunale Tre i punti all'ordine del giorno
Consiglio comunale, approvati bilancio e piano delle opere pubbliche 2021-2023 Consiglio comunale, approvati bilancio e piano delle opere pubbliche 2021-2023 E Bottaro annuncia: «Saranno anni importanti»
Il Consiglio comunale torna a riunirsi il 16 luglio Il Consiglio comunale torna a riunirsi il 16 luglio Nove i punti all'ordine del giorno
Antenne radio a Trani, il Consiglio dice "sì" alla delocalizzazione degli impianti presenti in via Aldo Moro Antenne radio a Trani, il Consiglio dice "sì" alla delocalizzazione degli impianti presenti in via Aldo Moro Mastrototaro e Angiolillo: «Frutto di un giusto compromesso tra privati e pubblica Amministrazione»
Patrick Zaki è cittadino onorario di Trani Patrick Zaki è cittadino onorario di Trani Il Consiglio Comunale accoglie il provvedimento presentato dall’assessore Zitoli
Trani dice stop alla “Tampon Tax” per ridurre i costi degli assorbenti igienici Trani dice stop alla “Tampon Tax” per ridurre i costi degli assorbenti igienici Il Consiglio comunale approva la mozione in cui si mira a sensibilizzare farmacie e punti vendita
Ancora "deserta" la riunione dei capigruppo: tutti impegnati, mentre i tempi per il Bilancio stringono Ancora "deserta" la riunione dei capigruppo: tutti impegnati, mentre i tempi per il Bilancio stringono Capita sempre più spesso che solo qualcuno si presenti alla convocazione
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.