Italia in Comune
Italia in Comune
Politica

Lavori di completamento del litorale est, Italia in Comune: «Amministrazione della superficialità»

La controreplica di Laurora, Barresi e Loconte all'assessore Briguglio

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Quando ci sono in ballo questioni delicate che riguardano la vita dei cittadini ed il futuro della Città è bene fare chiarezza, mettendo da parte la demagogia e le solite frasi fatte e cercando di impegnarsi per ottenere il meglio per la nostra comunità.

Suggeriamo all'Assessore Briguglio, che sicuramente non ha le competenze tecniche per sostenere alcune tesi, piuttosto approssimative e lontane dalla realtà, di approfondire meglio la materia di cui il suo assessorato dovrebbe occuparsi in maniera diligente.

Al pari del suo predecessore, un ingegnere di Andria (è bene ricordare che per la prima volta nella storia repubblicana è stato indicato, proprio dallo stesso Briguglio, un assessore ai Lavori Pubblici forestiero, quale propria espressione in giunta), evidentemente il Dott. Briguglio dovrebbe cercare di essere più critico nell'azione di controllo, per lo svolgimento del delicato compito per il quale è stato deputato.

Su una cosa siamo d'accordo con l'Assessore: il lavoro istituzionale va fatto in maniera costruttiva e noi aggiungeremmo efficace, in maniera tale da non arrecare danni ai cittadini. Più e più volte è stato suggerito all'amministrazione di procedere con assennatezza, nel rispetto delle norme e delle regole, con la diligenza del buon padre di famiglia ed in maniera tale da non creare problemi e non arrecare danni ai cittadini.

Potremmo fare mille esempi, ci limitiamo a farne alcuni. Sono innumerevoli le volte in cui tanto le forze di opposizione, quanto soggetti o gruppi della maggioranza hanno esortato l'amministrazione a tenere i conti in ordine, puntualmente le esortazioni sono state ignorate con la conseguenza che è dovuta intervenire la Corte dei Conti che, attraverso un richiamo formale, ha messo nero su bianco il pericolo finanziario che l'Ente e quindi i cittadini corrono.

Ancora le ringhiere sul lungomare, per le quali sono stati spesi, anzi sprecati ben 8.000 euro dei cittadini, per un lavoro pedestre che allo stato attuale e dopo l'intervento, vede le stesse ringhiere nelle condizioni vergognose in cui versavano fino a qualche mese fa.

Per non parlare della consegna degli alloggi in edilizia convenzionata a quelle povere famiglie che ad oggi vivono in condizioni disumane senza gas, senza acqua calda, né ascensore, in un immobile non agibile e dai quali si pretende addirittura il pagamento dell'affitto mensile.

Ci fermiamo qui, perché ci duole il cuore a pensare a quanto l'incompetenza, i proclami e la foga da campagna elettorale che porta quest'amministrazione ad essere così superficiale, con l'unico scopo della ricerca di visibilità possa impattare negativamente sulla vita dei nostri concittadini.

Noi siamo amministratori pubblici, ne sentiamo l'onore, ma anche il dovere. Il nostro dovere è evitare che la superficialità e l'impreparazione di quest'amministrazione dei cotillons e delle sfilate possa nuocere alla nostra comunità.

Con questo spirito abbiamo inteso fornire dei suggerimenti affinchè si procedesse ad una revisione della gara secondo le norme, per evitare che in futuro com'è avvenuto in passato, per l'inefficienza di chi governa oggi i cittadini possano vedersi preclusa o rallentata un'opera necessaria.

Come al solito, anziché informarsi e tenere in debita considerazione i suggerimenti per evitare errori, si preferisce darsi ai comunicati vaneggianti e denigratori. Ebbene la risposta ricevuta dall'Ingegner Puzziferri appare del tutto non apprezzabile e non esaustiva rispetto alle criticità evidenziate. Tanto che qui si allega la risposta che è stata protocollata in riscontro alla suddetta nota, con la ulteriore considerazione che il D. Lgs. 50/2016, individua in cinque anni il termine di decadenza di pareri, nulla osta, autorizzazioni da parte di enti preposti alla tutela dei beni, i quali sono abbondantemente scaduti.

Sarebbe anche interessante verificare agli atti il Verbale di validazione del progetto, ove esistente. Esortiamo ancora una volta, ad abbandonare la foga ed i proclami da campagna elettorale e a cominciare a governare finalmente interessandosi ai cittadini ed alla soluzione ai loro problemi quotidiani.

Tommaso Laurora, Giovanni Loconte, Anna Maria Barresi (Italia in Comune)
Risposta PuzziferriDocumento di Microsoft Word
  • Comune di Trani
Altri contenuti a tema
In città otto nuove cittadinanze benemerite, ieri la cerimonia a Palazzo Beltrani In città otto nuove cittadinanze benemerite, ieri la cerimonia a Palazzo Beltrani La consegna dei riconoscimenti dopo l'approvazione in Consiglio comunale
Edilizia, a partire da oggi possibilità d'invio telematico delle pratiche Edilizia, a partire da oggi possibilità d'invio telematico delle pratiche Dal 1 ottobre diventerà obbligatorio
Il Comune di Trani torna ad assumere: approvato il bando per 28 posti​ Il Comune di Trani torna ad assumere: approvato il bando per 28 posti​ Pubblicato l'avviso pubblico per la copertura di posti a tempo pieno e indeterminato di vari profili professionali
4 Largo Mario Azzella: a Trani una nuova area dedicata al giornalista e compositore Largo Mario Azzella: a Trani una nuova area dedicata al giornalista e compositore Giovedì 30 luglio la cerimonia d'intitolazione
Reddito di cittadinanza e contrasto alla povertà, giovedì un incontro in Comune Reddito di cittadinanza e contrasto alla povertà, giovedì un incontro in Comune Un momento di informazione, condivisione e approfondimento
Caldo, il Comune di Trani adotta un piano d'emergenza Caldo, il Comune di Trani adotta un piano d'emergenza Interventi a favore degli anziani fino al 31 agosto
“Si vola”: il sindaco incontra il primo “tour team” fondato da travel blogger “Si vola”: il sindaco incontra il primo “tour team” fondato da travel blogger Descritte le potenzialità della città di Trani per turisti e imprenditori
Il Comune di Trani ottiene la qualifica di "Città che legge" Il Comune di Trani ottiene la qualifica di "Città che legge" Il riconoscimento per aver adottato politiche pubbliche di promozione della lettura
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.