Eventi e cultura

Marcia Gravina - Altamura: l'adesione di legambiente

Il 29 Aprile una conferenza per "incoraggiare" la partecipazione

Il circolo tranese di Legambiente aderisce alla marcia Gravina - Altamura

"Il Circolo di Trani della Legambiente aderisce e promuove la marcia Gravina-Altamura del 14 Maggio 2005. Tale marcia, ha una connotazione ecopacifista, ed intende imprimere un energico impulso necessario alla sensibilizzazione dei cittadini pugliesi sulle problematiche dell'Alta Murgia con lo scopo di contribuire ad avviare concretamente la realizzazione dell'area protetta.

Il giorno 29 aprile 2005 il Circolo di Trani della Legambiente nella sede della Libreria ‘La Maria del Porto' terrà una conferenza con l'intento di incoraggiare la massiccia partecipazione alla marcia del 14 maggio, che purtroppo riporta alla memoria il ricordo dell'indimenticabile socio Francesco Reggio venuto a mancare durante il rientro a Trani al termine dell'ultima marcia svoltasi l'otto novembre 2003. Interverrà il dott. Piero Castoro del Centro Studi Torre di Nebbia, che, insieme ai CAM (Comitati dell'Alta Murgia), organizzerà concretamente la passeggiata tra i due importanti centri murgiani. Durante la conferenza sarà proiettato un video che evidenzierà le peculiarità naturalistiche, rurali, storico-culturali, dell'area murgiana.

Sinora il parco dell'Alta Murgia è stato solo un parco di carta al quale l'amministrazione regionale ha affiancato sempre più frequenti azioni ostruzionistiche per prorogare l'entrata in vigore delle iniziative di tutela.
E' noto che l'area dell'Alta Murgia è sottoposta ai vincoli delle ZPS (Zone di Protezione Speciali) e delle SIC (Siti di Importanza Comunitaria) sin dai primi anni Novanta, e che invece, solo da circa un anno, è stato istituito il Parco rurale dell'Alta Murgia . Le normative di tutela, tuttavia, non sono riuscite a porre un concreto freno agli scempi che continuano a perpetuarsi sull'altopiano murgiano. Le più concrete e devastanti minacce provengono dai sempre più dissennati spietramenti dei terreni agricoli, dalle cave, dalle discariche abusive e dai cinque poligoni militari che ricadono nella perimetrazione del neo parco.

Il territorio di Trani non è tra i tredici comuni interessati dal parco, tuttavia alcune cave ricadenti nell'ambito dell'area di tutela sono di proprietà di imprenditori tranesi che negli ultimi anni si sono distinti per le azioni miranti a prorogare l'attività estrattiva sui terreni murgiani. I partecipanti alla marcia ritengono che sia opportuno interrompere l'attività estrattive nelle zone sottoposte a tutela così come previsto nelle aree naturali protette. La riconversione delle attività ad alto impatto ambientale, come quelle connesse allo sfruttamento delle rocce, potrà favorire il decollo di iniziative legate al turismo sostenibile e si potrà, in breve tempo, creare occupazione stabile ed ecocompatibile.

La marcia, inoltre, vuole essere un volano per la pace nell'area del Mediterraneo che potrà concretizzarsi a partire dalla eliminazione dei poligoni militari ricadenti nell'area protetta. Appare insensato perpetrare esercitazioni militari disseminando il suolo con munizioni ed ordigni sempre più pericolosi e minacciosi per la potenziale contaminazione del suolo e della riserva idrica presente nel sottosuolo. I promotori della marcia si rivolgono a tutti coloro che sono impegnati a difendere la qualità della vita e del lavoro dalle aggressioni cieche e irreversibili dei potenti e dei furbi; a quanti praticano forme di politica dal basso, che solidarizzano con i migranti e che mirano alla realizzazione di progetti concreti e durevoli a beneficio della collettività."Enzo Cassanelli
Legambiente - Circolo di Trani
  • Legambiente
Altri contenuti a tema
Anche a Trani la manifestazione Global Strike For Future: centinaia di studenti al grido di "Il futuro siamo noi" Anche a Trani la manifestazione Global Strike For Future: centinaia di studenti al grido di "Il futuro siamo noi" Il corteo per le principali vie della città per porre l'attenzione sui cambiamenti climatici
Scuola corsara, arriva il progetto di Legambiente per contrastare la povertà educativa Scuola corsara, arriva il progetto di Legambiente per contrastare la povertà educativa Martedì il primo momento di partecipazione pubblica nell'ex ospedaletto
Pronto soccorso, cioccolato, Legambiente e strettoia: le pagelle di Giovanni Ronco Pronto soccorso, cioccolato, Legambiente e strettoia: le pagelle di Giovanni Ronco Il quattro è solo per le liste d'attesa della sanità Bat. Tutti i voti
Ri-abi(li)tiamo la costa, continua il progetto promosso da Legambiente: domani la presentazione Ri-abi(li)tiamo la costa, continua il progetto promosso da Legambiente: domani la presentazione Per un anno in programma attività di pulizia e riqualificazione del tratto Trani nord-Barletta sud
Legambiente, oggi pulizia e censimento dei rifiuti a Boccadoro e Spiaggia Verde Legambiente, oggi pulizia e censimento dei rifiuti a Boccadoro e Spiaggia Verde Seconda tappa dell'iniziativa nell'ambito del progetto europeo Clean Sea Life
Legambiente: pulizia e censimento dei rifiuti a Boccadoro, San Marco Sud e Spiaggia Verde Legambiente: pulizia e censimento dei rifiuti a Boccadoro, San Marco Sud e Spiaggia Verde L'iniziativa nell'ambito del progetto europeo Clean Sea Life
Goletta verde a Trani, riscontrate alcune criticità in zona Boccadoro Goletta verde a Trani, riscontrate alcune criticità in zona Boccadoro Entro i limiti invece il prelievo effettuato lungo tutta la costa
Goletta Verde, analisi delle acque anche a Trani in zona Boccadoro e Matinelle Goletta Verde, analisi delle acque anche a Trani in zona Boccadoro e Matinelle Continua il monitoraggio della Legambiente sulle coste italiane
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.