Cinema e scienza
Cinema e scienza
Speciale

Massa aggrovigliata di capelli nello stomaco: la sindrome di Raperonzolo

Una nuova pagina della rubrica "Cinema e Scienza"

Oggi parleremo della principessa Raperonzolo. Sicuramente tutti sapranno per che cosa è nota la principessa: per i suoi bellissimi capelli lunghi. A tal proposito la sindrome di Raperonzolo prende il nome proprio dal cartone animato.

Questa sindrome si caratterizza come una rara condizione medica in cui i capelli che la persona ingerisce formano una massa aggrovigliata (tricobezoario) che rimane intrappolata nello stomaco estendendosi fino all'intestino tenue. In particolare alcune persone affette da disturbi psichiatrici hanno la tendenza ad ingerire i propri capelli, un comportamento noto come tricofagia e chi ne soffre corre più rischio di sviluppare la sindrome di Raperonzolo.

Sono due i disturbi che affliggono queste persone: la tricotillomania e la pica. Queste persone affette da tricotillomania si sentono costrette a strapparsi ciocche di capelli, fino al punto di procurarsi una perdita di capelli visibile. E' molto comune poi per queste persone giocare con i capelli strappati, ad esempio mordicchiandone la radice o appoggiando il capello sulle labbra: tutti comportamenti che servono a calmare chi li attua. Il disturbo pica invece identifica un disturbo del comportamento alimentare che implica il cibarsi di sostanze non commestibili come argilla, sporcizia, carta, sapone, vestiti, lana, piccoli sassi e, appunto, capelli.

Inoltre si è visto che sia la tricofagia che la pica spesso si verificano in persone che hanno carenza di ferro. In alcuni casi documentati di sindrome di Raperonzolo, la compulsione di strapparsi i capelli e poi ingerirli è scomparsa dopo che i pazienti sono stati trattati per carenza di ferro o per celiaci (la Malattia Celiaca provoca danni all'intestino tenue, che inducono uno scarso assorbimento dei nutrienti). I capelli contengono tracce di ferro e altri minerali, ma non è chiaro se questo favorisce una sorta di spinta biologica ad ingerirli. In effetti, alcuni studi hanno riscontrato che il blocco causato dal tricobezoario è in realtà la causa principale della carenza di ferro, e non viceversa.

- Teresa Moccia
  • cinema e scienza
Altri contenuti a tema
Botanica magica: Harry Potter e la sua mandragola Botanica magica: Harry Potter e la sua mandragola Nuovo episodio della rubrica Cinema e Scienza con il nutrizionista Labianca
La "scienza" di Spiderman La "scienza" di Spiderman Una nuova pagina della rubrica "Cinema e scienza"
Il pesciolino Flouder e il disturbo d'ansia generalizzato Il pesciolino Flouder e il disturbo d'ansia generalizzato Nuovo appuntamento della rubrica "Cinema e Scienza" con Teresa Moccia
Da “Il professore Matto” alla realtà: lo stress che fa ingrassare Da “Il professore Matto” alla realtà: lo stress che fa ingrassare Nuovo appuntamento della rubrica "Cinema e Scienza" del dottor Labianca
Bamby e l'elaborazione del lutto Bamby e l'elaborazione del lutto Una nuova pagina della rubrica "Cinema e Scienza"
La carica dei 101: la noia, la fame e la quarantena! La carica dei 101: la noia, la fame e la quarantena! Nuova puntata della rubrica "Cinema e Scienza" del biologo nutrizionista LaBianca
"Osmosis Jones": l’importanza del sistema immunitario nel combattere le malattie "Osmosis Jones": l’importanza del sistema immunitario nel combattere le malattie Nuova puntata della rubrica "Cinema e Scienza"
"Io non ho paura": come imparare a conoscere e controllare quest'emozione "Io non ho paura": come imparare a conoscere e controllare quest'emozione Nuovo appuntamento con la rubrica "Cinema e Scienza"
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.