Vita di città

Pesca e pescatori: non solo problema di luoghi

Illegalità "irreversibile" a causa dello scarso numero di autorizzazioni rilasciabili

Le recenti ordinanze per la vendita obbligata dei prodotti ittici prima in Piazza dei Longobardi e poi al molo S. Lucia, hanno riportato alla luce i diversi problemi legati a questa categoria di lavoratori. Oltre al problema del luogo destinato alla vendita del pescato, vi è anche quello dell'illegalità in cui versano i venditori che, pur volendo, non possono regolarizzare la propria posizione, visto l'esiguo numero di autorizzazioni che possono essere rilasciate in base all'ordinanza 20/2004 della Capitaneria di Porto di Molfetta.

Su questo argomento il Sen. Roberto Visibelli ha scritto una lettera al Capo Compartimento di Molfetta, che pubblichiamo:

«Ill.mo Comandante, in qualità sia di attuale amministratore della Città di Trani e sia per essere stato in due legislature componente della VIII commissione permanente del Senato della Repubblica (che tratta per l'appunto di Marina Mercantile) mi permetto di scriverle per quanto in seguito rappresentato. La recente ordinanza sindacale del 11.07.2005, che regolamenta la commercializzazione dei prodotti ittici sul territorio della Città di Trani, ha messo in luce, in tutta la sua preoccupante drammaticità, il fenomeno dell'abusivismo nel "settore" afferente la vendita dei prodotti ittici. Infatti, numerosi cittadini tranesi traggono dalla raccolta e dalla successiva vendita di molluschi, molluschi bivalvi, ed in particolare del riccio di mare, una fonte insostituibile di reddito per il mantenimento delle proprie famiglie.

L'ordinanza succitata ha spinto numerosi cittadini alla ricerca della regolarizzazione della propria posizione per continuare ad esercitare la pesca e la conseguente vendita dei prodotti ittici nel rispetto delle vigenti leggi in materia. Tali norme prevedono il conseguimento dell'autorizzazione per l'esercizio della pesca subacquea professionale, il cui possesso evita, inoltre, di incorrere in sanzioni di carattere amministrativo e/o penale, derivante da un illegittimo ed abusivo comportamento che viene dettato, oltretutto, non dalla tendenza e dalla volontà di trasgredire la legge per arricchirsi, ma dalla mera necessità di assicurare alla famiglia un reddito sufficiente al proprio sostentamento.

L'ordinanza n. 20/2004 della Capitaneria di Porto di Molfetta prevede che, nel Compartimento Marittimo di Molfetta, possono essere rilasciate n. 40 autorizzazioni per l'esercizio della pesca subacquea professionale (estendibili in casi particolari a 45). Tale limitazione impedisce a numerosi cittadini di poter regolarizzare il proprio lavoro, alimentando un già dilagante abusivismo, provocato dall'imprescindibile esigenza di disporre di un reddito sufficiente per soddisfare le esigenze della quotidianità.

Le chiedo pertanto, anche al fine di non far degenerare un problema sociale in un problema di ordine pubblico, di valutare favorevolmente la possibilità di elevare il numero di autorizzazioni all'esercizio della pesca subacquea professionale da rilasciare nel compartimento marittimo, prevenendo, così, fenomeni di illegalità ed abusivismo.»

Sen. Roberto Visibelli
  • Pesca
  • Pescatori
Altri contenuti a tema
Pescatori di Trani in rivolta, richiesta la revisione delle stringenti norme comunitarie Pescatori di Trani in rivolta, richiesta la revisione delle stringenti norme comunitarie L'Amministrazione a fianco dei lavoratori per instaurare un dialogo con le istituzioni
Commercio del pesce sul porto di Trani, scattano le sanzioni Commercio del pesce sul porto di Trani, scattano le sanzioni L’operazione della Guardia Costiera volta a contrastare illeciti connessi alla filiera
Fermo pesca, boom di importazioni dall'estero Fermo pesca, boom di importazioni dall'estero Coldiretti Puglia: «Frodi in agguato»
Pubblicato il bando del Gal Ponte Lama, finanziamenti per la vendita diretta nel settore privato della pesca Pubblicato il bando del Gal Ponte Lama, finanziamenti per la vendita diretta nel settore privato della pesca Le domande entro l'8 aprile 2019
Marinerie pugliesi in stato di agitazione, anche Bottaro tra i sindaci firmatari di una lettera indirizzata al ministro Centinaio Marinerie pugliesi in stato di agitazione, anche Bottaro tra i sindaci firmatari di una lettera indirizzata al ministro Centinaio «Viva preoccupazione per una categoria che rappresenta gran parte del tessuto economico e sociale della Puglia»
1 Gal Ponte Lama, sabato 19 la presentazione del nuovo bando Gal Ponte Lama, sabato 19 la presentazione del nuovo bando Un'opportunità per incentivare nei nostri territori la vendita diretta nel settore della pesca
Trani e la pesca protagoniste  nella trasmissione LineaVerde su Rai1 Trani e la pesca protagoniste nella trasmissione LineaVerde su Rai1 Mandate in onda le riprese girate in città a marzo
2 Offshore World Challenge, la Lega navale in Crozia per il grande torneo di pesca Offshore World Challenge, la Lega navale in Crozia per il grande torneo di pesca La flotta "Baldinum" tra i primi 10 classificati
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.