Porta a porta
Porta a porta
Attualità

Porta a porta, il Comitato del "no": «Carrellati tutto il giorno su suolo pubblico, danno d'immagine e pericolo»

Il presidente Moscatelli scrive a sindaco e assessore chiedendo una nuova allocazione

«A partire dal 19.10.2020 è stato introdotto nella città di Trani il sistema di raccolta differenziata cosiddetto "porta a porta" con invasione di bidoni di plastica, allocati sugli spazi pubblici dinanzi ai fabbricati condominiali e sulle strade, in palese violazione delle norme del regolamento sulla gestione dei rifiuti urbani, con riferimento alle distanze, alla particolarità dei luoghi, agli orari di stazionamento, all'igiene (art. 13, comma 8, 9, 10, 11 e art.16). Il posizionamento dei bidoni di plastica sui marciapiedi impedisce il passaggio anche ai soggetti diversamente abili ed ai passeggini dei bambini». A parlare è l'avvocato Alessandro Moscatelli, in una nuova lettera aperta indirizzata a sindaco e assessore all'ambiente.

«I carrellati di plastica condominiali sono praticamente allocati per l'intera giornata (e non per gli orari previsti), dappertutto sul suolo pubblico. I bidoni delle utenze non domestiche sono allo stesso modo posizionati per l'intera giornata sugli spazi pubblici ed, in alcuni casi, i gestori delle attività sono stati costretti a munirsi di armadietti in legno per tentare di limitare almeno visivamente l'impatto di centinaia e centinaia di questi manufatti di plastica palesemente lesivi dell'immagine della città e dell'igiene, soprattutto nel centro storico.

E' evidente che tale sistema è inadeguato, considerato che i bidoni di plastica permanentemente posizionati sul suolo pubblico possono costituire pericolo per l'igiene e l'incolumità pubbliche. Diversamente opinando, ci dovrebbe essere una particolare autorizzazione amministrativa in deroga alla tassazione degli spazi e delle aree pubbliche, una speciale autorizzazione per la allocazione di armadietti in legno sui marciapiedi e sulle strade, un controllo sulla compatibilità di detti manufatti con la particolarità delle aree del centro storico di pregio storico-architettonico, una pedissequa osservanza alle norme igienico-sanitarie con il rigoroso controllo del lavaggio e della igienizzazione dei bidoni. Se si effettuassero in maniera approfondita i controlli e le ispezioni ai sensi dall'art.47 del Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani, ne verrebbe fuori un disastro. E' evidente che tale sistema di raccolta è inadeguato. Siamo a chiedere che si adottino dei correttivi per limitare l'impatto devastante dei bidoni di plastica sull'immagine e sull'igiene della città prevedendo, magari a partire dalle utenze non domestiche, cassonetti a scheda dedicati in aree opportunamente individuate. Fiduciosi in un positivo interessamento, distintamente salutiamo».
  • Raccolta differenziata
Altri contenuti a tema
Raccolta differenziata: il dubbio Raccolta differenziata: il dubbio I video di un lettore mostrano un errato servizio
"Quando i conti non tornano": sui dati e i costi della differenziata l'analisi di Maria Grazia Cinquepalmi "Quando i conti non tornano": sui dati e i costi della differenziata l'analisi di Maria Grazia Cinquepalmi "Bisognerebbe riconoscere premialità ai cittadini virtuosi" dice l'ex consigliere comunale
Comitato No Pap: «Le isole ecologiche sopperiscono, seppur precariamente, alle deficienze del porta a porta» Comitato No Pap: «Le isole ecologiche sopperiscono, seppur precariamente, alle deficienze del porta a porta» La replica del presidente Alessandro Moscatelli al consigliere Vito Branà
1 Raccolta differenziata: il decalogo dei punti critici, secondo il Comitato No Pap Raccolta differenziata: il decalogo dei punti critici, secondo il Comitato No Pap "Ripensare ad una diversa modalità, diversa dal porta a porta" la richiesta principale
Isola ecologica in via Gisotti, tanti i disagi per il movimento Articolo 97 Isola ecologica in via Gisotti, tanti i disagi per il movimento Articolo 97 E sposa la petizione di Mazzilli affinché sia portata all'attenzione del Consiglio comunale
Trani No alla Raccolta Porta a Porta, il Comitato interpella senatori e parlamentari con un esposto Trani No alla Raccolta Porta a Porta, il Comitato interpella senatori e parlamentari con un esposto «A tutt'oggi, le istanze dei cittadini sono rimaste disattese»
Differenziata: a Molfetta il concorso che premia la raccolta Differenziata: a Molfetta il concorso che premia la raccolta L’iniziativa green del Gran Shopping Mongolfiera di Molfetta che promuove il rispetto dell’ambiente con un metodo avvincente
Raccolta porta a porta, cosa cambia da lunedì 31 maggio 2021 Raccolta porta a porta, cosa cambia da lunedì 31 maggio 2021 Il 2 giugno regolarmente attivi il centro di raccolta comunale e le isole ecologiche
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.