Scuola e Lavoro

Quando il Natale si tocca con mano col presepe vivente

"Adoremus" alla Scuola Media Baldassarre

Altro Natale all'insegna dell'impegno, della rappresentazione simbolica e delle atmosfere rarefatte e sfumate, quello che si celebra alla Scuola secondaria statale di primo grado "Ettore Baldassarre" di Trani, grazie alla realizzazione della seconda edizione della manifestazione "Adoremus". Al centro dell'attenzione di pubblico, genitori e autorità, fin dall'inaugurazione, avvenuta domenica 16, un presepe vivente con protagonisti gli stessi alunni, impegnati, coi loro genitori, nell'ambito del progetto - continuità, ad offrire un prodotto di elevata qualità morale e materiale, con cura dei particolari e dimensione scenica di grande impatto, che non sono sfuggite nemmeno al Sindaco Giuseppe Tarantini e all'Assessore alla Cultura Andrea Lovato, presenti per l'inaugurazione. Per la precisione le due autorità hanno lodato il grande impegno di alunni, genitori e docenti, pur avendo a dsiposizione pochi mezzi e poco tempo.Presente anche il Presidente del Consiglio Comunale di Trani Giuseppe Di Marzio.
Don Enzo De Ceglie, parroco di "San Giuseppe", ha benedetto il presepe invitando i presenti a riflettere, con la preghiera e la meditazione sulla centralità dell'immagine e del significato del presepe, nel mistero del Natale. L'impostazione scenica del presepe vivente (rappresentato ancora lunedì 17 e martedì 18 dalle 17,00 alle 19,00) occupa nel suo sviluppo un itinerario che si snoda per tutto il piano terra della scuola "Baldassarre", privilegiando nuclei tematici che a loro volta valorizzano, oltre che i consueti messaggi evangelici del Natale legati alla pace e alla gioia per la venuta del Signore, anche attuali spunti di riflessione sulla convivenza civile fra i popoli, attraverso il richiamo a valori come la tolleranza e la condivisione di determinati simboli religiosi.
In particolare il riferimento è rivolto all'intercciarsi di tematiche e ideali spirituali della cultura araba e di quella occidentale. Le scene, disegnate dai genitori, sotto la guida dell'architetto Domenico Gagliardi, si snodano dal Palazzo di Erode, simbolo dei falsi ideali e della stoltezza dell'umanità attratta dai beni materiali e dal vizio, al precorso "meditativo" della strada che conduce a Betlemme, attrversata dal buio, appena attenuato da fioche luci, per indicare la catarsi dell'animo umano nel difficile cammino alla ricerca della Verità, fino alla scena centrale della Natività, "culla", in tutti i sensi, dell'approdo ai valori che contano; fino alla scena più imponente, quella del mercato, che unitamente alla bottega dei ceramisti, simboleggia il sudore, l'impegno della gente comune e semplice che nella quotidianità, col dovere e la fatica, realizza, in prospettiva cristiana, dal fabbro, al fruttivendolo, al pastaio e altri bottegai, l'ideale per eccellenza promosso da Gesù: l'umiltà della persona e lo spirito di servizio da rivolgere al prossimo, alla comunità in cui si vive.Una segnalazione per i costumi e i balli delle odalische di Erode, immagini di grande eleganza.

Una scuola che cresce coi ragazzi e con i genitori, non soltanto sulla base di numeri, bilanci o elencazioni di progetti, come nella prassi della scuola di oggi, ma una "comunità" che promuove il messaggio essenziale che rende uomini e donne del domani, anche con un presepe vivente. Una strada, quella intrapresa dalla Scuola Media Baldassarre, che porta alla fruttificazione dei Talenti e allo sviluppo indiretto della stessa Città di Trani, formando i cittadini del futuro su queste solide basi.

Giovanni Ronco
  • Scuola
  • Presepe
  • Scuola Baldassarre
  • Presepe vivente
Altri contenuti a tema
Palermo chiama Italia, all'iniziativa del Miur partecipa anche la scuola Baldassarre di Trani Palermo chiama Italia, all'iniziativa del Miur partecipa anche la scuola Baldassarre di Trani Il contributo della classe 3D per commemorare la strage di Capaci
Scuole di Trani, Carbonara: «Programmare da subito l’adeguamento degli istituti per consentirne la riapertura a settembre» Scuole di Trani, Carbonara: «Programmare da subito l’adeguamento degli istituti per consentirne la riapertura a settembre» Nota del candidato sindaco del Movimento Prospettiva Trani
Edilizia scolastica, Marinaro: «Chiedo che i lavori inizino entro questo fine mese» Edilizia scolastica, Marinaro: «Chiedo che i lavori inizino entro questo fine mese» Il consigliere di maggioranza chiede di agire con «tempestività»
Contributi libri di testo anno scolastico 2020/2021: domande entro il 20 luglio Contributi libri di testo anno scolastico 2020/2021: domande entro il 20 luglio Le domande dovranno essere presentate per via telematica
Scuola, oggi giornata di mobilitazione di docenti e personale ATA Scuola, oggi giornata di mobilitazione di docenti e personale ATA Assemblee sindacali per evidenziare ritardi, inadeguatezza e contraddizioni durante l'emergenza sanitaria
Scuola, appello ai genitori: «Non rischiate la vostra incolumità per recuperare un libro di testo» Scuola, appello ai genitori: «Non rischiate la vostra incolumità per recuperare un libro di testo» La consigliera Zitoli: «Sperimentiamo nuovi modi di fare scuola con piattaforme digitali»
Scuole: in arrivo tablet e pc per ragazzi bisognosi Scuole: in arrivo tablet e pc per ragazzi bisognosi I fondi saranno utilizzati durante l'emergenza sanitaria per la didattica a distanza
Coronavirus: rientrano 4 studenti tranesi dalla Spagna, per loro quarantena obbligatoria Coronavirus: rientrano 4 studenti tranesi dalla Spagna, per loro quarantena obbligatoria All'Estero per il progetto Intercultura. Saranno scortati nelle loro abitazioni dalla Polizia
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.