Porta a porta
Porta a porta
Attualità

Raccolta rifiuti porta a porta, Trani elogiata sul principale quotidiano slovacco

Il confronto con la città italiana riuscita a raggiungere in pochi mesi alte percentuali di rifiuti differenziati

Non bastava la Rai ad elogiare il sistema di raccolta differenziata "porta a porta" utilizzato dalla Città di Trani a partire da novembre. Ora il nome di Trani è finito persino sul principale quotidiano slovacco, www.aktuality.it, in un articolo in cui si elogia il sistema di raccolta rifiuti urbani (link all'articolo).

«Nel 2019 - si legge - la Slovacchia è riuscita a riciclare solo il 39% del totale dei rifiuti urbani prodotti. La riduzione della quantità di rifiuti urbani che finisce inutilizzati nelle discariche è destinata a diminuire di anno in anno.

"Il nostro ritmo potrebbe essere accelerato dall'introduzione della raccolta differenziata obbligatoria dei rifiuti di cucina, iniziata a gennaio e, ad esempio, dalle città e dai comuni slovacchi che hanno trovato ispirazione nei progetti attuati dai governi italiani", spiega Martina Gaislová, esperta di rifiuti urbani del portale meno rifiuti».

Ed ecco quindi il confronto con Trani: «Il record storico in termini di selezione è stato stabilito a novembre dalla città italiana di Trani, che si trova sulla costa adriatica e conta una popolazione di circa 60.000 abitanti. Secondo i dati del governo locale, sono stati in grado di raggiungere un tasso di smistamento fino al 78,5% nel primo mese di introduzione del nuovo sistema di raccolta. L'anno prima hanno smistato meno di un quarto dei rifiuti».

Il quotidiano slovacco finisce per citare persino Traniviva ed aggiunge: «Trani diventa il leader con la più alta percentuale di raccolta differenziata a livello regionale e a livello nazionale anche tra i comuni dei capoluoghi di regione. Il vantaggio del sistema è che i residenti pagano le tasse solo per i rifiuti indifferenziati, cioè misti. La nostra legislazione offre questa possibilità anche agli autogoverno slovacchi, e lo sappiamo sotto il nome di pagamento di ciò che si butta via o raccolta di quantità. "Le città slovacche stanno cercando di migliorare i sistemi attuali e costa loro molto impegno. Ma come mostra l'esempio della città di Trani, entriamo in una situazione in cui il miglioramento del sistema esistente ha possibilità molto limitate, e quindi è necessario un cambiamento globale nell'approccio ai rifiuti urbani ", spiega Martina Gaislová».

Un felice primato quello raggiunto dalla città di Trani in tema di raccolta rifiuti destinato quindi a diventare un esempio anche per gli Stati stranieri.
  • Raccolta differenziata
Altri contenuti a tema
3 Raccolta differenziata a Trani, a dicembre 2020 raggiunto il record del circa l'80% Raccolta differenziata a Trani, a dicembre 2020 raggiunto il record del circa l'80% Per il sindaco Bottaro «il risultato merito della maturità dimostrata dalla cittadinanza»
Trasporto organico fuori sede, il Comitato del "No": «Quanto costa sulle tasche dei cittadini?» Trasporto organico fuori sede, il Comitato del "No": «Quanto costa sulle tasche dei cittadini?» Per il presidente Moscatelli «i costi del servizio sono stati e sono ingenti e superflui»
2 Raccolta differenziata, il plauso delle associazioni di categoria: «Ora adozione della tariffa puntuale» Raccolta differenziata, il plauso delle associazioni di categoria: «Ora adozione della tariffa puntuale» «Uno straordinario risultato, con queste percentuali si potrà ottenere riduzione della Ecotassa»
Porta a porta, il Comitato del "No": "L'attuale sistema ignora del tutto il meccanismo di tarrifazione puntuale" Porta a porta, il Comitato del "No": "L'attuale sistema ignora del tutto il meccanismo di tarrifazione puntuale" Nota del presidente, Alessandro Moscatelli
Differenziata, a Trani due strumenti innovativi per migliorare il servizio Differenziata, a Trani due strumenti innovativi per migliorare il servizio Si tratta delle app Junker e Beccato completamente gratuite per i cittadini
1 Raccolta porta a porta? Il Comitato del "no" chiede un referendum consultivo Raccolta porta a porta? Il Comitato del "no" chiede un referendum consultivo Protocollata la richiesta al Comune di Trani
Porta a porta, il Comitato del no: «Bidoni ed i carrellati non possono essere ubicati nelle autorimesse dei fabbricati condominiali» Porta a porta, il Comitato del no: «Bidoni ed i carrellati non possono essere ubicati nelle autorimesse dei fabbricati condominiali» I chiarimenti dopo la risposta del Comando dei Vigili del Fuoco
1 Differenziata: scattano i controlli per i rifiuti non conformi Differenziata: scattano i controlli per i rifiuti non conformi L'Amiu lascerà degli adesivi di avviso, poi arriveranno le sanzioni
© 2001-2021 TraniViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.