Ministro Speranza
Ministro Speranza
Sanità

Sanità, Ministro Speranza: "Dal 2022 nuova indennità a personale pronto soccorso"

Soddisfatti Guido Quici e Luciano Suriano, rispettivamente presidente e vice segretario organizzativo di Cimo-Fesmed

"Medici, infermieri e professionisti sanitari dei Pronto soccorso affrontano quotidianamente l'emergenza e lavorano sovente in condizioni di stress. Per questo ho proposto che dal prossimo anno venga aggiunta alle loro retribuzioni un'indennità accessoria. Servirà a rendere più forte la prima linea del nostro Servizio sanitario nazionale a cui dobbiamo tutti dire Grazie". Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla sua pagina Facebook. La cifra prevista per medici e infermieri di Pronto soccorso è pari a 90 milioni a partire da gennaio 2022.

"Apprezziamo molto la sensibilità del Ministro della Salute, Roberto Speranza - sottolinea Guido Quici, presidente di CIMO-FESMED, la più importante rappresentanza dei medici ospedalieri-, nei confronti dei sanitari che lavorano nei pronto soccorso e nelle strutture di emergenza del SSN, attraverso un'azione concreta che prevede il finanziamento di 28 milioni di euro per i medici come indennità aggiuntiva a decorrere dal 2022". Riteniamo che l'iniziativa del ministro per incentivare economicamente i professionisti sanitari delle emergenze sia un primo passo verso la soluzione di una problematica per lungo tempo disattesa.

"Ci rendiamo conto che si tratta di un segnale di attenzione verso i medici che lavorano in condizioni di grave precarietà e rischio; tuttavia e riteniamo che occorra un intervento strutturale che recuperi 'motivazione' per quei professionisti che trascorrono tutto il loro lavoro nei pronto soccorso, sulle autoambulanze, nelle strutture di emergenza. Disertare l'accesso alla scuola di specializzazione in medicina di urgenza rappresenta un campanello di allarme di non poco conto, ma gli interventi che la Federazione CIMO-FESMED chiede sono di tipo strutturale che devono essere avulsi da interessi di parte ma funzionali al vero fabbisogno dei cittadini nell'ambito della sicurezza delle cure e degli stessi operatori sanitari.

"Troppi disegni di Legge in cantiere, troppi contratti di lavoro differenziati, troppi stati giuridici, troppe organizzazioni che non fanno altro che favorire l'ingresso di troppi stakeholders.

CIMO-FESMED rilancia ancora una volta la necessità di avere una rete unica dell'emergenza ed uno stato giuridico unico del personale ma, soprattutto, rilancia l'ipotesi che l'intero sistema di emergenza diventi la 'quarta' gamba del SSN, insieme alla prevenzione , territorio e ospedali, perché, oggi, è terra di tutti e di nessuno, predata da interessi diversificati che non risolvono i problemi dei cittadini e degli stessi operatori sanitari".

"Considero l'iniziativa del ministro Speranza - ha quindi aggiunto Luciano Suriano, vice segretario organizzativo CIMO-FESMED- un atto di attenzione notevole in cui dimostra perlomeno di aver capito perfettamente che il problema non solo esiste ma è importante e complesso in quanto coinvolge non solo la serenità lavorativa della dirigenza medica che opera nell'emergenza ma riguarda in modo particolare la qualità delle cure in emergenza urgenza oltre che nel buon funzionamento degli ospedali in toto. Se le Istituzioni vogliono continuare a garantire il Diritto alla cura previsto costituzionalmente, dovrebbero pensare a dare quindi una maggiore attrattività a questa Specializzazione con una serie di provvedimenti che la CIMO Fesmed ha avanzato in tutte le sedi istituzionalmente preposte".
  • Sanità
Altri contenuti a tema
1 Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Lo studio è stato pubblicato su "Nature" da accademici internazionali
Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta E' la decisione presa dal consiglio del sodalizio andriese e comunicato dalla Presidente Dott.ssa Angela Somma
Sospensione del serv­izio Usca, Pierluigi Lopalco: «Sce­lta incomprensibile» Sospensione del serv­izio Usca, Pierluigi Lopalco: «Sce­lta incomprensibile» Il consigliere regionale deposita un'interrogazione in Regione per chiedere la proroga del serv­izio
Mattinata  di screening diabetici, uditivi e visivi alla Croce Bianca Mattinata di screening diabetici, uditivi e visivi alla Croce Bianca E stasera alle 10:30 chiude la mostra di Rosa Alda Magliocca con una donazione dell'artista per una raccolta fondi
8 Smantellate da oggi  le Unità Speciali di Continuità Assistenziali: un'occasione persa per un nuovo servizio? Smantellate da oggi le Unità Speciali di Continuità Assistenziali: un'occasione persa per un nuovo servizio? La fine delle Usca Bat annunciata in un post del dottor Giovanni Papagni
Schittulli: «500 decessi al giorno di cancro, si riprenda a fare i controlli» Schittulli: «500 decessi al giorno di cancro, si riprenda a fare i controlli» L'oncologo lancia l'allarme e invita a esami preventivi trascurati durante la pandemia
“La sanità a Trani continua ad essere maltrattata”: Maria Grazia Cinquepalmi si rivolge alla nuova Dg della Asl Bt “La sanità a Trani continua ad essere maltrattata”: Maria Grazia Cinquepalmi si rivolge alla nuova Dg della Asl Bt L’esponente di “Italia sul serio” sottolinea “l’impossibilità di garantire un primo intervento con le ambulanze medicalizzate”
Emanuele Tatò nuovo direttore sanitario dell'ospedale Dimiccoli di Barletta Emanuele Tatò nuovo direttore sanitario dell'ospedale Dimiccoli di Barletta La direzione: «Un'esperienza ventennale a servizio dell'azienda»
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.