Strisce blu
Strisce blu
Enti locali

Servizio sosta pagamento, Di Lernia (Fit-Cisl): «Trani prenda esempio da Andria»

La proposta avanzata dal sindacalista

«Dopo aver espresso per anni, in più occasioni, le nostre perplessità circa il reale vantaggio derivante dalla concessione della gestione del servizio di sosta a pagamento ad un soggetto privato, dopo aver ascoltato con interesse le spiegazioni più articolate, da quelle più squisitamente giuridiche a quelle più banalmente economiche, atte a giustificare tale ferma volontà, dopo aver appreso dell'ottenimento di un finanziamento per importanti interventi sul parcheggio di Piazza XX Settembre (vero perno su cui ruotava tutta la convenienza tanto sbandierata), arriva a rassicurarci, sulla bontà delle nostre considerazioni, una importante delibera di giunta dalla Città di Andria». Sono le parole di Daniele di Lernia, segretario sindacale aziendale Fit Cisl.

«La città infatti (presa come esempio virtuoso dal sindaco Bottaro in un intervista con il dott. Straniero da cui il famoso "zero!"), dopo 7 anni di esperienza di gestione privata del servizio, è tornata ad affidarlo alla Andria Multiservice S.p.A., società in house totalmente controllata dall'Ente.

Le motivazioni di tale scelta che troviamo nella delibera di Giunta sono in sintesi:

a) flessibilità del servizio: il contratto di concessione con soggetto esterno prevede una regolamentazione precisa ed allo stesso tempo troppo rigida delle prestazioni delle parti. La necessità di fare sensibili investimenti comporta poi una durata molto lunga di questi contratti. La mobilità invece è in costante evoluzione e con essa i fabbisogni di sevizi da parte dei Comuni e necessita di continue sperimentazioni ed adattamenti che si rivelano più semplici ed immediati con le proprie articolazioni interne, nella cui categoria rientra, appunto, la società in house (come si è verificato in questo momento di cambiamenti legati alla pandemia);
b) possibilità di agire direttamente, introducendo celermente elementi innovativi del servizio, con semplicità gestionale e immediatezza del processo decisionale, sulle modalità di esecuzione del servizio anche per organicità intrinseca della società in house, la quale per la natura di ente strumentale dell'amministrazione partecipante opera non già per fini di lucro, ma per realizzare gli obiettivi di interesse pubblico dell'amministrazione medesima;
c) la necessità di agire concretamente e tempestivamente per il rilancio della società Andria Multiservice s.p.a., che soffre anche della situazione di riequilibrio in cui versa il Comune e per il mantenimento dei livelli occupazionali

Aggiungendo inoltre l'obbiettivo fondamentale della salvaguardia dei livelli occupazionali.

Considerando dunque, che nel caso di Trani, nella proposta avanzata dal soggetto privato, si parla di tariffe quasi raddoppiate, di stalli quasi triplicati, abbonamenti per commercianti e residenti solo parzialmente menzionati e a tariffe tutt'ora sconosciute, quale dovrebbe essere la convenienza per i cittadini? I 400.000 euro dal secondo anno di affidamento forse? A fronte di quale guadagno da parte del soggetto privato? Non saranno comunque soldi che avranno sborsato i cittadini? Ricordiamo inoltre, che con questa scelta la Città di Andria rinuncia a 200.000 euro annui pattuiti con il soggetto privato. Saranno forse tutti impazziti?

È davvero così difficile creare una società ad hoc per la gestione della sosta che sia totalmente in house e non abbia quindi più vincoli normativi che non ne permettano l'affidamento diretto? Consigliamo a tutti gli attori della vicenda e ai cittadini, di visionare la delibera di giunta in questione, la N. 23 DEL 03/02/2022 sul sito istituzionale del Comune di Andria, in cui è spiegata in maniera ancora più esaustiva la ratio di tale condivisibile scelta che auspichiamo possano prendere, in tempi brevi, anche i nostri amministratori».
  • Amet
Altri contenuti a tema
Risveglio con black out a Trani, senza corrente diverse zone della città Risveglio con black out a Trani, senza corrente diverse zone della città Al lavoro da questa mattina i tecnici dell'Amet per risolvere un guasto
Amet e Bonus Sociale: le precisazioni dell'azienda Amet e Bonus Sociale: le precisazioni dell'azienda "Per ulteriori informazioni rivolgersi all'Inps o al Caf"
Assunzione di quattro operai in Amet, preselettive il 18 maggio all'auditorium San Magno Assunzione di quattro operai in Amet, preselettive il 18 maggio all'auditorium San Magno La nota dell'amministratore delegato Giuseppe Paolillo
Disguidi nelle bollette Amet: Ferri e Cozzoli (FdI) chiedono chiarezza Disguidi nelle bollette Amet: Ferri e Cozzoli (FdI) chiedono chiarezza Una interrogazione consiliare per capire i motivi e chiedere soluzioni
4 Caos bollette Amet, il Consigliere Di Leo chiede chiarimenti Caos bollette Amet, il Consigliere Di Leo chiede chiarimenti Dopo l’invio da parte di Amet di richieste di pagamento non dovute la Lega chiede di fare chiarezza
Arpal: emesso un bando per un'assunzione a tempo indeterminato per assistenza ai disabili nei trasporti Amet Arpal: emesso un bando per un'assunzione a tempo indeterminato per assistenza ai disabili nei trasporti Amet Le domande da presentare tra il 28 febbraio e il 4 marzo
La scomparsa del dott. Nicola Pappolla: era stato assessore e Presidente dell'Amet La scomparsa del dott. Nicola Pappolla: era stato assessore e Presidente dell'Amet Un professionista di grande competenza
Breve black out in piazza Plebiscito e via San Giorgio Breve black out in piazza Plebiscito e via San Giorgio Per circa un'ora sono rimasti spenti i lampioni della pubblica illuminazione
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.