Ospedale Bisceglie
Cronaca

Sessantenne tranese morta di peritonite a Bisceglie, la Procura: «Non fu malasanità»

Il pm ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta sul decesso di Orsola Stella

Per il sostituto procuratore della Repubblica di Trani, Michele Ruggiero, il decesso di Orsola Stella non è un caso di malasanità. Una conclusione che deriva dall'esito finale della consulenza del medico legale Francesco Vinci, che eseguì l'autopsia sul cadavere della 60enne tranese. La donna è morta la notte del 24 aprile 2016 all'ospedale di Bisceglie prima di eseguire una tac all'addome per la quale, poco prima, era stata trasferita dal pronto soccorso del "San Nicola Pellegrino" di Trani. Per il consulente del pm non ci sono responsabilità del medico in servizio al pronto soccorso la sera del 23 aprile: la morte, avvenuta per "peritonite acuta da perforazione intestinale" era inevitabile. A prescindere, dunque, da tempi d'attesa per visita ed accertamenti.

Esattamente opposta la tesi dei familiari della donna che, attraverso l'avvocato Ignazio Daniele Nenna, hanno presentato opposizione alla richiesta d'archiviazione dell'indagine a carico del medico del pronto soccorso di Trani. Per la difesa, che si avvale di un parere medico-legale del chirurgo ferrarese Alessandra Bergonzini, "la conduzione dell'esame necroscopico del consulente medico legale del pubblico ministero è stata decisamente carente e superficiale". Al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani che dovrà valutare la richiesta d'archiviazione e la relativa opposizione (la camera di consiglio sarà fissata nei prossimi giorni) l'avv. Nenna ha chiesto di formulare l'imputazione coatta per l'accusa di omicidio colposo nei confronti del medico del pronto soccorso di Trani e, in via subordinata, di ordinare al pm di svolgere ulteriore indagini anche interrogando persone informate su quanto accadde al pronto soccorso del San Nicola Pellegrino, soprattutto sui tempi di visita della donna.

Chiesta, inoltre, la nomina di un nuovo consulente medico-legale "al di fuori del Distretto della Corte di Appello di Bari, ovvero appartenente a distretto di Corte d'Appello di altra Regione". Secondo quanto si legge nell'opposizione dei familiari "i curanti omettevano di eseguire tempestivamente accertamenti prontamente eseguibili presso qualsiasi presidio ospedaliero, riconosciuti utili strumenti per l'approfondimento diagnostico in caso di addome acuto, programmando tardivamente l'esecuzione della tac da eseguirsi peraltro presso altra struttura ospedaliera in quanto indisponibile all'ospedale di Trani. L'esecuzione degli accertamenti clinici-strumentali-laboratoristici necessari alla diagnosi avrebbe permesso con certezza una diversa evoluzione del quadro clinico presentato da Stella, scongiurandone il decesso".
  • Ospedale
Altri contenuti a tema
Ospedale di Trani, all'incontro in Regione anche Di Gregorio e Avantario Ospedale di Trani, all'incontro in Regione anche Di Gregorio e Avantario Comunicate le intenzioni del Consiglio comunale al direttore dell'Asl, Delle Donne
A Bari un incontro sul futuro dell'ospedale ma il sindaco non c'è A Bari un incontro sul futuro dell'ospedale ma il sindaco non c'è Papagni (M5S): "L'impegno votato in Consiglio era una farsa"
1 Ospedale di Trani, in arrivo una nuova risonanza magnetica Ospedale di Trani, in arrivo una nuova risonanza magnetica Delle Donne: «Un ulteriore tassello per una offerta sanitaria più completa»
4 A Trani troppi nodi non ancora sciolti, per il sindaco è 4 in pagella A Trani troppi nodi non ancora sciolti, per il sindaco è 4 in pagella I voti della settimana di Giovanni Ronco
Giornata dei diritti del malato, a Trani un seminario in ospedale Giornata dei diritti del malato, a Trani un seminario in ospedale Si parlerà di "Medico e paziente, diritti e doveri"
2 Da Pronto soccorso a Punto di primo intervento: cambia solo il nome? Da Pronto soccorso a Punto di primo intervento: cambia solo il nome? Nessun collegamento con i reparti di rianimazione e cardiologia. Ecco come sarà la nuova area clinica
Pronto soccorso, Emiliano garantisce: «Cambia il nome ma non la sostanza» Pronto soccorso, Emiliano garantisce: «Cambia il nome ma non la sostanza» Il sindaco non ci sta: «Trani non può essere relegata ad un qualsiasi Punto di primo intervento»
1 Dal dieci di Fabrizio Corallo al tre dell'ospedale: dalle pagelle non scappa nessuno Dal dieci di Fabrizio Corallo al tre dell'ospedale: dalle pagelle non scappa nessuno I voti della settimana di Giovanni Ronco
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.