Antonio Loconte
Antonio Loconte
Politica

Velobox di via Falcone, Riva Destra denuncia le «irregolarità»

Loconte: «Gli amministratori stanno facendo il possibile per aumentare la sicurezza?»

«Gli amministratori che hanno disposto l'installazione di autovelox su via Falcone sono certi di aver fatto tutto quanto in loro potere per evitare incidenti e aumentare la sicurezza?». Così Antonio Loconte, coordinatore cittadino di Riva Destra, torna parlare di uno degli argomenti al momento più dibattuti: i velobox di via Falcone. «Considerata la presenza in Giunta di un assessore "tecnico" del settore come Giuseppe De Michele - spiega Loconte - ci saremmo aspettati provvedimenti ben diversi in tema di sicurezza sulle strade: l'infrazione del codice della strada deve essere sempre punita ma non si può non rilevare la perseveranza con cui viene sistematicamente disatteso il principio fondamentale della contestazione immediata delle violazioni, principio di assoluto valore educativo e preventivo. A questo proposito sarebbe stato più utile l'acquisto di un "telelaser" da collocare a bordo di un'autovettura della Polizia Locale (in luogo dei quattro velobox) che avrebbe permesso di fermare il trasgressore istantaneamente anziché lasciarlo proseguire».

«Tale strumento - continua - avrebbe consentito un controllo "dinamico" (e non "statico") su tutto il territorio e non, come ora avviene, su un'unica strada: la costante presenza di una pattuglia dotata di "telelaser" sarebbe molto più utile ai fini della sicurezza stradale rispetto a quattro velobox presenti sulla medesima via e svolgerebbe un ruolo fondamentale ai fini della "prevenzione ed educazione stradale". Altra pecca tecnica è costituita dal fatto che il prefetto, pur tenendo conto della classificazione che il Comune fa delle strade cittadine, può autorizzare gli autovelox fissi solo su strade "a scorrimento veloce" che presentino le caratteristiche richieste dal Codice della Sìstrada (art. 2 lettera d). La strada, quindi, deve essere a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico, ciascuna con almeno due corsie di marcia; le intersezioni a raso devono essere semaforizzate; devono essere previste apposite aree o fasce laterali esterne alla carreggiata per la sosta, entrambe con immissioni ed uscite concentrate; deve essere presente la banchina pavimentata a destra e marciapiedi.»

«Non è questo il caso di via Falcone. In alcune pronunce, peraltro, la Suprema Corte di Cassazione (sentenze n. 3701/2011 e n. 7872/2011) ha ribadito che il giudice deve disapplicare quei decreti prefettizi che autorizzano l'uso di autovelox su strade urbane prive delle caratteristiche minime di scorrimento e, di conseguenza, annullare i relativi verbali. I velobox, inoltre, quando attivi - conclude Loconte - devono essere "presidiati" da una pattuglia della polizia locale, in mancanza tutte le multe sono contestabili». Riva Destra, infine, si interroga sui motivi della mancata installazione di un avvisatore luminoso della velocità di percorrenza prima della postazione dell'autovelox. «Un'amministrazione che si autoproclama paladina di "trasparenza" e "correttezza" nel rapporto con i cittadini non può pretendere il rispetto delle regole imponendolo con modalità irregolari».
  • Riva Destra
  • Sicurezza
Altri contenuti a tema
Sicurezza, controlli serrati della Guardia di Finanza e Polizia locale Sicurezza, controlli serrati della Guardia di Finanza e Polizia locale Ieri gli agenti in azione nei luoghi della movida tranese
La prevenzione è legge di natura La prevenzione è legge di natura A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
Ksenia Security: dalla parte dei clienti Ksenia Security: dalla parte dei clienti Sicurezza e controllo attraverso le tecnologie digitali
Sicurezza e criminalità, oggi il primo incontro di "Libera nei quartieri" Sicurezza e criminalità, oggi il primo incontro di "Libera nei quartieri" Ospite il dottor Pasquale Drago. Appuntamento nella parrocchia Angeli Custodi
1 Tre bandi per la riqualificazione urbana, soddisfatti i consiglieri Amoruso Lovecchio e Zitoli Tre bandi per la riqualificazione urbana, soddisfatti i consiglieri Amoruso Lovecchio e Zitoli «Un'area comunale così sensibile merita interventi che possano riequilibrare la distribuzione di servizi»
Nardi chiede il trasferimento dal carcere di Lecce: «Motivi di sicurezza» Nardi chiede il trasferimento dal carcere di Lecce: «Motivi di sicurezza» Nel carcere leccese molti condannati all'ergastolo dallo stesso magistrato
1 Decreto sicurezza, l'Oasi2 Trani rinvolge un appello anche al sindaco Bottaro Decreto sicurezza, l'Oasi2 Trani rinvolge un appello anche al sindaco Bottaro «Rischia di danneggiare decine di persone presenti legalmente nelle nostre comunità»
1 Centralina non in sicurezza vicino alle scuole, scatta l'allarme dei genitori Centralina non in sicurezza vicino alle scuole, scatta l'allarme dei genitori Un pericolo incombente su cui da troppi giorni nessuno interviene
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.