villa comunale Trani
villa comunale Trani
Vita di città

Villa comunale di Trani: da dove ripartire?

Giardino storico e simbolo cittadino, dove e come intervenire per proteggere il nostro verde

Molte volte ci siamo trovati a parlare, nel bene e nel male, della Villa Comunale, ma si sa, non si parla se non di ciò che si ritenga importante.

Un giardino storico e inimitabile che da sempre ospita i giochi e le partite dei più piccoli, fa da sfondo per ottime passeggiate all'aria aperta e da rifugio per chi vuol leggere immerso tra verde e mare. Purtroppo però come abbiamo avuto già modo di vedere, il "polmone vedere necessita cura e costanza".

Per evitare il riciclo di eufemismi, possiamo dire che la villa, casa di uno degli "affacci sul mare" simbolo di Trani: il Fortino, sia lei stessa una "fortezza naturale" che, logorata dagli attacchi del tempo, necessita più che mai di rinforzi in alcuni punti e di sostituzioni in altri.

Alla villa si accede tramite una piazza, Piazza Plebiscito, un tempo la veduta che accoglieva i visitatori era decisamente definibile come "ingresso monumentale", impreziosito dalla bellissima aiuola della piazza, oasi dove dominavano palme e aiuole verdi, tutto rinfrescato dalla presenza di una fontana in marmo bianco; e dalla presenza di San Domenico, chiesa del 1700.

Nella descrizione però prevale, a malincuore, il "tempo passato". La situazione che si delinea oggi fa sembrare di trovarsi in un luogo completamente diverso: l'aiuola è ormai sguarnita della maggior parte delle palme, alcune cadute pericolosamente di recente, il suolo appare tristemente arido, con il marrone come unico colore dominante e la fontana, ferma da tempo, ha visto sostituita l'acqua con la sporcizia. A difesa dell'aiuola sono rimasti solo avanzi arrugginiti di quella che prima era una recinzione, rimasugli, che tra l'altro, sono anche potenzialmente pericolosi per i bambini che capita giochino nel piazzale antistante all'entrata.

Della chiesa è invece più difficile vedere cosa resta, in quanto è chiusa da anni in un'armatura fatta di impalcature e transenne, che se pur da un lato dovrebbero impedire di avvicinarsi alla zona pericolante, dall'altro lasciano che le erbacce di un tempo si siano trasformate in un aiuola che sbuca dal cemento.

L'ingresso della villa accoglie il visitatore con un'opera situata sulla pavimentazione, raffigurante lo stemma della città: uno scudo rettangolare a punta con al centro un drago, sul quale trova equilibrio una torre argentea, altro elemento è la testa di toro in branca destra al drago, il tutto in campo azzurro ornato d'oro e sormontato da corona penta turrita, da legenda recante il motto FORTIS FEROX FERTILIS.
41 fotoVilla comunale Trani
Villa Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale TraniVilla Comunale Trani
Una volta dentro, la Villa mostra di meritare la dicitura di "polmone verde", ma di necessitare dei sopra citati interventi di manutenzione. Esempio di questa necessità può già essere l'aiuola che si trova subito a destra di chi entra, dove il colore verde viene a mancare in favore del marrone della terra.

Procedendo a destra si può passeggiare lungo il fresco viale alberato interno, o costeggiare il muro della chiesa di San Domenico. Il muro antico, che si vede nitidamente anche dal viale, crea un atmosfera fiabesca, messa tristemente in discussione da alcuni murales tanto volgari quanto irregolari.

Arrivati al termine del viale interno, quando si arriva in prossimità del mare, sulla destra, si trova il "boschetto", povero di manutenzione e controllo, zona, tra l'altro, dove c'è un piccolo teatro in marmo, di cui troppo spesso si dimentica l'esistenza.

Alla sinistra del boschetto, guardando il mare, invece c'è lo storico chiosco della villa, posto dove trovare frescura e godere del panorama del lungo mare di Trani, intravedendo all'orizzonte il Monastero di Colonna.

La magia però finisce quando si sposta lo sguardo ancora verso sinistra, dove un cumulo di pietre, residuo di lavori ormai definibili antichi e di cui abbiamo già parlato, "occupa" la parte finale del viale interno. Occupa, proprio perché per evitare l'avvicinamento ai detriti è stata posta una serie di transenne, che impediscono l'affaccio al mare ormai da tempo.

Da quelle parti, procedendo verso sinistra, si trova l'acquario della villa che permane nel suo stato vegetativo di chiusura. Superandolo si giunge sul viale centrale, che offre 2 suggestivi affacci sul mare, dove si intravede il porto da una parte e il Monastero dall'altra.

L'estremità destra del viale, però, condivide la mala sorte del viale interno. L'affaccio sul mare è anche in questo caso, completamente transennato, in questo caso a causa di una montagna di sabbia, che giace lì, in compagnia dei resti di una "casetta mobile", forse impiegata all'inizio dei lavori.

La villa, unica per la sua posizione sul mare, paga in alcuni affacci la scarsa manutenzione, le ringhiere arrugginite non consentono sempre di godere del panorama.

Uno degli affacci, sull'estrema sinistra della villa, ha riportato addirittura un buco, sopra il quale è stata posta struttura in legno, che sarebbe generoso definire posticcia, l'affaccio è poi chiuso completamente dalle ormai immancabili transenne.

Nonostante questo la villa è lo scenario di molti eventi cittadini, situazione più che positiva, perché davvero rappresenta uno spazio unico e vitale della città. La villa è infatti casa della cassa armonica, situata sul lato di sinistra del parco, che ha recentemente ospitato spettacoli della "Settimana del mare", di un'area giochi per i più piccoli e dello storico fortino. Resta e resterà sempre un luogo di protezione da smog e dal rumore della città, oasi necessariamente da tutelare e "curare" in quelle zone che fanno perdere punti ad un posto simile.

La parola adesso va ai lettori: come intervenire, in che modo si può intervenire per migliorare questo patrimonio naturale e culturale della città? Forse ponendo uno spazio dedicato agli amici a 4 zampe, o migliorando l'area giochi che da sempre ospita i più piccoli. E' il momento di mettersi concretamente in gioco e intervenire sul patrimonio cittadino.
  • Villa comunale
Altri contenuti a tema
Una Villa Comunale ancora in attesa di svolta Una Villa Comunale ancora in attesa di svolta Qualche luce sulla “stagnante” questione dei lavori
Atti vandalici in villa, Corraro: «I responsabili individuati e sanzionati pesantemente» Atti vandalici in villa, Corraro: «I responsabili individuati e sanzionati pesantemente» La nota del consigliere di Italia Viva
8 Villa Comunale: abbattuta una delle giostre Villa Comunale: abbattuta una delle giostre Probabile gesto di inciviltà alle giostre del parco
Trani celebra il 150° anniversario della nascita di Guglielmo Marconi Trani celebra il 150° anniversario della nascita di Guglielmo Marconi Inaugurata mostra nello chalet della villa comunale
Coloriamo l'anima, storie di rinascita nello chalet della Villa comunale Coloriamo l'anima, storie di rinascita nello chalet della Villa comunale Una serata emozionante per vivere momenti di bellezza autentica
Bicentenario della nascita della Villa Comunale di Trani, tutte le iniziative Bicentenario della nascita della Villa Comunale di Trani, tutte le iniziative Con "Italia nostra" scuole, associazioni, ordini professionali impegnati e coinvolti nella celebrazione dei nostri giardini unici al mondo
In Villa comunale arriva il sistema di videosorveglianza, lunedì la presentazione In Villa comunale arriva il sistema di videosorveglianza, lunedì la presentazione L'impianto realizzato con tecnologia in fibra ottica e collegato direttamente alla centrale operativa di tutte le forze dell’ordine
Bottaro: "A breve il collaudo di dieci telecamere di sorveglianza in Villa comunale" Bottaro: "A breve il collaudo di dieci telecamere di sorveglianza in Villa comunale" La infrastruttura tecnologica finanziata col secondo progetto Duc
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.