Vigor Terlizzi
Vigor Terlizzi
Calcio

Un rigore contestatissimo nega al Trani la vittoria sul Gallipoli: 1-1 finale

Morgese: «Meritiamo rispetto, gli arbitri non ammettono mai di aver errato. Confido in qualche acquisto»

TRANI: Petranca, Muciaccia, Serino (48'st Ciciriello), Mazzilli, Camasta, Bartoli, Cormio (21'st Gallo), Schirizzi (29'st Di Lernia), Moussa, Negro, Mongiello All. Scaringella

GALLIPOLI: Passaseo, Mauro, Ruberto, Casalino, Greco, D'Arcante (1'st Levanto), De Leo (43'st Martena), Portaccio, Iurato, Sansó, Romano (40'st Miccoli) All. Luperto

ARBITRO: Acquafredda di Molfetta

RETI: 22'pt Negro, 17'st rig. Sansò

Seconda gara interna consecutiva per la Vigor che affronta il Gallipoli che precede i tranesi di due punti. Nel primo tempo è Passaseo ad opporsi ad un'interessante combinazione tra Negro e Mongiello ma nulla può al 22' allorquando Negro insacca da pochi passi uno splendido assist dello sgusciante Moussa, autore di una pregevole iniziativa personale sulla corsia destra. Il marcatore del Trani non esulta in considerazione delle sue origini gallipoline. L'unico tentativo ospite è firmato da Portaccio che dalla distanza non coglie impreparato Petranca.

Realmente insidiosi, invece, si dimostrano gli spunti dei biancazzurri: Mongiello manda a lato da buona posizione vanificando una ripartenza di Negro, successivamente non riesce ad agganciare un invitante suggerimento in area dello stesso esterno offensivo. I padroni di casa si affidano ad autentiche sassate da fuori: Negro e Schirizzi, infatti, impegnano severamente l'estremo salentino che respinge a fatica (in una circostanza anticipando l'accorrente Bartoli) negando agli adriatici il possibile raddoppio. I pochi presenti - per la perdurante contestazione all'indirizzo della società - gradiscono la prestazione incitando la Vigor a squarciagola. In avvio di ripresa è Iurato a sfiorare il pari con una parabola dalla trequarti che procura brividi al pubblico del Comunale mentre De Leo, perfettamente imbeccato da Sansò, spedisce oltre la traversa sull'uscita di Petranca.

Al 17' mutano improvvisamente i connotati della gara in quanto l'assistente operante nei pressi della tribuna, Denisov della sezione di Bari, tra l'incredulità generale segnala un tocco sospetto di Mazzilli in area (le immagini televisive evidenziano braccia aderenti al corpo e non protese a colpire la sfera) che scatena furibonde proteste in campo e sugli spalti; il direttore di gara, al termine di un conciliabolo e nonostante le veementi rimostranze degli atleti tranesi, accorda ai giallorossi il penalty che Sansò realizza spiazzando il portiere locale. Il match si surriscalda offrendo tuttavia scarse emozioni sul terreno di gioco: Negro cerca di incidere dal limite non inquadrando lo specchio, Moussa lambisce il palo con un fendente da fuori che strappa gli ultimi applausi verso una compagine pimpante che, in attesa di novità per quanto concerne il mercato, sovrasta avversari più quotati pur schierando ben cinque under. Immancabili inoltre gli ululati di disapprovazione nei confronti di Acquafredda e Denisov che hanno pesantemente condizionato l'esito dell'incontro.

In sala stampa il direttore sportivo Francesco Morgese evidenzia l'illogicità di una decisione che ha negato ai suoi la possibilità di ottenere tre preziosissimi punti che avrebbero permesso l'irruzione in zona playoff: «Rigore inesistente, questi signori dirigono le gare per raccomandazioni o per altri motivi ma se qualcuno ha deciso di farci fuori perchè c'è Lanza alle nostre spalle non ha capito nulla in quanto ci siamo noi che lavoriamo sodo per tutta la settimana e non possiamo essere trattati così. Gli ionici avrebbero potuto pareggiare solo con un'invenzione arbitrale perchè ormai la partita era dalla nostra parte».

Morgese ricorda come Denisov gli abbia procurato una lunga squalifica espellendolo a Casarano senza aver causato alcunchè: «Sembra abbia un conto in sospeso nei miei confronti. I vertici AIA parlano continuamente di correttezza ma spesso sono le terne a minacciare sanzioni: io ricevo squalifiche delle quali mi assumo ogni responsabilità ma lo devono fare anche loro quando sbagliano, del resto non ho mai sentito un arbitro ammettere i propri errori».

Una battuta sulla squadra: «Stiamo facendo davvero un miracolo con i giocatori contati per cui i ragazzi meritano un plauso. Mi auguro che il presidente intervenga sul mercato acquistando qualche pedina». Il Casarano, intanto, si laurea campione d'inverno con una giornata d'anticipo approfittando dello scivolone del Brindisi (1-0) al cospetto di un Barletta che raggiunge il secondo posto. Il Trani è sempre a -2 dalla quinta piazza occupata dal Gallipoli, un distacco che contribuisce ad alimentare il rammarico...
  • Asd Vigor Trani
Altri contenuti a tema
Il Brindisi vince 3-0 a Trani, Vigor in 10 uomini dal 35' Il Brindisi vince 3-0 a Trani, Vigor in 10 uomini dal 35' Mister Scaringella: «Gara orientata dagli episodi del primo tempo, ingenuità di Petranca»
Gara pirotecnica al Comunale, Trani-Corato termina 4-3 Gara pirotecnica al Comunale, Trani-Corato termina 4-3 Bartoli, Modesto, Negro e Mazzilli firmano una clamorosa vittoria. La soddisfazione di Scaringella
Il Trani intende riprendere la marcia sfidando il rivoluzionato Corato Il Trani intende riprendere la marcia sfidando il rivoluzionato Corato L'avvio del mercato invernale sconvolge gli assetti delle squadre
L'ex Telera consegna il derby al Barletta: 1-0 alla Vigor Trani L'ex Telera consegna il derby al Barletta: 1-0 alla Vigor Trani Un colpo di testa del difensore biancorosso risolve una gara equilibrata
Trani-Otranto, al Comunale uno scialbo 0-0 con poche emozioni Trani-Otranto, al Comunale uno scialbo 0-0 con poche emozioni I risultati maturati sugli altri campi evidenziano la mediocrità del torneo
Il Trani perde di misura: al "Capozza" termina 1-0 per il Casarano Il Trani perde di misura: al "Capozza" termina 1-0 per il Casarano Un guizzo di Palmisano condanna la Vigor ad una sconfitta dignitosa
1 Il Trani nella tana della capolista Casarano per continuare a stupire Il Trani nella tana della capolista Casarano per continuare a stupire Test di spessore per la retroguardia della Vigor, attualmente la migliore del torneo
Calcio, il Trani batte 1-0 l'Unione Bisceglie con una rete di Moussa Calcio, il Trani batte 1-0 l'Unione Bisceglie con una rete di Moussa La Vigor vola in zona playoff, Scaringella: «Possiamo dire la nostra contro chiunque»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.