Piazza Plebiscito
Piazza Plebiscito
Sanità

Alla ricerca del Protocollo perduto: sanità e cittadini in subbuglio

Giovanni Ronco replica al direttore della Asl Delle Donne

Se non fosse una questione che riguarda direttamente la nostra salute, ci appassionerebbe più di un film giallo. Dopo il botta e risposta tra Emiliano e Bottaro, dopo gli inserimenti a gamba tesa che consiglieri comunali e comuni cittadini hanno fatto partire rigorosamente via Facebook , ora ci chiediamo: questo Protocollo che riguardava il taglio castrante alla Sanità tranese ( nel senso dei posti letto - cit. Emiliano) quanta altra gente l'aveva visto, oltre al Sindaco che l'ha firmato?

Ho visto che é datato anno 2016. Possibile che solo il Sindaco lo abbia tenuto gelosamente custodito nel salvadanaio dei figli o nella cassaforte o in tavernetta? Perché nessuno o è andato a sollecitare che quel Protocollo fosse messo in atto in ogni suo punto ( saremmo in una condizione migliore) o, se non gli andava bene, perché troppo riduttivo, perché nell'arco di ben tre anni, non ha chiesto di vederlo e non ha sollevato in aria i tavoli del consiglio comunale, magari minacciando di non votare nemmeno alle famose Primarie interne al Pd ( quelle di renziani contro orlandiani contro emilianei - quella sarebbe stata una buona occasione-).

Dove era finito questo Protocollo in tre anni? Perché nessuno dei consiglieri di maggioranza o meglio ancora assessori non si è rapportato prima col sindaco e poi com la cittadinanza per creare uno stato di allerta? Solo Tomasicchio faceva parte del Consiglio Comunale? Perché io sulla questione ho visto darsi da fare solo " isso", come dicono a Napoli.

Per quale motivo abbiamo dovuto dare la notizia di una persona deceduta perché si riaprisse un acceso dibattito? E qui approfitto per rispondere al direttore della Asl Delle Donne: il mio articolo non aveva alcuna intenzione di ledere l'immagine della Asl o dei suoi lavoratori. Il mio intento non era di offendere alcuno ma solo di esprimere il disagio vissuto dai cittadini a causa della carenza di strutture a Trani (non una colpa del personale Asl) e di difficoltà vissute dal Pronto Soccorso di Bisceglie (nemmeno questa una colpa della Asl) per il sovraffollamento. Purtroppo stavolta è capitato che sullo sfondo di queste difficoltà ci fosse la morte di un nostro concittadino, con le testimonianze dirette in mio possesso, dei suoi parenti (di qui la scelta di non fornire troppi dettagli, per discrezione nei confronti della famiglia e degli operatori, quindi ho anche tutelato questi ultimi, altro che leso l'immagine - sapendo tra l'altro che era partita una denuncia da parte dei famigliari della vittima).

Concludendo mi sembra ingiusto buttare la croce unicamente su Bottaro, sì firmatario, ma pur sempre sottoposto al controllo di decine tra consiglieri e assessori. Se non fosse andato in piazza i tranesi l'avrebbero sommerso di insulti. Ci è andato e si è beccato la tirata d'orecchie di Emiliano. Da tranese preferisco che sia andato in quella piazza. In attesa che quel Protocollo, ora che é tornato in auge, si attui per davvero e integralmente. E dal 2020 la speranza personale è che si possa aprire un nuovo capitolo che, come già detto, restituisca a Trani almeno qualche reparto utile per la gestione delle emergenze e per poter utilizzare a pieno regime macchinari e sale operatorie nuove di zecca. Quest'ultima cosa ad Emiliano non la ricorda mai nessuno, giornalisti reggimicrofono compresi e uomini della sua corte inclusi.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
3 Sanità locale, dal vicesindaco Carlo Avantario l'invito a spegnere le polemiche Sanità locale, dal vicesindaco Carlo Avantario l'invito a spegnere le polemiche «L’interesse comune deve essere quello di garantire il miglior servizio di assistenza possibile ai cittadini»
Buon Primo Maggio per stabilizzazione di circa 140 lavoratori della Sanitàservice Bat Buon Primo Maggio per stabilizzazione di circa 140 lavoratori della Sanitàservice Bat L'obbiettivo raggiunto grazie la sinergia tra Asl e Fp Cgil
La sanità a fianco dei poveri, a Trani nasce l'ambulatorio medico "Giuseppe Moscati" La sanità a fianco dei poveri, a Trani nasce l'ambulatorio medico "Giuseppe Moscati" Offrirà assistenza alle persone iscritte nei registri della Caritas diocesana
Un aiuto per le persone anziane e sole, ecco il Barattolo della Salute Un aiuto per le persone anziane e sole, ecco il Barattolo della Salute Il progetto realizzato da Croce Bianca e Lions
Ambulatorio medico "Giuseppe Moscati", venerdì la benedizione dei locali Ambulatorio medico "Giuseppe Moscati", venerdì la benedizione dei locali Prende forma il progetto sanitario voluto da Associazione Orizzonti, Parrocchia Spirito Santo e Caritas cittadina
Sanità, si riduce per la Puglia la mobilità passiva. Ricoveri diminuiti del 21% dal 2006 al 2017 Sanità, si riduce per la Puglia la mobilità passiva. Ricoveri diminuiti del 21% dal 2006 al 2017 Dati confortanti arrivano dal Ministero della Salute
Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: oggi convegno della Croce Bianca di Trani Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: oggi convegno della Croce Bianca di Trani L'iniziativa per informare sul nuovo assetto regionale in materia di cure
1 Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: convegno della Croce Bianca di Trani Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: convegno della Croce Bianca di Trani L'iniziativa per informare sul nuovo assetto regionale in materia di cure
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.