Lum Trani 2
Lum Trani 2
Politica

Aiuti pubblici all'università privata Lum, possibile una revoca?

Borse di studio di 2.500 euro, finanziate dal Patto Territoriale

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
La polemica ha già fatto il giro di tutta la regione, e probabilmente d'Italia. Brucia ancora di più il fatto che non si tratti del primo caso, ma siamo alla seconda puntata, visto che l'accaduto si è ripetuto puntualmente l'anno scorso. Il pomo della discordia è ancora una volta il finanziamento di borse di studio per gli studenti della Lum (Libera Università Mediterranea), un'università privata con sede centrale a Casamassima (e con sede di tutoraggio a Trani), di proprietà della famiglia Degennaro, di cui Emanuele Degennaro è Rettore.

Il bando per borse di studio, fino a 2500 euro a studente, è stato formulato come l'anno scorso dai Comuni del Patto Territoriale Nord barese Ofantino e dalla Provincia di Barletta-Andria-Trani. «Questi soldi non verranno più dati», ha detto ieri il sindaco di Barletta Cascella, in Consiglio comunale, rispondendo all'intervento del consigliere comunale Campese. Questo significa che sarebbe stato revocato il finanziamento, da parte del Patto Territoriale? Al momento però, sia sul sito della Lum, che su quello del Patto Territoriale, il bando per l'anno accademico 2013/2014 fa ancora bella vista. C'è forse una retromarcia, non ufficializzata, che fa seguito all'interrogazione parlamentare al Ministro della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca da parte dell'on. Nicola Fratoianni?

In un momento in cui scarseggiano le risorse per le Università pubbliche, anche per quelle di più diretto riferimento territoriale per le città della Sesta Provincia pugliese, cioè quella di Bari e Foggia, frequentata dalla stragrande maggioranza dei nostri studenti, il problema è ben più grave. Il bando, infatti, si avvale anche dell'esclusività territoriale: riferendosi alla sede tranese della Lum "Jean Monet", una sede unicamente di tutoraggio, si rivolge unicamente a studenti residenti nella Bat. Pare che sul finanziamento, ci sia stato un dietrofront della Provincia, che l'anno scorso aveva partecipato.

Ricordiamo che è questa esperienza di unica Università della Bat e forse per questo i politici locali si sono nuovamente lanciati in tale discutibile decisione. Non sono mancate, in queste ore, le tante prese di posizione contrarie di esponenti della politica regionale, di sinistra come di destra, come abbiamo già avuto modo di riportare. Non erano mancate anche l'anno scorso le proteste delle associazioni studentesche e del mondo sindacale locale. Qualcuno delle autorità del Patto territoriale dovrà rispondere, perché la polemica non si può dire chiusa.
  • Università LUM
  • Patto Territoriale NBO
Altri contenuti a tema
Il patto territoriale nord barese ofantino discute di Welfare Il patto territoriale nord barese ofantino discute di Welfare Al via questo pomeriggio il ciclo di incontri online con gli esperti
Alla Lum corso di alta formazione su "Le nuove regole per i migranti" Alla Lum corso di alta formazione su "Le nuove regole per i migranti" Aperte le iscrizioni, c'è tempo fino l'8 gennaio
Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Il sindacato a Giorgino: «Quale il futuro dell'agenzia?»
Giustizia troppo costosa in Italia: dalla Lum il monito di Giorgio Spangher Giustizia troppo costosa in Italia: dalla Lum il monito di Giorgio Spangher Convegno su legislazione, giurisdizione e bilancio Ue
I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta Trani ha deliberato l'uscita. Mennea (Pd): «Decisione sbagliata»
Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Il Comune dispone il pagamento della quota associativa 2016
Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Il partito contesta le motivazioni dell'uscita di Trani dal consorzio
Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Il sindaco Bottaro: «È una scelta politica di tutta la città»
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.