IMG
IMG
Vita di città

Si è spenta Anna Cellamare, un'artista "dell'Umanità"

Oggi a Trani il rito funebre. Sapeva declinare i suoi percorsi artistici nell'anima più autentica delle comunità

"Nana, ti immaginiamo così, aperta alla meraviglia, viva altrove, avvolta dall'universo ad immaginare il futuro. Sei stata una straordinaria compagna di viaggio, un privilegio per noi aver goduto della tua intelligenza generosa. Ciao Nana, ci rivediamo in giro": per chi non conosceva Anna, "Nana", come la chiamavano i suoi amici, prendere informazioni su di lei per raccontare cosa non solo la sua città natale, Trani, ma tutti i luoghi sfiorati dalla sua anima bella abbia perso, significa sentire di aver mancato l'occasione di incontrare una persona meravigliosa, capace di contagiare con il suo entusiasmo, la sua vitalità, la sua creatività chiunque avesse a che fare con lei. Si è spenta, abbiamo scritto ma è evidente come la sua sia una luce non destinata a spegnersi nel cuore della moltitudine di umanità con cui ha ricreato la vita attraverso l'arte e la bellezza della sua anima.

La citazione iniziale è una delle innumerevoli dediche che da ieri, da quando ha cominciato a diffondersi la notizia della sua scomparsa, si sono inanellate una sull'altra a cercare di spiegare con parole l'immensa bellezza di Anna: e in particolare quella apparsa sulla pagina della Open design School, uno dei progetti chiave della Fondazione Matera 2019, un laboratorio di interdisciplinarietà nel quale Anna aveva unito alla sua creatività e alla sua formazione artistica l'obiettivo di fare rete di comunità, dal centro alle periferie. "Non ho mai sentito dire qualcosa di banale A proposito di Anna, era veramente una persona eccezionale, dotata di una generosità rara nel donare se stessa": così Rita Orlando, che con Anna è stata fianco a fianco per un anno e mezzo nell'avventura di Matera capitale della Cultura: fu selezionata dall' Open design School in seno alla fondazione Matera 2019 non solo per il suo percorso di formazione e le innumerevoli esperienze (dall'Istituto statale d'arte di Corato all'accademia delle Belle Arti di Foggia, all'accademia Teatro alla Scala di Milano, e a una creatività e ma professionalità espresse in tutta Europa): "era empatica al massimo e proprio completamente dedicata a creare comunità, retri relazioni. Anna era splendida, era capace davvero di parlare con le pietre": non solo nel senso di questo suo straordinario rapporto viscerale con gli elementi della natura ma proprio per la sua capacità di entrare in relazione con il prossimo, scardinarne le ritrosie con il suo modo di essere autenticamente coinvolgente.

La grande passione, insieme a sua sorella per il cosiddetto design del cibo,tanto che proprio per la cerimonia inaugurale di Matera 2019 le fu affidato l'allestimento "food" di Casa Cava in modo che fosse coordinato con il logo che veniva presentato; ma allestì anche i pranzi di comunità nei quartieri della città, inventando la storia delle zuppe di pietre e ideando con un suo amico artista la stampa serigrafica di canovacci che rappresentavano il senso di unità che il cibo consente. E a Bisceglieè stata la fondatrice – con Claudia "Kedy" Cellamare - ("Oggi respiro il silenzio, poche parole e tutto il vostro amore per lei, per noi. Ho avuto la fortuna di trovare la mia anima gemella sin dalla nascita. Mi dicevi "Skedy tu sei un Sole con le gambe". Oggi mi sento Luna, piena del mio amore per te. E mò?") - di Cozinha Nomade, Uno spazio di condivisione, sperimentazione e relazione. ma era stata co-founder di Cartaelatte e animatrice di workshop di food design con il MAD in Situ – Innovative Lab for Social Design – Bruxelles. Una esperienza riproposta per un mese a Lisbona nel 2016, mettendo attorno allo stesso tavolo persone sconosciute e poi al Liceo italiano IMI a Istanbul.

Una persona sempre pronta a esaltare la la bellezza dell'essere comunità, che parlava di inclusione quando era un termine ancora sconosciuto, sempre pronta a lavorare sul futuro, che ha seminato bellezza e generosità ovunque.

Anna aveva 38 anni e viveva in Abruzzo con suo marito, in pieno contatto e sintonia della natura dove con una cerimonia toccante e - come sempre, vissuta in piena condivisione con gli amici - si erano sposati. La cerimonia funebre di Anna avrà luogo oggi pomeriggio della Chiesa di Santa Chiara a Trani alle ore 16:00.


Annina, mi tremano le mani. Buon altrove Nana, sono felice di averti incontrata, porto sempre con me le nostre chiacchierate e la tua risata piena. ciao stella
.
"Ciao Nana', con il cuore gonfio di tristezza perché oggi sembri volar via dai dolori terreni, ma sappiamo che non te ne andrai lontano da noi. Perché custodiremo con attenzione il tuo ricordo e la volontà di un mondo diverso, dove le persone sono ancora il senso stesso della vita. Dove la felicità si coltiva nelle relazioni quotidiane e in ogni cultura che si incontra sul proprio cammino".

Sei stata un dono di magia e bellezza per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarti…Buon viaggio anima splendente, ci rivediamo tra le stelle.
Anna CellamareAnna CellamareAnna CellamareAnna CellamareAnna CellamareAnna CellamareAnna Cellamare
  • Lutto
Altri contenuti a tema
1 Grande dolore per la morte di Gianfranco Chieppa, anima e fondatore della "Casa di Carta" a Trani Grande dolore per la morte di Gianfranco Chieppa, anima e fondatore della "Casa di Carta" a Trani Aveva solo 41 anni; la testimonianza dei suoi amici in una struggente lettera
1 È morto Nicola Nenna, l'infermiere di tanti tranesi: fu assessore e consigliere comunale È morto Nicola Nenna, l'infermiere di tanti tranesi: fu assessore e consigliere comunale "Nicolino", come affettuosamente veniva chiamato, si è spento a 83 anni
3 Si è spento Giacomo Pastore, enologo tranese col cappello d'Alpino Si è spento Giacomo Pastore, enologo tranese col cappello d'Alpino Oggi le esequie nella chiesa della Madonna di Fatima. Aveva 86 anni
È morta Michela Murgia: i suoi giorni a Trani tra Dialoghi,  teatro e...latte macchiato È morta Michela Murgia: i suoi giorni a Trani tra Dialoghi, teatro e...latte macchiato La scrittrice sarda aveva annunciato e condiviso la malattia sui social
È morto Nicola Cassinesi, per tante generazioni di tranesi "Settantotto" È morto Nicola Cassinesi, per tante generazioni di tranesi "Settantotto" Decano dei commercianti tranesi, aveva 93 anni. Il Sindaco: "Perdiamo un pezzo di storia della nostra città"
1 È morto Carlo Ferrante, padre del vicesindaco: fu protagonista della politica locale e regionale degli anni '70 e  '80 È morto Carlo Ferrante, padre del vicesindaco: fu protagonista della politica locale e regionale degli anni '70 e '80 Esponente del Partito Socialdemocratico Italiano, aveva più volte ricoperto ruoli pubblici. Il messaggio di cordoglio Amedeo Bottaro
In lutto il basket tranese e piemontese: Titto Porcelli morto improvvisamente. Aveva  56 anni In lutto il basket tranese e piemontese: Titto Porcelli morto improvvisamente. Aveva 56 anni ll coach era molto amato e apprezzato sia in campo sportivo che fuori
Scomparsa prematuramente Eva Rebol, campionessa di pallamano Scomparsa prematuramente Eva Rebol, campionessa di pallamano La giocatrice slovena si era trasferita a Trani dopo la carriera sportiva
© 2001-2023 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.