Piano sociale di zona
Piano sociale di zona
Associazioni

Assegni di cura per disabili, alcune associazioni diffidano la Regione Puglia

Bocciata la misura del Welfare di abbassare la misura di sostegno sociale

Le associazioni: C16no, Disabili Attivi, A.r.i.anna, Associazione Para-tetraplegici, Viva La Vita, Contro Le Barriere, Uildm, Conslancio.

Visto l'esito del Tavolo Regionale per la Non Autosufficienza, tenutosi in data 17 aprile in video conferenza, fra la Regione Puglia, Assessorato al Welfare, e le Associazioni di rappresentanza dei disabili gravissimi, avente come oggetto la misura di sostegno sociale denominata" Assegno di cura", sentita la proposta del Welfare di abbassare la misura di sostegno sociale, attraverso una delibera di Giunta, dagli attuali € 900 a € 600 per il periodo gennaio - ottobre 2020, procrastinabile fino a dicembre 2020, visto il parere negativo di tale proposta da parte della Associazioni diffidano il Welfare dal portare in Giunta Regionale la suddetta proposta e tutta la Giunta ad approvarla, in quanto è offensiva e lesiva dei diritti dei disabili gravissimi.

Chiediamo l'immediata applicazione della nostra proposta, già presentata da diversi mesi, di diversificare l'importo in base al sostegno assistenziale, così come sancito dal DM FNA sulla Non Autosufficienza e relativo Piano per la Non Autosufficienza, che stabilisce che il sostegno dev'essere corrisposto alla famiglia, al fine di evitare l'ospedalizzazione del disabile gravissimo, commisurandone l'importo all'effettivo bisogno, bisogno già sancito ed accertato in sede di UVM che differenzia il livello di gravità, anche sulla base della L.R. 630/2015.

Al fine di riconoscere l'assegno di cura a tutti gli aventi diritto, anche agli ammessi e non finanziati si propone la seguente diversificazione di punteggio già determinato in sede di UVM nell'istruttoria dello scorso bando (2018-2019):

€ 900/ mese (100 – 85) SOSTEGNO INTENSO
€ 700/ mese (80 – 75) SOSTEGNO MEDIO
€ 500/ mese (<=70) SOSTEGNO LIEVE.

Sollecitano il Welfare ad aprire una nuova finestra per consentire a chi è sopraggiunto in stato di gravissima disabilità successivamente al bando 2018/2019, di accedere alla misura di sostegno sociale (possono essere compensati con i tanti deceduti).

Per noi, ciò che la popolazione mondiale sta vivendo in questo momento, non rappresenta una novità: le nostre famiglie sono da anni agli arresti domiciliari e meritano rispetto, attenzione e sostegno dignitoso.

Considerate questa diffida come la prima delle nostre proteste alla quale invitiamo ad aderire tutte le Associazioni presenti al tavolo per la disabilità che, al pari nostro hanno espresso parere negativo alla proposta del welfare del 17 aprile u.s.
  • Regione Puglia
Altri contenuti a tema
Dalla Regione fino a 5600 euro per le persone in condizione di gravissima non autosufficienza Dalla Regione fino a 5600 euro per le persone in condizione di gravissima non autosufficienza Il contributo per sette mensilità. Tutte le info
Regione Puglia: varata la nuova manovra anticrisi da 750 milioni di euro Regione Puglia: varata la nuova manovra anticrisi da 750 milioni di euro Giovedì 4 giugno i primi tre avvisi su microprestito e titolo II  
1 Estate in Puglia, gli stabilimenti balneari potranno aprire al pubblico dal 1 luglio Estate in Puglia, gli stabilimenti balneari potranno aprire al pubblico dal 1 luglio Distanza minima fra ombrelloni di 3,4 metri
Il presidente Lodispoto: «Oggi abbiamo una Provincia di nuovo protagonista» Il presidente Lodispoto: «Oggi abbiamo una Provincia di nuovo protagonista» Il lavoro svolto dall'inizio del suo insediamento ad oggi
Fase 2: «Fondamentale per gli italiani il supporto psicologico» Fase 2: «Fondamentale per gli italiani il supporto psicologico» Le dichiarazioni dell’Ordine di Puglia in merito all’indagine dell’Istituto Piepoli
Riapertura anticipata di alcune attività, la richiesta di Santorsola al presidente Emiliano Riapertura anticipata di alcune attività, la richiesta di Santorsola al presidente Emiliano Per il consigliere regionale trattasi di lavori «non più esposti a rischio rispetto altri»
Autismo, l'associazione Con.Te.Sto esprime perplessità sulla nuova delibera regionale Autismo, l'associazione Con.Te.Sto esprime perplessità sulla nuova delibera regionale La presidente Raffaella Caifasso: «Vanifica gli sforzi finora fatti»
Assegno di cura della Regione Puglia: «Una vergogna inaccettabile» Assegno di cura della Regione Puglia: «Una vergogna inaccettabile» Scoppia la protesta di sei associazioni del territorio
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.