Area Boccadoro
Area Boccadoro
Ambiente

Boccadoro, Legambiente Trani: «Non abbiamo mai smentito i risultati delle analisi di Goletta Verde»

Il presidente invita al rispetto delle regole ed ad una corretta informazione per i cittadini

La diffusione di notizie vere ma manipolate si rivela la più pericolosa tra le "fake news" in quanto evidente risulta l'effetto potenzialmente devastante laddove l'alterazione parziale diviene più subdola della bufala totale. Legambiente Trani ha inteso sempre precisare come le analisi di Goletta Verde alla foce del canale Boccadoro abbiano riguardato un'area di per se intrinsecamente non balneabile in quanto effettuate a tre metri dal canale di fuoriuscita delle acque ove risulta buona norma evitare la balneazione.

In tal senso a differenza di quanto sostenuto, con titoli altisonanti, Legambiente Trani non ha mai smentito le recenti analisi di Goletta Verde cui ha espressamente chiesto di effettuare rilievi al fine di verificare se fenomeni inquinati potessero compromettere l'equilibrio naturalistico della vasca e foce di Boccadoro. Con un comunicato dello scorso 17 luglio 2019, che si richiama integralmente, Legambiente ha precisato come permanendo la balneabilità per le aree monitorate dell'Arpa il rilevato dato dell'inquinamento da enterococchi diviene un essenziale punto di partenza per comprendere quali possano essere i fenomeni, se pur estemporanei o episodici che minacciano lo stato di salute della foce del canale Boccadoro.

Già lo scorso anno all'esito di anomalie registrate, sempre da Goletta Verde, da parte di Legambiente Trani si era stimolata l'Amministrazione ad una maggiore attenzione ai fenomeni di inquinamento costiero ed abusivismo sul litorale. Piuttosto che una ennesima seduta della commissione consiliare sull'ambiente, ormai superflua per le intervenute precisazioni già pubblicate, un "attento amministratore" avrebbe potuto impiegare risorse economiche destinate ai pur legittimi gettoni di presenza per supportare l'attività di analisi delle acque invece autofinanziata da associazioni come Delfino Blu e Legambiente che stanno cercando di restituire alla pubblica fruibilità ed alla natura tratti di costa da decenni in stato di degrado ed abbandono. Stigmatizzando la manipolazione delle informazioni al fine di ottenere una maggiore visibilità Legambiente ribadisce come sia fondamentale il rispetto delle regole. In tal senso se da una parte ben vengano interventi di bonifica e riqualificazione prossimi al litorale o la realizzazione di strutture e servizi su spiagge libere, il tutto deve, però, intervenire con modalità regolamentate e nel rispetto di un condiviso ed adottato piano coste onde evitare illegittime o eccessive privatizzazioni del bene pubblico.

Il passaggio "da una gestione amministrativa, ad un approccio ecologicamente sostenibile", sancito nella legge regionale pugliese dall'allora Assessore Regionale al Demanio, Guglielmo Minervini, impone che la Pubblica Amministrazione si riappropri dei propri compiti di programmazione, che non possono prescindere da un propedeutico patrimonio di conoscenze e competenze, essenziali ad una corretta pianificazione del territorio affinché il piano delle coste fotografi puntualmente le attuali e future potenzialità del litorale come da lustri sta facendo Legambiente nel tracciare viabilità di percorrenza ed accesso alla costa sulla base di criteri incrociati di sensibilità e criticità ambientale e non certo al fine di operare una prevenuta preclusione all'uso del territorio, ma per la gestione corretta di un bene tanto pregiato quanto vulnerabile. Compito del "buon amministratore" è anche quello di "apprendere come informarsi" e quindi acquisire competenze idonee alle vicende di cui si occupa e non invece rischiare di disinformare la collettività.

Legambiente invita i componenti della commissione ambiente a prodigarsi affinché venga adottato un serio piano coste ed ad impegnarsi in concrete ed immediate attività di verifica del rispetto delle norme dettate a tutela e sull'uso della costa ed in particolare della disciplina degli accessi a mare come prevista dalla Legge Regionale n° 17 del 2015 laddove numerose risultano le segnalazioni pervenute a Legambiente Trani non solo quanto a negati vecchi accessi a mare sulla costa Sud quanto a nuove interdizioni anche sulla costa Nord ove si lamenta la scomparsa di sentieri e viabilità verso il mare. Una maggiore e generalizzata attenzione alle risorse naturali e collettive adeguatamente comunicata anche all'iniziativa privata eviterebbe interventi della magistratura e degli organi giudiziari in sostituzione di una omessa vigilanza e di una preventiva quanto opportuna concertazione.

Legambiente Trani, presidente Pierluigi Colangelo
  • Boccadoro
Altri contenuti a tema
Area naturalistica Boccadoro, tra i nuovi servizi bagni chimici e tavoli pic-nic. Oggi la presentazione Area naturalistica Boccadoro, tra i nuovi servizi bagni chimici e tavoli pic-nic. Oggi la presentazione Maggiore sorveglianza ma nessun spazio adibito a parcheggio
Area naturalistica Boccadoro, nuovi servizi ed attività per l'estate Area naturalistica Boccadoro, nuovi servizi ed attività per l'estate Venerdì la presentazione al pubblico
Boccadoro: per Pasqua, 25 Aprile e 1 maggio l’oasi naturalistica rimarrà aperta Boccadoro: per Pasqua, 25 Aprile e 1 maggio l’oasi naturalistica rimarrà aperta Per l’occasione sarà allestita una mostra dei lavori effettuati l’anno scorso
Domenica d'autunno a Boccadoro: oggi prosegue la passeggiata in riva al mare Domenica d'autunno a Boccadoro: oggi prosegue la passeggiata in riva al mare La scorsa settimana fu interrotta a causa dei pericoli lungo l'intero tratto di costa
Domeniche d'autunno a Boccadoro, i visitatori alla ricerca delle bellezze naturali del posto Domeniche d'autunno a Boccadoro, i visitatori alla ricerca delle bellezze naturali del posto Ieri il secondo appuntamento a cura dell'associazione Delfino Blu
Passeggiata in riva al mare: oggi secondo appuntamento nell'area Boccadoro Passeggiata in riva al mare: oggi secondo appuntamento nell'area Boccadoro L'iniziativa di Delfino Blu per riscoprire un tratto di costa a lungo dimenticato
Domeniche d’autunno a Boccadoro, tra riqualificazione e quotidiana inciviltà Domeniche d’autunno a Boccadoro, tra riqualificazione e quotidiana inciviltà Proseguono gli appuntamenti nell'area naturalistica con una nota negativa
Oggi partono le visite guidate nell'area naturalistica di Boccadoro Oggi partono le visite guidate nell'area naturalistica di Boccadoro In programma l'osservazione della grande vasca e della vegetazione tipica autunnale
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.