Firma convenzione in Provincia Bat con l'università Lum
Firma convenzione in Provincia Bat con l'università Lum
Scuola e Lavoro

Borse di studio alla Lum, i sindacati chiedono incontro al presidente Ventola

Intervento della Cgil e della Federazione lavoratori della conoscenza

Anche quest'anno l'amministrazione provinciale di Barletta - Andria - Trani ed il Patto Territoriale per l'Occupazione Nord Barese/Ofantino utilizzeranno risorse pubbliche per finanziare borse di studio per gli studenti della Libera Università Mediterranea "Jean Monnet", un'università privata. E questo nonostante le polemiche dello scorso anno e le nette prese di posizione della Cgil, della Rete degli Studenti e delle parti sociali, dell'assessore regionale al diritto allo studio e alla formazione, nonché dei rettori delle università pubbliche pugliesi. A beneficiare delle borse di studio saranno solo gli studenti, come detto, iscritti alla Lum (non quelli iscritti alle università pubbliche) e residenti in uno dei comuni associati del Patto (sostanzialmente i Comuni della Provincia di Barletta – Andria – Trani e Corato).

«A nostro avviso – commentano Luigi Antonucci, segretario generale Cgil Bat e Francesco D'Ambra, segretario generale Flc Cgil Bat – tale decisione è, in primo luogo, fortemente discriminatoria nei confronti di chi ha scelto di studiare in un'università pubblica. Inoltre, vista la sempre crescente esiguità di risorse e di investimenti nel campo della formazione "pubblica" sostenere, nei fatti, un'università privata dimostra l'incapacità di ascoltare i bisogni del territorio da parte delle istituzioni. In questo momento molte famiglie sono costrette a scegliere se e quanti figli iscrivere all'università: investire nella sinergia formazione-occupazione con uno sguardo orientato al futuro significa privilegiare chi non può permettersi gli studi universitari a causa di una condizione economica svantaggiata e non per incapacità o demerito. Investire, infine, tali risorse in favore di un'università che nel territorio della Bat espleta esclusivamente azione di tutorato e non di ricerca o didattica appare, in definitiva, intollerabile».

«Sarebbe più opportuno, invece, utilizzare tutti i fondi disponibili al sostegno di un "reddito di formazione", tale da rendere più sereno e praticabile il cammino universitario delle ragazze e dei ragazzi residenti nel territorio del Patto Territoriale. Chiediamo, quindi, che questo provvedimento venga ritirato, che le borse di studio vengano destinate a chi ha maggiore bisogno di sostegno economico e che i Comuni e la Provincia, cofinanziatori di questa iniziativa, provvedano ad utilizzare le proprie risorse a sostegno di interventi che incrementino il "reddito di formazione" delle famiglie del nostro territorio. Ci chiediamo, inoltre - conclude il segretario generale della Cgil Bat, Luigi Antonucci – questi soldi messi a disposizione non possono essere utilizzati da parte dell'ente in maniera alternativa? Magari aiutando le famiglie indigenti, il cui numero aumenta sempre di più, a mandare i propri figli a scuola, e non solo? Forse, ci sono delle priorità da affrontare in questo delicato momento storico. Per esprimere tutte le nostre ragioni chiediamo, con i rappresentati della Flc, al presidente della Provincia un incontro nel quale discutere insieme di questo provvedimento».
In foto la firma della convenzione con l'università Lum
  • Università LUM
Altri contenuti a tema
Via l'Università, arriva il Liceo? La ex Lum potrebbe ospitare alcune classi del "de Sanctis" Via l'Università, arriva il Liceo? La ex Lum potrebbe ospitare alcune classi del "de Sanctis" Ieri la raccolta di firme e la protesta dei genitori e studenti contro i doppi turni
L'Ipsia di Andria nella Lum di Trani? E' l'ipotesi avanzata dalla Provincia Bat per risparmiare L'Ipsia di Andria nella Lum di Trani? E' l'ipotesi avanzata dalla Provincia Bat per risparmiare L'attuale costo annuale è troppo esoso per l'Ente, che cerca nuove sistemazioni più convenienti
Possibile trasferimento a Trani per la sede Ipsia di Andria? Possibile trasferimento a Trani per la sede Ipsia di Andria? Gianni Attimonelli (Gessatti Immobiliare srl): «Tentativo di trasferimento ingiustificato e denso di problemi per alunni e personale scolastico»
Università Lum, Di Leo alla Zitoli: «Il privato non ha colori politici. E la Cultura esiste anche grazie ai privati» Università Lum, Di Leo alla Zitoli: «Il privato non ha colori politici. E la Cultura esiste anche grazie ai privati» Continua il dibattito sulla ipotesi di chiusura della Lum
Università Lum verso la chiusura, l'assessore Zitoli chiarisce Università Lum verso la chiusura, l'assessore Zitoli chiarisce «Il diritto all'istruzione deve essere garantito rimuovendo le barriere economiche, non accrescendole»
Alla Lum corso di alta formazione su "Le nuove regole per i migranti" Alla Lum corso di alta formazione su "Le nuove regole per i migranti" Aperte le iscrizioni, c'è tempo fino l'8 gennaio
Giustizia troppo costosa in Italia: dalla Lum il monito di Giorgio Spangher Giustizia troppo costosa in Italia: dalla Lum il monito di Giorgio Spangher Convegno su legislazione, giurisdizione e bilancio Ue
Prosciolti Affatato e Di Leo, nessuna violazione nel "caso Lum" Prosciolti Affatato e Di Leo, nessuna violazione nel "caso Lum" La sentenza emessa questa mattina dal gip di Trani, Francesco Messina
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.