Gigi Riserbato
Gigi Riserbato
Cronaca

Calunnia e diffamazione contro l'ex sindaco Riserbato: una condanna ed un'assoluzione

Dal Tribunale 1 anno e 4 mesi di reclusione per Giuseppe Lorusso. Assolto Michele Giuliano

Si conclude con una condanna ed un'assoluzione il processo originato dalla denuncia dell'ex sindaco Gigi Riserbato per una nota del sindacato "Csa-Fiadel", diffusa il 26 aprile 2013. Il tribunale di Trani ha condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione, col beneficio della sospensione della pena, il dipendente del Comune di Trani Giuseppe Lorusso, addetto al centro elaborazione dati nonché sindacalista, per l'accusa di calunnia ed ha assolto Michele Giuliano, segretario territoriale della sigla Csa, "perché il fatto non costituisce reato".

La sentenza di primo grado, a firma del giudice monocratico Andrea D'Angeli, riconosce il diritto di Riserbato, costituitosi parte civile con l'avvocato Rinaldo Alvisi, al risarcimento del danno da liquidarsi ad opera del giudice civile. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna di entrambi gli imputati ad una pena pecuniaria per il reato di diffamazione. L'avvocato Claudio Papagno, legale di Lorusso, aveva chiesto l'assoluzione "perchè il fatto non sussiste" ed in subordine per l'esimente del diritto di critica.

L'avvocato Antonio Florio, difensore di Giuliano, l'assoluzione con la formula "perché il fatto non sussiste". I due imputati erano stati rinviati a giudizio nel 2014 per l'accusa di concorso in calunnia e diffamazione ai danni di Riserbato. La contestazione risaliva al 26 aprile 2013 quando fu divulgata una nota "Csa-Fiadel", inviata a più soggetti istituzionali, sul sistema informativo del Comune. Si raccontava di 2 dipendenti della Provincia Barletta-Andria-Trani che si sarebbero recati da Lorusso in per conto di Riserbato e del dirigente informatico della provincia per avere accesso alla sala centro elaborazione dati (Ced) del Comune.

L'accesso fu negato perché i 2 avrebbero dovuto esibire i rispettivi documenti di riconoscimento. A fronte di questa richiesta i dipendenti provinciali andarono via e andarono a parlare col sindaco. Secondo la nota "tale intervento doveva risultare anonimo, ovvero privo di qualsivoglia atto formale di legittimazione". Inoltre, si sarebbe trattato di un "presunto sperpero di denaro dei cittadini tranesi e/o della Provincia Bat al fine di soddisfare esigenze assolutamente inesistenti".

Per la Procura nel documento-denuncia gli imputati avrebbero affermato circostanze non rispondenti al vero, offendendo così offendendo la reputazione del sindaco Riserbato che incolpavano di abuso di ufficio.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Il giudice Francesco Messina nominato "formatore" nelle Marche Il giudice Francesco Messina nominato "formatore" nelle Marche Il magistrato barlettano è stato scelto dal Consiglio superiore della magistratura
Muore dopo un intervento al colon, il figlio presenta esposto alla Procura di Trani Muore dopo un intervento al colon, il figlio presenta esposto alla Procura di Trani L'uomo era ricoverato nel reparto di "Chirurgia generale" dell'ospedale di Andria
Sospeso l'ex presidente del Tribunale di Trani, Bortone. E' accusato di falso e truffa Sospeso l'ex presidente del Tribunale di Trani, Bortone. E' accusato di falso e truffa Secondo gli inquirenti avrebbe faatto redigere ad altri le sentenze raggirando il ministero dell'Economia
Corruzione nel Tribunale di Trani, Savasta collabora: rivelati nuovi nomi e fatti Corruzione nel Tribunale di Trani, Savasta collabora: rivelati nuovi nomi e fatti Le dichiarazioni dell’ex Pm tranese aprono altri scenari nella vicenda
Giudici arrestati, Nardi e Di Chiaro rispondono al Gip ma respingono ogni accusa Giudici arrestati, Nardi e Di Chiaro rispondono al Gip ma respingono ogni accusa L'ex magistrato ha rivelato nuovi dettagli e il suo rapporto conflittuale con Savasta
Giudici arrestati, Antonio Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Giudici arrestati, Antonio Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Questa mattina l'interrogatorio di garanzia dinanzi al gip di Lecce
11 «Nardi mi chiedeva 500 euro al giorno. Ho pagato anche 600 mila euro per i lavori di ristrutturazione di una villa a Trani» «Nardi mi chiedeva 500 euro al giorno. Ho pagato anche 600 mila euro per i lavori di ristrutturazione di una villa a Trani» Parla Flavio D'Introno, l'imprenditore coinvolto nell'indagine contro i due ex magistrati tranesi
«Non chiedermi a chi è destinato, lo scoprirai dai telegiornali», shock dopo gli arresti per possesso di tritolo «Non chiedermi a chi è destinato, lo scoprirai dai telegiornali», shock dopo gli arresti per possesso di tritolo S'indaga per scoprire l'obiettivo, non si esclude fosse diretta ad un palazzo istituzionale
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.