Gigi Riserbato
Gigi Riserbato
Cronaca

Calunnia e diffamazione contro l'ex sindaco Riserbato: una condanna ed un'assoluzione

Dal Tribunale 1 anno e 4 mesi di reclusione per Giuseppe Lorusso. Assolto Michele Giuliano

Si conclude con una condanna ed un'assoluzione il processo originato dalla denuncia dell'ex sindaco Gigi Riserbato per una nota del sindacato "Csa-Fiadel", diffusa il 26 aprile 2013. Il tribunale di Trani ha condannato ad 1 anno e 4 mesi di reclusione, col beneficio della sospensione della pena, il dipendente del Comune di Trani Giuseppe Lorusso, addetto al centro elaborazione dati nonché sindacalista, per l'accusa di calunnia ed ha assolto Michele Giuliano, segretario territoriale della sigla Csa, "perché il fatto non costituisce reato".

La sentenza di primo grado, a firma del giudice monocratico Andrea D'Angeli, riconosce il diritto di Riserbato, costituitosi parte civile con l'avvocato Rinaldo Alvisi, al risarcimento del danno da liquidarsi ad opera del giudice civile. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna di entrambi gli imputati ad una pena pecuniaria per il reato di diffamazione. L'avvocato Claudio Papagno, legale di Lorusso, aveva chiesto l'assoluzione "perchè il fatto non sussiste" ed in subordine per l'esimente del diritto di critica.

L'avvocato Antonio Florio, difensore di Giuliano, l'assoluzione con la formula "perché il fatto non sussiste". I due imputati erano stati rinviati a giudizio nel 2014 per l'accusa di concorso in calunnia e diffamazione ai danni di Riserbato. La contestazione risaliva al 26 aprile 2013 quando fu divulgata una nota "Csa-Fiadel", inviata a più soggetti istituzionali, sul sistema informativo del Comune. Si raccontava di 2 dipendenti della Provincia Barletta-Andria-Trani che si sarebbero recati da Lorusso in per conto di Riserbato e del dirigente informatico della provincia per avere accesso alla sala centro elaborazione dati (Ced) del Comune.

L'accesso fu negato perché i 2 avrebbero dovuto esibire i rispettivi documenti di riconoscimento. A fronte di questa richiesta i dipendenti provinciali andarono via e andarono a parlare col sindaco. Secondo la nota "tale intervento doveva risultare anonimo, ovvero privo di qualsivoglia atto formale di legittimazione". Inoltre, si sarebbe trattato di un "presunto sperpero di denaro dei cittadini tranesi e/o della Provincia Bat al fine di soddisfare esigenze assolutamente inesistenti".

Per la Procura nel documento-denuncia gli imputati avrebbero affermato circostanze non rispondenti al vero, offendendo così offendendo la reputazione del sindaco Riserbato che incolpavano di abuso di ufficio.
  • Tribunale di Trani
Altri contenuti a tema
Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva Maria Isabella Scamarcio Nuovo sostituto procuratore al Tribunale di Trani: arriva Maria Isabella Scamarcio Originaria di Andria, s'nsedierà il prossimo 17 dicembre in sostituzione della collega Valentina Botti
Caso Chiarello, i difensori: «La collega non ha posto in essere alcuna condotta che le si possa rimproverare» Caso Chiarello, i difensori: «La collega non ha posto in essere alcuna condotta che le si possa rimproverare» Parlano i difensori dell'avvocato tranese condannata a nove mesi di reclusione per reati di falso e truffa
L'avvocato Giuseppina Chiarello condannata a 9 mesi di reclusione per reati di falso e truffa L'avvocato Giuseppina Chiarello condannata a 9 mesi di reclusione per reati di falso e truffa Gli illeciti commessi nell'ambito della difesa dell'ingegner Giuseppe Affatato
Caso Revolving cards di American Express, crolla l'accusa di usura Caso Revolving cards di American Express, crolla l'accusa di usura A Trani si conclude il processo di primo grado. Prescritte invece le ipotesi di truffa
1 Presunta aggressione ai danni del 118, liberato il 23enne tranese Presunta aggressione ai danni del 118, liberato il 23enne tranese Il fatto ritenuto «non particolarmente grave» dal pm Botti
Racket estorsioni, arrivano le condanne definitive per Michele Regano e Armando Presta Racket estorsioni, arrivano le condanne definitive per Michele Regano e Armando Presta Cinque anni e due mesi di reclusione per il primo e quattro anni e sei mesi per il secondo
Busta con proiettile per un giudice onorario del Tribunale di Trani Busta con proiettile per un giudice onorario del Tribunale di Trani Minacce per l'avvocato barese Avenia. Indagano i carabinieri
Di Maio procuratore del Tribunale di Trani: la nomina affetta da vizio di legittimità Di Maio procuratore del Tribunale di Trani: la nomina affetta da vizio di legittimità Il Consiglio di Stato accoglie in parte il ricorso del pm Nitti
© 2001-2018 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.