Casa, mercato immobiliare
Casa, mercato immobiliare
Cronaca

Chiesto al Comune un risarcimento di 40 milioni di euro

Turrisana, ricorso al Tar di una impresa di costruzione e della proprietaria del suolo. La vicenda è iniziata nel 2003. Il Comune negò le lottizzazioni

Un maxi risarcimento da 40 milioni di euro. E' quanto hanno chiesto con due distinti ricorsi al Tar la proprietaria di alcuni suoli ubicati all'interno del quartiere Matinelle-Turrisana e l'impresa che vi avrebbe dovuto costruire sopra appartamenti per un valore complessivo di 73 milioni di euro.

Il Comune adesso dovrà difendersi davanti al tribunale amministrativo regionale dalle accuse di aver illegittimamente opposto diniego all'iniziativa dei due ricorrenti, volta ad ottenere – chi per un motivo e chi per un altro – l'assenso ad un insieme di piani di lottizzazione facenti parte di un compendio urbanistico unitariamente inteso, proposti conformemente alla disciplina urbanistica vigente al momento della presentazione della domanda.

Facciamo un po' di chiarezza sulla vicenda. La proprietaria dei suoli (posti a ridosso dell'ultima fascia edificata della città, sul versante sud, direzione Bisceglie) ha presentato al Comune, a maggio e giugno del 2003, una proposta di lottizzazione suddivisa in più lottizzazioni separate, formalmente e planovolumetricamente autonome. Il piano presentato si conformava alle disposizioni delle norme tecniche di attuazione del piano regolatore vigente nel 2004, ossia quello approvato del 1971. La proposta prevedeva una volumetria di circa 164mila metri cubi (oltre al recupero della villa), la cessione gratuita al Comune di 30mila metri quadrati di aree già destinate ad opere di urbanizzazione secondaria e la cessione gratuita di altri 14mila metri quadrati di aree già destinate alla realizzazione di nuove strade ed all'allargamento di quelle esistenti. Stante il silenzio dell'amministrazione, gli interessati alla lottizzazione azionarono dinnanzi al Tar la pretesa di veder concluso il procedimento di formazione del piano di lottizzazione chiedendo l'illegittimità del silenzio, evidentemente dilatorio, opposto dal Comune alla domanda. Il Tar riconoscendo fondata la pretesa, impose al Comune di concludere il procedimento, nominando un commissario ad acta (il dirigente del settore urbanistico della Regione Puglia). Il commissario nominato dal giudice concluse il procedimento con un diniego della proposta di lottizzazione avendo ritenuto ostativo col procedimento la nuova disciplina delle aree in via di ritipizzazione approvata in Consiglio comunale a maggio del 2005. In quella sede si procedette alla ritipizzazione non soltanto delle aree per i quali i proprietari avevano formulato espressamente richiesta, ma di tutte le aree del territorio comunale, compresi i suoli della proprietaria ricorrente che già si era impegnata a cedere gratuitamente dei suoli al Comune nell'ambito delle proposte di lottizzazione già invocate da 2 anni.

La proprietaria del suolo e la ditta costruttrice impugnarono i dinieghi commissariali al Tar ma i ricorsi furono rigettati. Il Consiglio di Stato poco dopo si pronunciò in sesnso opposto, riconoscendo l'illegittimità del diniego. Sopravvenendo l'approvazione del nuovo piano urbanistico, il Consiglio di Stato prese atto che i piani lottizativi a suo tempo presentati non avrebbero più potuto conseguire l'approvazione (stante la sopravvenuta, restrittiva disciplina urbanistica introdotta dal pug) e convertì l'azione di annullamento in azione di accertamento dell'illegittimità degli atti, ritenendo utile, ai fini risarcitori, la valutazione del comportamento del Comune che aveva impedito che venisse portato a termine il procedimento di lottizzazione e sottolineando che il nuovo assetto urbanistico prefigurato dal pug avrebbe consentito uno sfruttamento edilizio meno conveniente di quello considerato nel piano di lottizzazione proposto nel 2003. La concreta perdita da parte della proprietaria del suolo è stata quantificata in 9 milioni e 245mila euro.
Di pari passo va il ricorso presentato al Tar dalla ditta Di Bari costruzioni, che avrebbe dovuto costruire su quei suoli in virtù di un contratto di permuta-appalto del 1992. I conti in questo caso sono decisamente più consistenti: il valore di vendita complessivo degli immobili sarebbe stato di 73 milioni di euro con costi calcolati intorno ai 44 milioni di euro. Pertanto il mancato guadagno netto per il quale si chiede il risarcimento è stato stimato in 28 milioni di euro, lievitato a 31 milioni fra rivalutazioni ed interessi.
  • PUG
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
Urbanistica, approvato l'adeguamento del regolamento edilizio: le novità Urbanistica, approvato l'adeguamento del regolamento edilizio: le novità La principale l’introduzione delle “definizioni uniformi"
Dehors: sì ai tavolini all'aperto ma rispettando le regole Dehors: sì ai tavolini all'aperto ma rispettando le regole Un dettagliato intervento di Vito Branà sulla questione
2 Rigenerazione e riqualificazione di un'area a nord di Trani: l'iniziativa di un privato offrirà nuovi spazi pubblici Rigenerazione e riqualificazione di un'area a nord di Trani: l'iniziativa di un privato offrirà nuovi spazi pubblici Il progetto della “di Gifico marmi group” ridarà lustro ad una significativa porzione di litorale di Ponente
Ferrante e la variazione urbanistica, dopo le Pagelle alcuni chiarimenti Ferrante e la variazione urbanistica, dopo le Pagelle alcuni chiarimenti La proposta presentata non prevede alcuna modifica nella destinazione delle aree. Ecco i dettagli
Decoro urbano: il nostro "chiodo fisso" Decoro urbano: il nostro "chiodo fisso" Negli ultimi tempi piccoli ma significativi segnali compensano altre scelte discutibili
2 Convenzioni urbanistiche a Trani: é tempo di annullarle Convenzioni urbanistiche a Trani: é tempo di annullarle Quando politica ed edilizia non sostengono l'economia. Mazza e panella di Giovanni Ronco
Sviluppo urbano: approvati in Giunta i tre progetti per due nuovi quartieri Sviluppo urbano: approvati in Giunta i tre progetti per due nuovi quartieri A ridosso delle ferrovie e in zona Superga presto la grande viabilità prevista dal Pug
Lavori in città, interventi di potatura dei pini in piazza Calcutta e viale Borsellino Lavori in città, interventi di potatura dei pini in piazza Calcutta e viale Borsellino In corso anche lavori di manutenzione di marciapiedi ed isole spartitraffico
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.