Parco urbano costiero
Parco urbano costiero
Vita di città

Dall'ex distilleria Angiolini al grande parco urbano: ecco la nuova Villa sul mare

Il progetto di riqualificazione con sala cinema, ostello e parcheggio diventerà realtà

Una seconda villa comunale sul mare. Così è stato definito il grande parco urbano che sorgerà in zona Castello. Voci di corridoio avevano già svelato ai cittadini alcuni dettagli del progetto che presto diventerà realtà. Come annunciato dal sindaco, Amedeo Bottaro, il parco sorgerà su una superficie complessiva di 40mila metri quadrati, comprensiva della zona antistante Palazzo Carcano, dell'area della ex distilleria Angiolini, di un'area di proprietà privata, dell'ex Macello ed infine dell'area scoperta dismessa, attualmente utilizzata come parcheggio provvisorio.

Si tratta, dunque, di un grande progetto di riqualificazione e valorizzazione che prevede anche la demolizione di una struttura industriale dismessa e inquinante, situata proprio a ridosso di beni monumentali di grande rilevanza. Da un vecchio complesso industriale dismesso ad un polmone verde con vista mozzafiato. Il progetto, approvato con un atto di indirizzo dalla Giunta comunale, però, prevede molto di più che un'area verde. L'area dell'ex Macello, ad esempio, si trasformerà in un contenitore culturale polivalente con sala cinema e teatro. Non solo, sarà realizzata anche una piccola struttura ricettiva in stile Ostello. A ridosso di quest'area, inoltre, sarà costruito un parcheggio su due o tre livelli con barriera e cassa automatica.

Della distilleria Angelini rimarrà solo un lontano ricordo. Messa in piedi nel 1980, la distilleria ha avuto vita molto breve. Tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, furono accertati degli scarichi abusivi nella reta fognante del Comune, con immissioni che superavano i parametri di legge. Tutto questo determinò ben presto la chiusura dell'impianto e, poco dopo, fu avanzata la richiesta di demolizione.

Gli interventi di riqualificazione, in alcune aree, sono già iniziati. Sono in corso, infatti, i lavori di restauro e rifunzionalizzazione di Palazzo Carcano da parte dell'Agenzia del Demanio.

L'atto di indirizzo è stato approvato solo nei giorni scorsi ma i cittadini già non vedono l'ora di passeggiare nella seconda villa comunale sul mare.
  • Area ex macello
Altri contenuti a tema
Area "Ex Macello", domani la presentazione del progetto di rigenerazione urbana Area "Ex Macello", domani la presentazione del progetto di rigenerazione urbana Il piano punta alla riqualificazione della vecchia zona industriale alle spalle del Castello Svevo
Area ex macello, in arrivo 2 milioni di euro per qualificarla Area ex macello, in arrivo 2 milioni di euro per qualificarla Su una superficie di oltre 20mila quadrati nascerà una cittadella per giovani
5 Area ex macello, un finanziamento di 2 milioni per riqualificarla Area ex macello, un finanziamento di 2 milioni per riqualificarla Su una superficie di oltre 20mila quadrati nascerà una cittadella per giovani
Centro storico e quartiere Petronelli, riqualificazione per 2 milioni di euro Centro storico e quartiere Petronelli, riqualificazione per 2 milioni di euro Progetto candidato a un finanziamento pubblico per le aree urbane degradate
Ex macello comunale, i quattro destini dei ruderi Ex macello comunale, i quattro destini dei ruderi L'area al centro dei progetti più disparati, comprese le alienazioni
Una cittadella dei giovani nell'ex macello comunale Una cittadella dei giovani nell'ex macello comunale La proposta di Nicola Cuccovillo
Area ex macello, quale destino? Per ora solo rifiuti e degrado Area ex macello, quale destino? Per ora solo rifiuti e degrado Le aree sono ancora in fase di aggiudicazione e rimangono abbandonate
Zona Macello, ancora rifiuti e resti di carne abbandonati Zona Macello, ancora rifiuti e resti di carne abbandonati Il quartiere continua a soffrire la presenza dei randagi: ecco il motivo
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.