Parcheggio Palazzo Carcano
Parcheggio Palazzo Carcano
Vita di città

Gestione pubblica dei parcheggi a Trani: ecco le soluzioni avanzate dal sindacato degli ausiliari

Daniele Di Lernia: «Le risorse già ci sono e aspettano solo dei modesti interventi di riqualificazione»

Sono diverse le criticità ma anche le soluzioni esposte nel documento sulla gestione della sosta a pagamento redatto da Daniele Di Lernia, rappresentante del sindacato degli ausiliari del traffico e consegnato ai consiglieri nel corso dell'ultimo consiglio comunale.

«La finalità dell'elaborato – dichiara Di Lernia – è quella di riassumere tutte le criticità relative non solo al servizio di sosta a pagamento, ma di tutta la problematica relativa alla sosta in generale e al traffico veicolare nei periodi di maggior afflusso turistico. Inoltre, cerca di smontare la tesi per cui occorra edificare chissà quali autosilo da venti piani, poiché le risorse già ci sono e aspettano solo dei modesti interventi di riqualificazione (o di rifacimento per quello che riguarda piazza XX Settembre) avvalorando cosi la tesi del vantaggio della gestione pubblica rispetto a quella paventata nella gestione privata».

«Le principali criticità del servizio – si legge nel documento - sono certamente in primo luogo ascrivibili al metodo di pagamento della sosta che risulta ormai obsoleto e poco pratico. Infatti l'uso delle schede prepagate per il pagamento della sosta, che era stato pensato come soluzione temporanea, in attesa dell'installazione dei parcometri, è diventato il metodo di pagamento principale su cui si basa l'intero servizio e solo da poco tempo vi è la possibilità di pagare tramite applicazione su smartphone, soluzione però che si è rivelata adatta e limitata solo a coloro che sono esperti nell'uso dello stesso e dei pagamenti virtuali. Le principali problematiche connesse all'uso dei "grattini" risiedono nel fatto che siano legate agli esercizi commerciali che li vendono ovvero agli orari di apertura, alla chiusura nei giorni festivi e alla fornitura degli stessi».

Ed ancora: «Un'altra importante problematica è sicuramente legata alla presenza ormai costante e dilagante di numerosi parcheggiatori abusivi, presenti ormai in svariate zone (sopratutto nel parcheggio di P.zza Re Manfredi – parcheggio Tribunale) che spesso intimidiscono gli utenti che o si allontanano (facendo perdere risorse al servizio) o peggio sono costretti a pagare due volte ed in alcuni casi persuasi della menzogna del non controllo da parte degli Operatori si ritrovano una sanzione per mancata esposizione del tagliandi di sosta».

Altre criticità la mancanza di un mezzo di trasporto, in dotazione agli ausiliari della sosta, che permetta di raggiungere in poco tempo, zone lontane tra loro ed il costo degli abbonamenti che, rispetto alle altre realtà limitrofe, risulta essere troppo basso. Altri nei la mancanza di informazioni riguardanti il servizio di sosta a pagamento sul sito ufficiale della Società e la mancanza di sinergia diretta con il corpo di Polizia locale.

Ecco invece le soluzioni. La prima riguarda l'installazione dei parcometri «che in concerto con la disponibilità delle applicazioni per smartphone, risolverebbe tutti i problemi relativi alla difficoltà di reperimento, alla chiusura delle rivendite in determinati giorni ed a determinati orari e alla assenza delle stesse in particolari zone, oltre che a generare introiti enormemente maggiori (non meno del 15% in più). In attesa della predisposizione del bando di gara inoltre, potrebbe essere presa in considerazione l'ipotesi di noleggio dei parcometri, al fine di poter realmente comprendere il reale potenziale del servizio e successivamente quindi poter prendere legittimamente una decisione sul futuro del servizio».

Il problema dei parcheggiatori abusivi si potrebbe risolvere con «un controllo capillare delle forze dell'ordine» oltre che all'adozione di un daspo urbano». Occorre, inoltre, effettuare una «radicale rivisitazione delle tariffe degli abbonamenti, il cui costo risulta essere troppo basso. Il sito dell'Amet dovrebbe comprendere una sezione apposita per tale servizio con informazioni su orari, metodi di pagamento, rivendite di tagliandi, eventuali interdizioni del pagamento per manifestazioni, ordinanze del Sindaco o eventi particolari, informazioni sulle sanzioni e su come eventualmente pagarle. Occorrerebbe anch'un'ottimizzazione delle risorse umane aziendali riducendo l'intero personale a vertici aziendali, capo area ed operatori della mobilità e riformulare le percentuali di quote relative sopratutto all'Ufficio personale e paghe poiché troppo oneroso rispetto alla reale funzione svolta».

L'ultima parte dell'elaborato è dedicato a parcheggi per disabili: «La città deve essere pronta ad accoglierli e a far si che la fruizione dello spazio urbano sia quanto più possibile agevole e libera da barriere architettoniche». Altro punto la creazione di parcheggi per ciclomotori e biciclette imprescindibili in una città densamente popolata come quella di Trani.

Infine, ma non meno importante, attraverso «gli introiti derivanti dall'efficientamento del servizio
di sosta a pagamento, mediante installazione di parcometri e rivisitazione delle tariffe», sono state individuate delle aree di parcheggio decentrate ossia Capannoni Ruggia, via dei Finanzieri, via Falcone, mercato ortofrutticolo e parcheggio Piazza XX Settembre.
  • parcheggio
Altri contenuti a tema
La verità, vi prego, sui parcheggi (e sui parcometri) La verità, vi prego, sui parcheggi (e sui parcometri) Mazza e panella di Giovanni Ronco
4 Sosta a pagamento a Trani, De Laurentis: «No all'esternalizzazione del servizio» Sosta a pagamento a Trani, De Laurentis: «No all'esternalizzazione del servizio» E sul parcheggio della stazione: «Sarebbe dovuto già essere in attività»
1 Trani e la mancanza di parcheggi: residente del centro storico chiede aiuto al Comune Trani e la mancanza di parcheggi: residente del centro storico chiede aiuto al Comune Ecco la lettera aperta di denuncia di un neo papà
4 Questa settimana tutti bocciati, tranne Amoruso (PD) Questa settimana tutti bocciati, tranne Amoruso (PD) Tutti i voti della settimana del prof. Giovanni Ronco
Assalto di bus in piazza Plebiscito, ma senza posti Assalto di bus in piazza Plebiscito, ma senza posti Gli stalli riservati occupati dagli utenti che si recano all'Amet
Auto arriva in controsenso sul lungomare e parcheggia al centro della carreggiata Auto arriva in controsenso sul lungomare e parcheggia al centro della carreggiata Un'altra storia di ordinaria follia segnalata dai lettori
Parcheggio per bus turistici, ecco la nuova idea del Comune Parcheggio per bus turistici, ecco la nuova idea del Comune L'obiettivo? Attirare più turisti e rendere il centro a misura di pedoni
Trasporto pubblico cittadino, Cirillo: «Da Amet passi a Stp» Trasporto pubblico cittadino, Cirillo: «Da Amet passi a Stp» In consiglio comunale, l'esponente di Prima di Tutto Trani propone una soluzione anche per i bus turistici
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.