Discarica Trani
Discarica Trani
Cronaca

Impianto recupero rifiuti di Trani: la Eco Erre impugna la decisione del Tar Puglia/Bari

Il progetto consiste in un sistema integrato di trattamento per rifiuti speciali non pericolosi

La Eco Erre srl, con riferimento al suo impianto di recupero di rifiuti speciali con annessa discarica in contrada Puro Vecchio, nel territorio di Trani, lette le motivazioni poste a base della sentenza n. 471/2023 del 09/03/2023 del T.A.R. Puglia/Bari, non condividendole, ha conferito incarico al proprio legale, avv. Marco Palieri, di impugnare la decisione dinanzi al Consiglio di Stato nella parte riguardante l'esistenza dell'impianto e la relativa Valutazione d'Impatto Ambientale.
L'impianto della Eco Erre srl, infatti, quasi ultimato, va considerato a tutti gli effetti quale "impianto esistente", come già affermato dalle sentenze del Consiglio di Stato passate in giudicato e, con riferimento alla VIA, già numerosi giudizi hanno accertato la sua legittimità e la sua compatibilità ambientale.
Si coglie l'occasione per ricordare che l'impianto è stato progettato tenendo in considerazione i principi alla base dell'economia circolare dei rifiuti, ovvero il sistema che supera il percorso produzione-consumo-smaltimento e si ispira a modelli dove i rifiuti vengono introdotti nuovamente in circolo come Materia Prima Seconda.
Il progetto di impianto, infatti, consistente in un sistema integrato di trattamento per rifiuti speciali non pericolosi, è costituito, a monte, da un impianto di selezione e recu-pero di materiali suscettibili di riutilizzo e, a valle, da un'annessa discarica dove andrebbero conferiti solo i pochi rifiuti non riciclabili.
Sulla discarica, in particolare, va detto che, con Decreto n° 226 del "Commissario delegato per l'emergenza ambientale" del 22/11/2001, è stata approvata la "Variante migliorativa, del sistema di tenuta consistente nell'impiego di uno strato di argilla dello spessore di 2,0 mt con K<10-9 cm/sec e nell'utilizzo, a protezione della geomembrana in HDPE da 2,5 mm, sulle pareti, di un tessuto non tessuto (TNT) in aggiunta allo strato di inerti, in osservanza della direttiva n. 1999/31/CE del Consiglio del 26/04/99": variante, questa, finalizzata a rendere impermeabile il sottosuolo circostante da eventuali elementi inquinanti.
  • Rifiuti
Altri contenuti a tema
In via Torrente antico la discarica è ormai quotidiana: riversati quintali di guaine edili In via Torrente antico la discarica è ormai quotidiana: riversati quintali di guaine edili Per i residenti la situazione resta insostenibile. I rifiuti vengono spesso anche bruciati
16 Via Torrente antico: una storia sempre uguale di rifiuti e incendi Via Torrente antico: una storia sempre uguale di rifiuti e incendi I terreni nei quali vengono riversate montagne di spazzatura sono privati
1 Via De Brado o via Degrado? Una montagna di rifiuti, tra incivili e pulizia a intermittenza Via De Brado o via Degrado? Una montagna di rifiuti, tra incivili e pulizia a intermittenza Da due mesi la situazione è a dir poco insostenibile
Cta: «No all'aumento Tari 2024, se ne faccia carico la Regione» Cta: «No all'aumento Tari 2024, se ne faccia carico la Regione» L'associazione a tutela dei consumatori si appella al sindaco Bottaro e alla consigliera Ciliento
Incendi di carrellatti, l'ultimo episodio in via Imbriani: la denuncia di Legambiente Incendi di carrellatti, l'ultimo episodio in via Imbriani: la denuncia di Legambiente «Le buone pratiche dell’intera comunità non devono essere compromesse da individuali gesti di inciviltà»
L'8 dicembre il centro raccolta rifiuti di via Finanzieri aperto solo di mattina L'8 dicembre il centro raccolta rifiuti di via Finanzieri aperto solo di mattina Le attività riprenderanno regolarmente sabato
Mancato rispetto del ruolo dei consiglieri comunali, Michele Centrone (LPS) si sfoga sui social Mancato rispetto del ruolo dei consiglieri comunali, Michele Centrone (LPS) si sfoga sui social Raccolta rifiuti, igiene urbana e pista ciclabile in Via Falcone oggetto delle interrogazioni del consigliere, che ha segnalato la situazione a Prefetto e Ispettori Ministeriali MEF
Nuovo abbandono di rifiuti, ľaccumulo pare una cartolibreria stradale Nuovo abbandono di rifiuti, ľaccumulo pare una cartolibreria stradale Le segnalazioni arrivano da zona Pozzo Piano
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.