Ospedale, sanità
Ospedale, sanità
Sanità

In Puglia nascerà il primo centro di protonterapia nell'istituto "Giovanni Paolo II"

Emiliano: «Investimento fondamentale per la lotta ai tumori, possibile oggi grazie al risanamento conti»

"La Protonterapia è fondamentale nella lotta ai tumori, soprattutto quelli inarrivabili e quelli inoperabili, che possono però essere colpiti e stroncati nella loro fase iniziale, con un vantaggio enorme anche in termini di recupero da parte del paziente perché in questi casi l'intervento è molto meno invasivo. Se oggi possiamo realizzare il Centro regionale di Protonterapia e acquistare attrezzature che costano milioni di euro è grazie al risanamento dei conti della sanità pugliese che abbiamo realizzato in questi tre anni. I piani di riordino non fanno risparmiare soldi, ma mettono in condizione la sanità pugliese di spenderli dove servono". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano annunciando, nel corso della Conferenza stampa che si è svolta ieri mattina all'Istituto tumori "Giovanni Paolo II", la nascita del primo Centro regionale di Protonterapia, che avrà sede nell'Istituto Tumori "Giovanni Paolo II" di Bari.

Alla conferenza sono intervenuti anche Giovanni Gorgoni, direttore generale dell'Agenzia regionale strategica per la Salute ed il Sociale della Regione Puglia, e Antonio Delvino, direttore generale dell'Istituto tumori di Bari.

"Questa vicenda - ha aggiunto Emiliano - nasce dopo la telefonata di una signora di 85 anni che un anno fa, chiamando direttamente sul mio cellulare (il numero del presidente Emiliano è pubblico, ndr.), mi disse che gli uffici dell'Assessorato non le autorizzavano il viaggio a Pavia dove si trova attualmente una di queste apparecchiature per la Protonterapia. La ragione era terribile perché, nelle regole di utilizzazione di questo esame ad altissimo costo, c'era che l'esame poteva essere autorizzato solo a condizione che fosse in grado di salvare la vita del paziente. Laddove invece aveva la funzione esclusiva di contenere la malattia, la spesa non poteva essere assicurata. Ci fu una discussione tra me e il funzionario. E ho deciso di cambiare quelle regole. La signora alla fine è andata a fare la terapia e dopo un anno sta continuando le cure e la sua vita. Ovviamente non basta forzare la mano nel singolo caso, bisogna imparare dal singolo caso. E così si è aperta un'ipotesi che fino a qualche anno fa era impensabile, perché questa apparecchiatura aveva un costo elevatissimo: aprire qui in Puglia un centro di Protonterapia. Abbiamo deciso di aprire una gara per acquistarla e soprattutto per avere qui a disposizione il team che la deve gestire per istruire poi i nostri tecnici. Lo stiamo facendo".

La Regione Puglia infatti ha adottato il 20 marzo scorso, la Deliberazione della Giunta Regionale n. 428, dal titolo "DPCM 12/1/2017. Nuovi livelli di assistenza. Istituzione del Centro Regionale di Protonterapia. Affidamento all'IRCCS Giovanni Paolo II di Bari dello studio di fattibilità".

Tale scelta deriva da alcune importanti considerazioni: l'Irccs Oncologico di Bari rappresenta uno dei nodi cardine della rete oncologica pugliese, in quanto, ai sensi della DGR n. 221/2017, è la sede della Consulta Oncologica Regionale, per la quale assicura le funzioni di segreteria; inoltre, l'Irccs è stato individuato quale "Centro di Riferimento Oncologico Regionale" ed è sede della Unità di Coordinamento della Rete oncologica (UcooR), di cui è presidente il Direttore generale dell'Irccs Oncologico.

II bisogno in termini di radioterapia espresso dai pazienti residenti in Puglia si aggira intorno ai 2.300 ricoveri e alle 280.000 prestazioni l'anno. Una quota di soggetti residenti trova riscontro alla propria domanda fuori regione per una spesa in termini di mobilità passiva per radioterapia quantificabili intorno ai 6.000.000,00 di euro circa annui, comprendendo ricoveri e prestazioni specialistiche (dati ARESS, fonte documento R.O.P.). La letteratura scientifica sull'argomento ha acclarato che quota percentuale di tali pazienti di Radioterapia è eleggibile per un trattamento in Protonterapia.

In conseguenza di tali valutazioni, la stima del fabbisogno effettuato dall'A.Re.S.S. Puglia è tale da giustificare l'avvio di uno studio di fattibilità per la realizzazione di un centro di protonterapia nella Regione Puglia.

Ad illustrare il progetto di Protonterapia nel corso della conferenza stampa è stato Giancarlo Salomone, ingegnere e direttore dell'Area gestione tecnica e servizi informatici dell'istituto oncologico. "La protonterapia, o radioterapia con protoni, è un radioterapia di alta qualità, effettuata con protoni, invece che con raggi gamma, come avviene in quella tradizionale. A differenza dei raggi gamma (o raggi X o fotoni, come talora vengono impropriamente chiamati), che rilasciano la loro energia attraversando tutto il corpo umano e quindi non solo nella parte tumorale, i protoni, che sono particelle pesanti, cedono la maggior parte dell'energia al termine del loro percorso all'interno del corpo. Così, dosando la loro energia e quindi la profondità di penetrazione nel corpo, la maggior parte della dose è impartita al tumore, mentre nessuna dose è impartita agli organi ancora più profondi, e una minima dose è impartita agli organi più superficiali. Quindi è una radioterapia che risparmia molto di più, di quella convenzionale, gli organi sani, a parità di effetto sulla massa tumorale. Lo studio di fattibilità dell'Irccs Oncologico ipotizza la realizzazione di un centro all'interno del comprensorio sede dell'Istituto. L'ipotesi di planimetria del nuovo centro prevede la realizzazione di due sale per protonterapia, e tutti gli ambienti accessori per consentire lo studio clinico preliminare alla erogazione della prestazione. Il completamento della attuale fase di studio ha lo scopo di permettere agli uffici regionali di attivare le successive fasi di ricerca della copertura finanziaria, da ricercare nell'ambito delle risorse comunitarie e nazionali (POR Puglia 2014/2020 e/o FSC 2014/2020)".

Nel corso della conferenza stampa, inoltre, è stato sottoscritto il contratto individuale di lavoro per l'assunzione a tempo indeterminato di cinque lavoratori precari (precari da circa dieci anni), con decorrenza dal 1° novembre 2018. L'Istituto ha, infatti, tempestivamente ottemperato a quanto indicato dalla Regione sulle modalità di applicazione dell'art. 20, comma 1, D. lgs. 75/2017, procedendo alla stabilizzazione di un Dirigente medico, due Infermieri e due Tecnici di laboratorio. Ha inoltre avviato la più complessa procedura di stabilizzazione ai sensi del comma 2 del predetto Decreto legislativo per il triennio 2018-2020.

Infine, è stato inaugurato il nuovo ambulatorio di Radioterapia. All'Istituto oncologico è stata realizzata una nuova "sala di attesa" per l'ambulatorio di Radioterapia. È stata realizzata secondo i più recenti criteri di umanizzazione degli ospedali, utilizzando materiali vicini all'esperienza domestica del paziente, con utilizzazione anche di accorgimenti in materia di acustica. Sono state anche utilizzate immagini riprese dalla storia dell'arte italiana per caratterizzare gli ambienti.
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Buon Primo Maggio per stabilizzazione di circa 140 lavoratori della Sanitàservice Bat Buon Primo Maggio per stabilizzazione di circa 140 lavoratori della Sanitàservice Bat L'obbiettivo raggiunto grazie la sinergia tra Asl e Fp Cgil
La sanità a fianco dei poveri, a Trani nasce l'ambulatorio medico "Giuseppe Moscati" La sanità a fianco dei poveri, a Trani nasce l'ambulatorio medico "Giuseppe Moscati" Offrirà assistenza alle persone iscritte nei registri della Caritas diocesana
Un aiuto per le persone anziane e sole, ecco il Barattolo della Salute Un aiuto per le persone anziane e sole, ecco il Barattolo della Salute Il progetto realizzato da Croce Bianca e Lions
Ambulatorio medico "Giuseppe Moscati", venerdì la benedizione dei locali Ambulatorio medico "Giuseppe Moscati", venerdì la benedizione dei locali Prende forma il progetto sanitario voluto da Associazione Orizzonti, Parrocchia Spirito Santo e Caritas cittadina
Sanità, si riduce per la Puglia la mobilità passiva. Ricoveri diminuiti del 21% dal 2006 al 2017 Sanità, si riduce per la Puglia la mobilità passiva. Ricoveri diminuiti del 21% dal 2006 al 2017 Dati confortanti arrivano dal Ministero della Salute
Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: oggi convegno della Croce Bianca di Trani Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: oggi convegno della Croce Bianca di Trani L'iniziativa per informare sul nuovo assetto regionale in materia di cure
1 Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: convegno della Croce Bianca di Trani Diabete, novità per i portatori di sensori e microinfusori: convegno della Croce Bianca di Trani L'iniziativa per informare sul nuovo assetto regionale in materia di cure
2 Sanità, rivoluzione liste d'attesa: Santorsola boccia la manovra del M5S Sanità, rivoluzione liste d'attesa: Santorsola boccia la manovra del M5S «Trasformare i medici in capri espiatori di un sistema in crisi economica ed organizzativa non risolverà le cose»
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.