Vita di città

Laurora annuncia il comitato del "si" nella sesta provincia

I coordinatori della CdL: «La riforma costituzionale è equilibrata e ben congegnata»

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Su iniziativa del consigliere regionale di Forza Italia, Carlo Laurora, è stato costituito anche nella sesta provincia pugliese il "comitato del sì" in vista del referendum costituzionale. Alla costitutizione del comitato hanno partecipato anche i coordinatori provinciali di Alleanza nazionale, Giuseppe Tarantini, e dell'Udc, Nicola Giorgino.
"La riforma costituzionale approvata nella scorsa legislatura dalla Casa delle Libertà – hanno spiegato i tre coordinatori dei partiti della CdL - è equilibrata e ben congegnata in tutte le sue parti. Essa, infatti, introduce la figura del primo ministro a cui affida poteri effettivi, come la nomina e la revoca dei ministri, la possibilità di ottenere lo scioglimento delle Camere in caso di impossibilità di governare, impedisce i ribaltoni, rende più rapida e meno confusa l'approvazione delle leggi; riduce il numero dei parlamentari".
"A differenza di quanto dice la sinistra – ha poi aggiunto Laurora - la riforma della CdL non divide l'Italia, anzi la unifica dopo che il cambiamento del Titolo V, quello sul rapporto tra Stato e Regioni, voluto dal centro sinistra nel 2001 ha provocato molti danni. Nella nostra riforma le Regioni si occupano in maniera esclusiva di tre cose: organizzazione del servizio sanitario, organizzazione della scuola (ma non programmi di studio) e organizzazione della polizia locale (i vigili urbani). Delle altre cose si occupa lo Stato. Con la riforma della sinistra (attualmente in vigore), invece, c'è un'ampia area di competenze di cui sono titolari insieme Stato e Regioni, con il risultato di provocare la paralisi nelle decisioni. Il che è molto grave in alcuni settori come l'energia, i trasporti e le infrastrutture. Infine la nostra riforma prevede la clausola dell'interesse nazionale, che oggi non esiste. Dunque la nostra è una riforma federalista e unitaria, che favorisce il Sud, perché lo mette in condizione di non dover dipendere totalmente da Roma e di iniziare a organizzare le proprie strutture autonomamente, sulla base delle esigenze locali. E non riduce le risorse destinate ai servizi, perché il federalismo fiscale - da realizzare subito dopo - prevede fondi compensativi per le Regioni dove le entrate fiscali sono inferiori a causa di minore attività economica".
  • Provincia Bat
Altri contenuti a tema
Insieme per la Bat: «Sinistra autocelebrativa e bugiarda» Insieme per la Bat: «Sinistra autocelebrativa e bugiarda» Nota dei consiglieri provinciali del centrodestra
La Regione finanzia lavori per 74 scuole pugliesi ma nessuna nella Bat La Regione finanzia lavori per 74 scuole pugliesi ma nessuna nella Bat I consiglieri provinciali: «Nel 2018 forse qualcuno dormiva»
Infortuni sul lavoro, trenta i cantieri ispezionali nella provincia Bat Infortuni sul lavoro, trenta i cantieri ispezionali nella provincia Bat Il bilancio dei primi controlli della task force
Candidatura a capitale della cultura 2021, Lodispoto ringrazia Cannito e Bottaro Candidatura a capitale della cultura 2021, Lodispoto ringrazia Cannito e Bottaro «Dai sindaci della Provincia un messaggio di unità e visione d'insieme»
Impianto di biometano a Trani, Lodispoto: «Procedura nata con Nicola Giorgino» Impianto di biometano a Trani, Lodispoto: «Procedura nata con Nicola Giorgino» «Bisogna evitare di strumentalizzare la Provincia per finalità  legate alla campagna elettorale»
Presidenti delle Province pugliesi esclusi dal Comitato Permanente di Protezione Civile Presidenti delle Province pugliesi esclusi dal Comitato Permanente di Protezione Civile Ladispoto (Bt): «Profondamente rammaricato per la scelta del consigliere Mennea»
1 Provincia, la Questura a Trani? Corrado: «Si potrebbero sfruttare il plesso De Bello e i Capannoni Ruggia» Provincia, la Questura a Trani? Corrado: «Si potrebbero sfruttare il plesso De Bello e i Capannoni Ruggia» La proposta del consigliere regionale a fronte dei ritardi dei lavori nell'immobile di Andria
Zone Zes, firmato il Protocollo d’intesa in Provincia Zone Zes, firmato il Protocollo d’intesa in Provincia Al centro la proposta di un sistema territoriale integrato retroportuale
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.