Polizia
Polizia
Cronaca

Omicidio del 28enne Di Vito: Troia racconta di non averlo colpito, tuttavia resta in carcere

In queste ore la polizia sta cercando di recuperare l'arma: un cavatappi a spirale

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Sarebbe stato ucciso da un cavatappi a spirale e relativa lama il 28enne di origini tranesi Di Vito Giovanni, deceduto ad Andria giovedì sera al culmine di un violento litigio per una precedenza stradale con il 50enne andriese Celestino Troia. In queste ore la polizia sta cercando di recuperare la cosiddetta arma bianca nei terreni adiacenti un ristorante dove Troia ha dichiarato di averlo buttato dopo aver appreso la notizia della morte di Di Vito.

Troia resta in carcere per effetto della convalida del suo fermo e della contestuale emissione dell'ordinanza di custodia cautelare. Nel corso dell'interrogatorio di garanzia reso dinnanzi al gip del Tribunale di Trani, Ivan Barlafante, il 50enne falegname andriese, assistito dall'avvocato Vincenzo Scianandrone, ha raccontato la sua versione dei fatti, escludendo di aver inferto il fendente mortale al 28enne tranese. Ha infatti raccontato che mentre era in macchina è stato ripetutamente inseguito a piedi da Di Vito che lo avrebbe più volte raggiunto scalciando la sua Mercedes e battendo i pugni contro la carrozzeria.

Impaurito dell'aggressione, Troia prese dalla sua auto il cavatappi affilato temendo di essere colpito fisicamente. Cosa che, sempre secondo il suo racconto, avvenne non appena scese dall'auto a seguito delle ennesime invettive di Di Vito. Questi lo avrebbe picchiato ed avventandosi contro di lui si sarebbe ferito con l'apribottiglie che il 50enne aveva tra le mani. Per tanto, dal suo interrogatorio emergono una serie di elementi da riscontrare; tra questi sarà importante attendere l'esito dell'esame autoptico che sarà eseguito la prossima settimana dall'Istituto di medicina legale di Bari.
  • Polizia
Altri contenuti a tema
3 Bullismo a Trani, un problema ancora vivo: risponde il segretario generale provinciale Coisp Bullismo a Trani, un problema ancora vivo: risponde il segretario generale provinciale Coisp Uccio Persia: «Il luogo principale per denunciare gli abusi sono gli uffici di Polizia»
1 Salva la vita a due anziani, premiato l'agente di Polizia Stefano Fabriani Salva la vita a due anziani, premiato l'agente di Polizia Stefano Fabriani Al 26enne tranese una targa di riconoscimento consegnata dal Comune
Trovato in possesso di due martelletti frangivetro, denunciato un 17enne tranese Trovato in possesso di due martelletti frangivetro, denunciato un 17enne tranese Nello zaino rinvenuta anche sostanza stupefacente per uso personale
Estorsione e detenzione di sostanze stupefacenti, nove arresti ad Andria Estorsione e detenzione di sostanze stupefacenti, nove arresti ad Andria L'operazione "Caveau" della Polizia di Stato. Contestati reati anche a Trani
Via Umberto, litigio tra due residenti degenera in una rissa Via Umberto, litigio tra due residenti degenera in una rissa Sul posto 118, Polizia di Stato e Carabinieri
Trani, in possesso di cocaina e marijuana: arrestato un 52enne Trani, in possesso di cocaina e marijuana: arrestato un 52enne In azione gli agenti della Polizia giudiziaria e le unità cinofile
3 Daspo urbano: «Un provvedimento di propaganda che sposta il problema in periferia» Daspo urbano: «Un provvedimento di propaganda che sposta il problema in periferia» Anpi, Cgil, Legambiente, Comitato Bene Comune, Libera Trani: «I decreti sicurezza vanno aboliti e non applicati»
2 Rino Povia: il dovere taciturno di un uomo perbene Rino Povia: il dovere taciturno di un uomo perbene Un uomo buono intento a compiere il suo dovere per il bene della comunità
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.