Onda d'urto
Onda d'urto
Sanità

Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta

E' la decisione presa dal consiglio del sodalizio andriese e comunicato dalla Presidente Dott.ssa Angela Somma

"L'indagine epidemiologica dei tumori maligni sui giovani sarà estesa anche ai comuni limitrofi come Trani e Barletta". E' la decisione presa dal consiglio del sodalizio andriese e comunicato dalla Presidente Dott.ssa Angela Somma.

"Il progetto fondativo di "Onda d'Urto" onlus ha previsto la necessità di una indagine epidemiologica circa i fattori di rischio dei tumori maligni dei giovani e di affidare il coordinamento del tavolo scientifico al Dottor Tommaso Di Renzo.

Dopo una analisi della fattibilità si è deciso di circoscrivere la ricerca ai soggetti di età da 0 a 16 anni. Il criterio fondante è quello di confrontare le anamnesi dei ammalati della stessa patologia per rilevare eventuali cause comuni nel determinare il cancro.

Per poter condurre tale studio è stato necessario redigere una scheda anamnestica riassuntiva e affidare a quattro giovani medici, che hanno usufruito di una borsa di studio messa a disposizione dalla stessa associazione, il compito di individuare e raccogliere ogni elemento utile alla ricerca.

E' seguita la fase di informazione di tutti i pediatri della città, previo accordo e beneplacito della Direzione generale della ASL, dell'ufficio di Statistica e di epidemiologia territoriale e del Dipartimento di Prevenzione e Igiene pubblica nelle figure dei rispettivi responsabili e dirigenti.

Quindi, grazie ai contatti con gli stessi pediatri i medici di Onda D'urto hanno incontrato le famiglie di bambini con neoplasie maligne al fine di somministrare la scheda anamnestica riassuntiva.

Nel mentre si procedeva a questo meticoloso lavoro è insorta la pandemia da coronavirus e l'indagine si è fermata.

Dopo due anni di pausa forzata si è proceduto alla sintesi dei dati e alla loro analisi.

Il risultato ha portato ad una suggestione analitica e che cioè il periodo più delicato sia quello della gravidanza della mamma dei bambini a cui è stata successivamente diagnosticata una malattia neoplastica maligna.

In altri termini le cattive abitudini voluttuarie come il tabagismo, gli inquinanti da gas di scarico dei veicoli circolanti, il cibo proveniente da territori contaminati ad esempio per le falde acquifere avvelenate o esposti per strada e poi venduti ad ignari consumatori, l'elettrosmog e altri fattori di rischio probabilmente, secondo recenti studi di ricercatori come il Dottor Di Ciaula, presidente dell'ISDE (Medici per l'ambiente), potrebbero agire sui geni delle mamme durante la gravidanza.
Dati i bassi numeri di ammalati selezionati e le difficoltà nella raccolta dei dati, il comitato tecnico-scientifico di Onda D'urto ritiene che sia auspicabile coinvolgere la popolazione pediatrica delle città limitrofe ad Andria, come Trani e Barletta, e riproporre l'indagine effettuata focalizzando l'attenzione al periodo della gravidanza
  • Sanità
Altri contenuti a tema
L'Asl Bt ha ottenuto la certificazione del bilancio di esercizio L'Asl Bt ha ottenuto la certificazione del bilancio di esercizio L'azienda è fra le prime in Italia a raggiungere l'obiettivo
Cambio di vertice nella Sanitaservice dell'Asl Bat, lascia l'Amministratore Lorenzo Martello Cambio di vertice nella Sanitaservice dell'Asl Bat, lascia l'Amministratore Lorenzo Martello Entro il 13 agosto la nuova nomina
Pronti soccorso nel caos, il sindacato dei medici valuta l'invio di allerte alle Procure Pronti soccorso nel caos, il sindacato dei medici valuta l'invio di allerte alle Procure L’emergenza sanitaria impone la massima attenzione. Intervista al Vice segretario Organizzativo Nazionale Cimo, dottor Luciano Suriano
4 Al danno la beffa: il prezzo da pagare inutilmente nell'attesa di controlli sanitari Al danno la beffa: il prezzo da pagare inutilmente nell'attesa di controlli sanitari La denuncia di un episodio ripetutosi nell'ex ospedale di Trani
Accertato in Puglia il primo caso di vaiolo delle scimmie: è un uomo di 36 anni Accertato in Puglia il primo caso di vaiolo delle scimmie: è un uomo di 36 anni La conferma nella serata di ieri dal policlinico di Bari
Trani, carenza di medici convenzionati del 118 per la Postazione Fissa Trani, carenza di medici convenzionati del 118 per la Postazione Fissa A rischio chiusura per mancato riconoscimento della dotazione organica
1 XIV Congresso nazionale di Radiodiagnostica a Trani dal 25 al 28 maggio XIV Congresso nazionale di Radiodiagnostica a Trani dal 25 al 28 maggio "Progressi in..." il titolo dell'incontro scientifico curato dal dott. Tommaso Scarabino
1 Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Lo studio è stato pubblicato su "Nature" da accademici internazionali
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.