Vita di città

Patto territoriale a Bruxelles: primo bilancio dopo 6 mesi di attività

Una serie di collegamenti attivati con le varie istituzioni europee

Il Patto Territoriale Nord Barese/Ofantino dopo sei mesi di presenza a Bruxelles fa un primo bilancio sulla propria rappresentanza nella capitale europea. Una serie di collegamenti diretti attivati con le varie istituzioni europee, l'accreditamento presso il Parlamento europeo l'avvio, tra pochi giorni, di uno stage per sei giovani neolaureati residenti nel territorio del nord barese e ultimo, in senso cronologico, la nomina del responsabile della sede di Bruxelles, Oronzo Cilli, ad esperto incaricato di assistere la sezione specializzata "Unione economica e monetaria, coesione economica e sociale" nell'elaborazione del parere d'iniziativa del Comitato economico e sociale europeo sul tema "Il ruolo delle organizzazioni della società civile e la politica di coesione".

Il gruppo di studio si é riunito per la prima discussione giovedì 6 ottobre per discutere il documento approntato dalla relatrice Marzena Menda-Drozd (Polonia). "Durante l'incontro" sottolinea Oronzo Cilli "abbiamo chiesto che nelle conclusione del rapporto, che verrà inviato alla Comissione, vi sia esplicito riferimento al ruolo dei patti territoriali per l'occupazione e lo sviluppo quale reale strumento di partecipazione della società civile. Sono soddisfatto che il mio intervento sui Patti é stato da tutti apprezzato e che dal presidente del gruppo, il tedesco Goke Frerichs, siano giunti apprezzamenti e richieste di maggiori informazioni sull'esperienza italiana. Inutile sottolienare" conclude Cilli "che se i risultati fin qui conseguiti sono stati ottimi, il merito va al lavoro svolto non solo dall'ufficio di Bruxelles e, soprattutto, dalla sede presente sul territorio." All'incontro ha partecipato anche Emmanuele Daluiso, direttore generale del Patto e Coordinatore per l'Italia dell'Associazione europea Euroidees, che sottolinea come "la presenza diretta a Bruxelles è oggi fondamentale per seguire in tempo reale le decisioni assunte relative alle politiche europee che avranno effetti sullo sviluppo dei territori e della cooperazione territoriale europea. La partecipazione attiva all'evoluzione del dibattito in corso sulle politiche future e l'esperienza dimostrata dai risultati ottenuti dai territori già presenti a Bruxelles – con la capacità di saper cogliere il senso e le opportunità delle politiche europee – non può che confermare la giusta strada da noi intrapresa."

Per il presidente del Patto, Michele Della Croce, "è significativo la valutazione positiva che i vari rappresentanti delle istituzioni comunitarie sin qui incontrati hanno espresso sulla presenza del Patto a Bruxelles, e il risultato ottenuto da Cilli e Daluiso, nella riunione sul rilancio del ruolo della società civile, ne è la conferma. Questi risultati ci spronano a persuiguire la strada intrapresa convinti che le giuste ricadute positive per lo sviluppo del nostro territorio, con la presenza del Patto a Bruxelles, certamente non mancheranno".
  • Patto Territoriale NBO
Altri contenuti a tema
Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Il sindacato a Giorgino: «Quale il futuro dell'agenzia?»
I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta Trani ha deliberato l'uscita. Mennea (Pd): «Decisione sbagliata»
Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Il Comune dispone il pagamento della quota associativa 2016
Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Il partito contesta le motivazioni dell'uscita di Trani dal consorzio
Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Il sindaco Bottaro: «È una scelta politica di tutta la città»
Patto territoriale, il nuovo presidente è Paolo Marrano Patto territoriale, il nuovo presidente è Paolo Marrano Il sindaco di Margherita alla guida, quello di Trani nel cda
Patto territoriale, la quota 2015 costa a Trani più di 90mila euro Patto territoriale, la quota 2015 costa a Trani più di 90mila euro Liquidata la somma dovuta dal Comune in qualità di socio
Giro di vite sulle partecipate, il Comune le dimezza Giro di vite sulle partecipate, il Comune le dimezza Sei mesi per riorganizzare Amet, un anno per stabilizzare l'Amiu. In forse il Gal
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.