Cinema e scienza
Cinema e scienza
Speciale

Paura di crescere e incapacità di amare: la sindrome di Peter Pan

Un nuovo appuntamento della rubrica Cinema e Scienza

Oggi parleremo della Sindrome di Peter Pan, una sindrome che descrive l'atteggiamento di un adulto che vive un'eterna fanciullezza. Il nome deriva proprio dal cartone animato "Peter Pan", come ben ricorderete infatti, Peter Pan era un bambino che non voleva crescere, viveva nell'isola che non c'è, ovvero un luogo senza spazio né tempo. I soggetti affetti da questa sindrome si rifiutano di crescere, di assumersi responsabilità, di fare delle scelte: spesso quando colpisce gli uomini si parla di uomini bambini che hanno paura di crescere e spesso caratterizzati dall'incapacità di amare. Una persona immatura in fuga dalla realtà o da se stesso che mantiene anche in età adulta tratti infantili.

L'eterno Peter Pan è un adulto che si comporta come un bambino, che vive in un eterno presente, senza regole, quasi sempre perché le regole non gli sono mai state imposte o insegnate. Un po' a causa della famiglia, un po' a causa della società che ha spalancato i confini delle scelte di tutti noi, senza darci una bussola per orientarci né la possibilità effettiva di compiere quelle scelte. Questa paura di crescere si spiega con l'affievolirsi della funzione normativa esercitata dai genitori, che ha a che fare con molti fattori, non ultimo, il cambio dei ruoli tra madre e padre. Ricordiamoci che è l'incontro con le regole che ci fa crescere, ci fa maturare. Certo, non è piacevole, ci fa sentire il peso dei nostri limiti, ma non può essere altrimenti.

Se non abbiamo limiti come possiamo pensare di superare i nostri limiti? Quello che viene definito complesso di Peter Pan è proprio la difficoltà di alcuni individui, cresciuti sotto una campana di vetro, mai messi di fronte ai problemi, al dolore, di assumersi responsabilità, di rischiare, di programmare o anche di fare delle scelte, perché ciascuna scelta implica una rinuncia e loro non ne sarebbero capaci. Solo chi impara ad accettare il dolore e le difficoltà come parte necessaria del proprio percorso di crescita individuale progressivamente perde i tratti infantili. Svicolare da questo percorso non è possibile: dobbiamo ascoltare le nostre emozioni, saperle gestire, saper rimanere con esse.

Se le sopprimiamo, le emozioni trovano altri canali per esprimersi, ed ecco che possono comparire ansia e depressione, frequenti nelle persone che sfuggono a se stesse. Ricordate la fine della storia di Peter Pan? Wendy e i fratellini tornano a casa perché sentono la mancanza dei genitori, ovvero perché vogliono crescere, invece Peter Pan rimane sull'isola che non c'è, un luogo che non esiste, perché non è possibile sfuggire a se stessi.

A cura di Teresa Moccia
  • Cultura
  • cinema e scienza
Altri contenuti a tema
Programmazione culturale 2021-2023: presto pronto un elenco di operatori economici senza scopo di lucro Programmazione culturale 2021-2023: presto pronto un elenco di operatori economici senza scopo di lucro Un avviso pubblico per la raccolta di manifestazioni di interesse
A Trani in visita l'ambasciatore d'Israele Dror Eydar A Trani in visita l'ambasciatore d'Israele Dror Eydar Accolto nel centro storico dal sindaco Bottaro e dal Prefetto Valiante
Università Lum di Trani prossima alla chiusura? A lanciare l’indiscrezione il consigliere Di Leo Università Lum di Trani prossima alla chiusura? A lanciare l’indiscrezione il consigliere Di Leo Che aggiunge: «Ove tale notizia avesse fondamento sarebbe un'ulteriore perdita per la nostra città»
La presenza del Comitato “Dante Alighieri” a Trani tra fine Ottocento e primi anni del Novecento La presenza del Comitato “Dante Alighieri” a Trani tra fine Ottocento e primi anni del Novecento Oggi pomeriggio l'incontro su YouTube alle ore 17
Carolina Morace a Trani con il suo “Fuori dagli schemi” Carolina Morace a Trani con il suo “Fuori dagli schemi” L'icona del calcio femminile in Piazza Duomo il 18 giugno
Una mela al giorno toglie il medico di torno: da dove proviene il celebre detto? Una mela al giorno toglie il medico di torno: da dove proviene il celebre detto? Ce lo spiega il biologo Giuseppe Labianca
Super size me, il documentario che mostra il male del cibo spazzatura Super size me, il documentario che mostra il male del cibo spazzatura Una nuova pagina della rubrica "Cinema e Scienza" del dottor Labianca
Moro vive, anche gli studenti del liceo De Sanctis di Trani all'incontro promosso dalla Regione Puglia Moro vive, anche gli studenti del liceo De Sanctis di Trani all'incontro promosso dalla Regione Puglia L'appuntamento venerdì mattina in streaming
© 2001-2021 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.