Vita di città

Piano strategico per il nord barese

La proposta del patto territoriale presentata domani

Il 2005 rappresenta un anno importante per le politiche europee, perché sono in fase di ridefinizione gli obiettivi delle politiche per il rilancio competitivo dell'economia europea e lo sviluppo sostenibile (la strategia di Lisbona per la competitività e la strategia di Goteborg sullo sviluppo sostenibile) e sono in via di definizione le prospettive finanziarie dell'Unione Europea per il periodo 2007-2013. Tali politiche e prospettive determineranno anche il contestuale coinvolgimento delle autorità nazionali, regionali e locali, che ormai sono chiamate a partecipare attivamente ai processi dello sviluppo economico, sociale ed ambientale dell'Unione europea, sia nella fase di elaborazione che in quella della attuazione.

In questo ambito si inserisce la "Proposta di Piano Strategico nord barese ofantino/Provincia Barletta-Andria-Trani", che verrà presentata venerdì 27 maggio alle ore 17 presso la sala convegni del "Brigantino 2" – litoranea di Barletta: il lavoro partecipa all'avviso pubblico regionale di procedura negoziale per la presentazione di proposte per la realizzazione di "Piani strategici per le città e le aree metropolitane" (pubblicato sul Burp n.51 del 7 aprile 2005). Per la progettazione di questo lavoro i sindaci dei comuni del teritorio nord barese ofantino e della provincia di Barletta-Andria-Trani, che hanno firmato un protocollo d'intesa per la partecipazione all'avviso pubblico regionale, hanno incaricato l'Agenzia del Patto Territoriale per l'Occupazione nord barese ofantino e le collegate Agenzie settoriali.

La proposta di Piano strategico candidata al bando regionale prevede una nuova visione dello sviluppo, finalizzata a contrastare l'andamento declinante in atto, attraverso un più elevato capitale umano e sociale. E punta a realizzare entro il 2020 sei città: la città dell'alimentazione, la città dell'arte, la città del mare, la città della moda, la città dello spettacolo, la città rurale. Si tratta, naturalmente di città intese come contenuto di nuove relazioni sociali, ambientali, istituzionali ed economiche, in gradi di proiettare il territorio nord barese ofantino nel futuro dell'economia globalizzata; sei città che rafforzano l'identità territoriale degli unidici comuni del piano strategico, proiettandola nel futuro. Sei città che consentono di reinterpretare la storia del territorio alla luce delle nuove sfide della globalizzazione, per il loro valore evocativo, per la loro capacità di essere il nuovo magnete del territorio, di attribuire al territorio un potere di attrazione. E' chiaro che la proposta di Piano strategico è questo e molto altro.

Al fine di condividere il percorso metodologico ed i contenuti della proposta da candidare alla Regione Puglia entro il prossimo 31 maggio, è stato organizzato dall'Agenzia del Patto Territoriale l'incontro di venerdì 27, al quale è auspicata una intensa partecipazione.
  • Patto Territoriale NBO
Altri contenuti a tema
Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Patto Nord Barese-Ofantino, la Cgil scrive al presidente della Bat Il sindacato a Giorgino: «Quale il futuro dell'agenzia?»
I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta I Comuni lasciano il Patto territoriale: parte la protesta Trani ha deliberato l'uscita. Mennea (Pd): «Decisione sbagliata»
Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Patto territoriale, una partecipazione che costa più di 90mila euro Il Comune dispone il pagamento della quota associativa 2016
Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Patto territoriale, FdI: «Scelta affrettata, amministrazione superficiale» Il partito contesta le motivazioni dell'uscita di Trani dal consorzio
Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Patto del Nord Barese, il Comune di Trani favorevole all'uscita Il sindaco Bottaro: «È una scelta politica di tutta la città»
Patto territoriale, il nuovo presidente è Paolo Marrano Patto territoriale, il nuovo presidente è Paolo Marrano Il sindaco di Margherita alla guida, quello di Trani nel cda
Patto territoriale, la quota 2015 costa a Trani più di 90mila euro Patto territoriale, la quota 2015 costa a Trani più di 90mila euro Liquidata la somma dovuta dal Comune in qualità di socio
Giro di vite sulle partecipate, il Comune le dimezza Giro di vite sulle partecipate, il Comune le dimezza Sei mesi per riorganizzare Amet, un anno per stabilizzare l'Amiu. In forse il Gal
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.