Luciano Suriano
Luciano Suriano
Sanità

Pronti soccorso nel caos, il sindacato dei medici valuta l'invio di allerte alle Procure

L’emergenza sanitaria impone la massima attenzione. Intervista al Vice segretario Organizzativo Nazionale Cimo, dottor Luciano Suriano

Dopo le diffide fatte dalla CIMO regionale, la massima rappresentanza sindacale dei medici ospedalieri, a tutti i Direttori generali delle Asl, Policlinici e IRCCS pugliesi, adesso si sta pensando di allertare le Procure della Repubblica di tutte le province. La situazione sanitaria della Puglia, rappresenta la quintessenza di quello che sta accadendo a livello nazionale, particolarmente delicata e da tenere sotto controllo. Ma non è con i pannicelli caldi, né tanto meno con provvedimenti illogici e fuorvianti che si può oggi tenere testa all'impennata della diffusione del covid, a fronte di personale sanitario prostrato per una difficile situazione che non accenna a ridimensionarsi.

La recente disposizione dell'assessore Palese e il caos assoluto dell'assistenza ospedaliera che si verrebbe a creare con gli ordini di servizio per i medici dei reparti a svolgere turni nei pronto soccorso sta gettando benzina sul fuoco ad una condizione della sanità pugliese a dir poco critica. Se i pronto soccorso sono prossimi all'implosione, i reparti ospedalieri non godono di ottima salute. Ne abbiamo parlato con il dott. Luciano Suriano, Vice Segretario organizzativo Nazionale CIMO.

"La crisi profonda dei Pronto Soccorso pugliesi, annosa e ormai datata, e la carenza di personale medico dei reparti e servizi ospedalieri, aggravata dalla difficoltà legata al periodo di ferie estive e dalla ripresa del covid-19 con gli inevitabili ricoveri ospedalieri, hanno peggiorato una situazione già di per sé fortemente compromessa con un aumento dello stress psico-fisico per i numerosi turni notturni e festivi. Oggi, con il provvedimento dell'Assessorato alla Salute, che d'imperio vuole che tutti i medici dipendenti degli ospedali di qualsiasi disciplina precettati debbano ruotare nei Pronto soccorsi per coprire carenze di organico strutturale, rischiamo di mandare nel caos più assoluto tutta la sanità pugliese. La risposta della nostra Regione alla problematica dei Pronto Soccorso sembra essere dettata dalla disperazione, con soluzioni arrangiate e illegali, non rispondenti alle regole di una sanità di qualità e non rischiosa per i cittadini utenti con ricadute quindi certamente peggiori dei problemi che vorrebbero risolvere".

Ma cosa implica questa disposizione dell'Assessore Palese?
"Far turnare un oculista o un pediatra o un medico di direzione sanitaria in sala rossa o gialla di Pronto Soccorso per intervenire su un ammalato complesso in grave emergenza non mi sembra adeguato a garantire gli standard di sicurezza per il paziente e ingiusto per gli stessi medici, scoperti per gli eventuali danni dalla propria copertura assicurativa.
Sottrarre medici ai reparti e servizi con organico ridottissimo da anni, nel periodo estivo che prevede contrattualmente il godimento obbligatorio dei 15 giorni delle ferie, con tutte le attività che si dovranno continuare a svolgere nel migliore dei modi, non ci sembra la soluzione. Si ricorda che tra il 2010 e il 2019 sono stati chiusi 173 ospedali e 837 strutture di assistenza specialistica ambulatoriale ed il personale sanitario è diminuito in Italia di 42 mila unità.
Le condizioni di lavoro insostenibili negli ospedali portano sempre più medici, di ogni specialità, a gettare la spugna. La situazione è grave e preoccupante. Il grido d'allarme di medici con anni di esperienza, costretti a lavorare in condizioni insostenibili, rimane inascoltato".

Cosa pensano oggi i medici che lavorano negli ospedali?
"Ci troviamo davanti ai dati certi di un sondaggio proposto dalla CIMO, in cui è emerso che il 72% dei medici dipendenti del SSN è pronto a lasciare la sanità pubblica, e appena ne ha occasione si dimette o anticipa la pensione. Non stupiamoci, allora, quando sarà ancora più chiaro che il futuro che ci attende sarà senza medici".
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Cambio di vertice nella Sanitaservice dell'Asl Bat, lascia l'Amministratore Lorenzo Martello Cambio di vertice nella Sanitaservice dell'Asl Bat, lascia l'Amministratore Lorenzo Martello Entro il 13 agosto la nuova nomina
4 Al danno la beffa: il prezzo da pagare inutilmente nell'attesa di controlli sanitari Al danno la beffa: il prezzo da pagare inutilmente nell'attesa di controlli sanitari La denuncia di un episodio ripetutosi nell'ex ospedale di Trani
Accertato in Puglia il primo caso di vaiolo delle scimmie: è un uomo di 36 anni Accertato in Puglia il primo caso di vaiolo delle scimmie: è un uomo di 36 anni La conferma nella serata di ieri dal policlinico di Bari
Trani, carenza di medici convenzionati del 118 per la Postazione Fissa Trani, carenza di medici convenzionati del 118 per la Postazione Fissa A rischio chiusura per mancato riconoscimento della dotazione organica
1 XIV Congresso nazionale di Radiodiagnostica a Trani dal 25 al 28 maggio XIV Congresso nazionale di Radiodiagnostica a Trani dal 25 al 28 maggio "Progressi in..." il titolo dell'incontro scientifico curato dal dott. Tommaso Scarabino
1 Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Rischio genetico della schizofrenia: il tranese Alessandro Bertolino nel gruppo di studiosi dell'Università di Bari Lo studio è stato pubblicato su "Nature" da accademici internazionali
Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta Onda d'urto onlus, indagine epidemiologica tumori maligni sui giovani sarà estesa anche su Trani e Barletta E' la decisione presa dal consiglio del sodalizio andriese e comunicato dalla Presidente Dott.ssa Angela Somma
Sospensione del serv­izio Usca, Pierluigi Lopalco: «Sce­lta incomprensibile» Sospensione del serv­izio Usca, Pierluigi Lopalco: «Sce­lta incomprensibile» Il consigliere regionale deposita un'interrogazione in Regione per chiedere la proroga del serv­izio
© 2001-2022 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.