Giuseppe Affatato
Giuseppe Affatato
Cronaca

Prosciolti Affatato e Di Leo, nessuna violazione nel "caso Lum"

La sentenza emessa questa mattina dal gip di Trani, Francesco Messina

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
L'ex dirigente dell'Ufficio Tecnico Comunale di Trani, l'ingegner Giuseppe Affatato, ed il costruttore di origini andriesi Riccardo Di Leo, in qualità di amministratore della Srl Constructa, sono stati prosciolti dall'accusa di concorso in abuso d'ufficio e violazione del Testo Unico in materia di edilizia per il cambio di destinazione d'uso dell'immobile di Via Andria dove ha sede l'Università Lum.

La sentenza di non luogo a procedere è stata pronunciata stamattina dal giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Trani Francesco Messina. Inizialmente la Procura della Repubblica aveva chiesto il rinvio a giudizio di entrambi gli imputati, salvo poi tornare sui suoi passi e chiedere il proscioglimento; così come avevano chiesto al gup i difensori Domenico Di Terlizzi e Francesco Di Marzio.

La Srl Constructa è proprietaria della vasta area che frutta 360mila euro annui per la locazione all'Università fondata da Giuseppe Degennaro, mai coinvolta nell'inchiesta. L'immobile era catalogato come impianto produttivo e polifunzionale e commerciale. Successivamente l'imprenditore Di Leo chiese all'Ufficio Tecnico del Comune il cambio di destinazione d'uso per adibirlo a sede universitaria e dunque "ospitare" la Lum.

Ma secondo quanto inizialmente prospettò la Procura tranese la pratica di Affatato sarebbe stata connotata da illeciti, con l'ex numero uno dell'Utc che sarebbe stato istigato da Di Leo. A seguito del cambio della destinazione d'uso sarebbe stata "eseguita una lottizzazione abusiva della relativa particella a scopo edilizio in quanto le opere realizzate comportavano la trasformazione urbanistica ed edilizia del lotto, in violazione del Pug di Trani adottato dal consiglio comunale il 31 marzo 2009". S'ipotizzò che il vincolo sarebbe stato violato da Affatato e dalla vicenda la Srl Constructa avrebbe conseguito "un ingiusto vantaggio patrimoniale". Ma ora le accuse sono cadute. Tra 90 giorni il deposito delle motivazioni del proscioglimento.
  • Tribunale di Trani
  • Giuseppe Affatato
  • Università LUM
Altri contenuti a tema
Sentenza del tribunale di Lecce, Bertolino: «Non un “sistema” diffuso a Trani» Sentenza del tribunale di Lecce, Bertolino: «Non un “sistema” diffuso a Trani» Le reazioni del presidente dell’Ordine degli Avvocati di Trani
2 Inchiesta su ex magistrati, Savasta condannato a 10 anni di reclusione Inchiesta su ex magistrati, Savasta condannato a 10 anni di reclusione Condanne anche per il sostituto procuratore Scimé, l'immobiliarista D'Agostino, gli avvocati Sfrecola e Ragno
Tribunale di Trani, via libera all’accesso alle cancellerie Tribunale di Trani, via libera all’accesso alle cancellerie Riaperte all’utenza dal lunedì al venerdì
Tribunale di Trani, tornano le udienze dopo l'emergenza Coronavirus Tribunale di Trani, tornano le udienze dopo l'emergenza Coronavirus I magistrati fisseranno le nuove date dei processi
Inchiesta Le Lampare, sale a nove il numero degli indagati coinvolti Inchiesta Le Lampare, sale a nove il numero degli indagati coinvolti Il legale rappresentante della società accusato di concorso in abuso d’ufficio
Minacce a testimoni, avviso di fine indagine all'ex pm di Trani Michele Ruggiero Minacce a testimoni, avviso di fine indagine all'ex pm di Trani Michele Ruggiero Con lui indagato anche un poliziotto della Digos di Bari
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
1 Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere: andranno ai domiciliari Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere: andranno ai domiciliari Accolte le istanze dei legali del magistrato e del poliziotto coinvolti nello scandalo sulla giustizia svenduta
© 2001-2020 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.