Amet
Amet
Vita di città

Questione Amet, le precisazioni di Nigretti sul passaggio a mercato libero

Iren la nuova società aggiudicatrice per il territorio di Trani

Occorre chiarire la questione della imminente scadenza dell'elettricità a Trani. L'Amet, dal 1.7.2024, cesserà la vendita dell'energia elettrica a tutti i propri clienti domestici vulnerabili e non.

I cosiddetti clienti vulnerabili, cioè quelli che si trovano in condizioni economicamente svantaggiate (ad esempio percettori di bonus), che versano in gravi condizioni di salute tali da richiedere l'utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche alimentate dall'energia elettrica (oppure presso i quali sono presenti persone in tali condizioni), che sono soggetti con disabilità ai sensi dell'articolo 3 legge 104/92, che hanno un'età superiore ai 75 anni, oggi hanno l'utenza con Amet s.p.a. o meglio con il marchio Servizio Elettrico Trani, e proseguiranno, in continuità, con la nuova società che Amet in questi giorni ne stipulerà il passaggio.

Questa nuova società manterrà ai clienti che vorranno rimanere (senza alcuna specifica richiesta) e non decidano di passare al mercato libero, la stessa tariffa agevolata del mercato tutelato ad oggi erogata.

Mentre per chi ritiene di rientrare nei requisiti di cliente vulnerabile dovrà avanzare domanda di riconoscimento direttamente ad Amet spa con apposita autodichiarazione presente sul sito di Amet s.p.a. la quale, dopo verifica dei requisiti, potrà accedere al mercato tutelato.

Quindi gli attuali clienti vulnerabili, dal 1.7.2024, avranno sempre la possibilità di effettuare il pagamento diretto, oltre che tramite bollettini postali ed altre modalità di pagamento elettronico, presso gli sportelli di Amet presenti sul Lungomare Chiarelli ma con la nuova società.

I cosiddetti clienti non tutelabili, invece, a partire dal 1.7.2024, avranno, così come accaduto per i clienti Amet non domestici passati ad Acea, l'automatico passaggio al Servizio Tutelato Graduale la nuova società aggiudicatrice del territorio di Trani e cioè con la IREN s.p.a..

Tale servizio tutelato Graduale, che è un servizio predisposto da ARERA per accompagnare gli utenti nel passaggio al mercato libero dell'energia elettrica dopo la rimozione della tutela del prezzo (mercato tutelato), avrà durata fino al 31.3.2027, salvo eventuali proroghe, e comporterà la possibilità di avere una tariffa applicata dall'ARERA vantaggiosa così come quella che, oggi, viene applicata agli utenti vulnerabili.

Naturalmente, ogni cliente, vulnerabile o meno, può scegliere in ogni momento di entrare nel mercato libero. E' importante, quindi, avere a mente la scadenza del 30.6.2024 per la scelta dell'operatore della fornitura di energia elettrica che si può così riassumere. Se sei un cliente sul libero mercato, vulnerabile o non vulnerabile, e vuoi continuare a restare sul libero mercato, non devi fare nulla.

Se sei un cliente vulnerabile sul libero mercato e vuoi accedere al servizio di maggior tutela (che per i clienti vulnerabili proseguirà anche oltre il 1° luglio

2024), devi presentare richiesta all'esercente il servizio di maggior tutela e cioè all'AMET. Se non sei già identificato come cliente vulnerabile (cioè la tua condizione di vulnerabilità non deriva dall'età) devi anche inviare all'esercente il servizio di maggior tutela, e cioè all'AMET, il modulo di autocertificazione.

Se sei un cliente non vulnerabile sul libero mercato e vuoi tornare al servizio di Maggior Tutela, puoi farlo fino alla scadenza di quest'ultimo (30 giugno 2024 perché dal 1° luglio 2024 la Maggior Tutela cederà il posto al Servizio a tutele graduali, nel quale i clienti non vulnerabili non potranno entrare).

In tutto questo momento di transizione gli uffici di Amet s.p.a. presteranno la loro assistenza agli utenti e in ogni caso la nuova società erogatrice della fornitura di energia elettrica per i soli vulnerabili resterà sempre negli attuali locali adibiti come sportelli per il pubblico.
  • Amet
Altri contenuti a tema
Amet Trani, Cgil: «L’azienda resti pubblica, è un bene di tutti i cittadini»  Amet Trani, Cgil: «L’azienda resti pubblica, è un bene di tutti i cittadini»  Interviene la coordinatrice della camera del lavoro Francesca Bruno dopo aver incontrato i vertici della municipalizzata
1 Perché dobbiamo fare di tutto per salvare Amet Perché dobbiamo fare di tutto per salvare Amet Una riflessione di Francesco Tomasicchio
Querelle Nigretti-Bottaro, Barresi interviene a difesa dell'Ad di Amet Querelle Nigretti-Bottaro, Barresi interviene a difesa dell'Ad di Amet "Spalle dritte e testa alta, noi siamo con lei"
Amet: Bottaro risponde a Nigretti Amet: Bottaro risponde a Nigretti "Necessaria ľinterruzione per procedere con gare pubbliche per ľaffidamento dei servizi"
Smart Go City, presentati oggi a Trani i nuovi bus elettrici Smart Go City, presentati oggi a Trani i nuovi bus elettrici Altri sei mezzi in arrivo nei prossimi mesi
Smart Go City: arrivano a Trani altri tre bus elettrici Smart Go City: arrivano a Trani altri tre bus elettrici I tre mezzi sono stati ceduti in usufrutto all’Amet SpA ed entreranno da subito in servizio
Project financing sui parcheggi, i dubbi del consigliere Di Leo Project financing sui parcheggi, i dubbi del consigliere Di Leo Il capogruppo scrive al Comune, Amet e Revisore dei Conti
Illuminazione pubblica, Oikos: «Un possibile errore di valutazione con la City Green Light» Illuminazione pubblica, Oikos: «Un possibile errore di valutazione con la City Green Light» «Oggi stiamo pagando un servizio non efficiente che complessivamente costerà di più dei canoni che il Comune corrispondeva ad Amet»
© 2001-2024 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.