Operazione Pointbreack - conferenza in Procura
Operazione Pointbreack - conferenza in Procura
Cronaca

Racket estorsioni, per Vito Corda chiesti 4 anni e 8 mesi di reclusione

Oggi a Bari la nuova udienza. Ecco tutte le richieste di condanna

Si è tenuta oggi, nel Tribunale di Bari, la prima udienza per l'organizzazione che gestiva il racket delle estorsioni su tutto il nord barese. Era febbraio dello scorso anno quando i carabinieri avevano arrestato 7 persone facenti capo ad un agguerrito gruppo criminale, in particolare della città di Trani, specializzati nell'imposizione a gran parte del tessuto economico cittadino del "pizzo". Per Vito Corda, alias "Il Napoletano", mente ispiratrice nell'organizzare le attività illecite, è stata richiesta dal pubblico ministero una pena di reclusione di 4 anni e 8 mesi, pena ridotta "conquistata" dopo essere diventato collaboratore di giustizia.

Pe l'albanese, Gishti Ilir, pregiudicato già sottoposto agli arresti domiciliari, è stata invece richiesta una pena di 8 anni e 8000 euro di multa. Per Giuseppe Corda, pregiudicato e sorvegliato speciale della polizia di Stato, 4 anni e 4000 euro di multa. E ancora, 4 anni e 2 mesi per Michele Di Feo; per Nicola Petrilli 2 anni e 8 mesi; per Pasquale Pignataro, detto "u sghess", 10 anni e 10mila euro di multa.

L'azione criminale, estesa all'intero territorio cittadino e caratterizzata da un pesante clima di terrore, nonché dalle minacce espresse di danneggiamenti alle cose e di lesioni personali alle vittime, ha interessato la quasi totalità dei settori economici. Commercianti e ristoratori, imprenditori del settore edile, tessile e di estrazione della rinomata pietra tranese, dai quali i malviventi pretendevano il pagamento di somme di denaro fino a 40.000 euro, minacciando di compiere incendi e danneggiamenti alle rispettive attività, qualora non avessero aderito.
  • Estorsioni
Altri contenuti a tema
Racket estorsioni, per Vito Corda una pena di 4 anni e mezzo di reclusione Racket estorsioni, per Vito Corda una pena di 4 anni e mezzo di reclusione Condannati sette imputati su otto con l'aggravante del metodo mafioso
Tentate estorsioni, chiesti 6 anni e 8 mesi per Michele Regano Tentate estorsioni, chiesti 6 anni e 8 mesi per Michele Regano Pignataro, collaboratore di giustizia, avrebbe raccontato il modo di agire
Blitz anti estorsioni, Maria De Simone va ai domiciliari Blitz anti estorsioni, Maria De Simone va ai domiciliari La 62enne era finita in carcere mentre tentava di disfarsi di un involucro con cocaina
Blitz anti estorsione, Maria De Simone non risponde al gip Blitz anti estorsione, Maria De Simone non risponde al gip Chiesti i domiciliari per la madre di Vito Corda perché estranea alle richieste di "pizzo"
Arresti per estorsione, la soddisfazione di de Scisciolo Arresti per estorsione, la soddisfazione di de Scisciolo Plauso alle forze dell'ordine anche da parte dell'Antiracket di Molfetta
Sicurezza Bat, questa mattina il punto in Prefettura Sicurezza Bat, questa mattina il punto in Prefettura Apprezzamenti per l'operazione contro la banda di estorsori tranesi
Sgominata banda di estorsori, plauso del prefetto Sgominata banda di estorsori, plauso del prefetto Clara Minerva: «Il risultato di una forte azione di contrasto»
Il procuratore Giannella: «Dinamica criminale che forse sta riprendendo piede» Il procuratore Giannella: «Dinamica criminale che forse sta riprendendo piede» L'allarme lanciato durante la conferenza stampa per il blitz antiracket
© 2001-2019 TraniViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica telematica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TraniViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.